Maria Laura Cruciani

Maria Laura Cruciani

Purtroppo le difficoltà del mondo del lavoro non si conciliano con i sogni dei più giovani che, pur di lavorare nel settore, sono pronti a prestare gratis il proprio operato.

1240
0
stampa articolo Scarica pdf

Tra un impegno ed un altro, Maria Laura Cruciani si confronta per Unfolding Roma esponendo il suo pensiero sui problemi e tendenze attuali. Un’intervista a tutto tondo con una giornalista, conduttrice radiofonica con esperienza in tv e da sempre fedele ai studi classici. Dalla Trieste barocca a Lucio Battisti passando per i gusti alimentari, da Papa Francesco ai scorci di Roma.

Capitolo giornalismo. “C’è chi è giornalista e chi impiegato della stampa”, questa è una celebre battuta del film per ricordare Giancarlo Siani. Cambiano gli scenari ma la sostanza sembrerebbe sempre quella, sei d’accordo?

La sostanza è quella oggi più di allora. Purtroppo le difficoltà del mondo del lavoro non si conciliano con i sogni dei più giovani che, pur di lavorare nel settore, sono pronti a prestare gratis il proprio operato. Non è più “gavetta”, quanto un sogno più forte di una realtà non del tutto incoraggiante. E non è un caso che più di qualcuno sfrutti questa disponibilità per portare avanti testate, emittenti, tutto a scapito della qualità.

I media hanno un potere forte. Non pensi che portare all’attenzione anche la situazione di tutti i giornalisti minacciati di morte che vivono sotto scorta può essere un esempio utile ai ragazzi per approfondire, capire sui temi più delicati e disparati?

Il compito di un'informazione che non sia superficiale, credo sia proprio questo: far riflettere.

Vespa invita i Casamonica sulla tv di Stato. Maurizio Lupi parla di “giornalismo applicato nel sentire tutte le campane” scatenando le ire del Campidoglio. Trovata pubblicitaria, normale deontologia applicata, provocazione o che altro?

Semplice informazione. Nel salotto di Bruno Vespa sono stati ascoltati i protagonisti di una vicenda sul quale l'opinione pubblica si è scatenata. Premesso che i due non hanno problemi con la giustizia, compito di un giornalista è fare la migliore informazione possibile garantendo il pluralismo. Non dimentichiamo, in ogni caso, che Enzo Biagi intervistò dei mafiosi.

La legge sui flussi migratori ha avuto un effetto positivo o in parte è stato un fallimento?

Non penso si tratti di fallimento, ma di epoche e congiunture che sono cambiate con il tempo

Centro – destra e centro – sinistra. Chi vedresti bene come leader in un prossimo futuro?

Posso astenermi dal rispondere!?

Come sono cambiati i termini giornalistici sportivi da Gianni Brera ad oggi?

Il linguaggio giornalistico è in continua evoluzione, soprattutto in questo periodo storico, ma non credo che i termini siano cambiati poi molto, semplicemente perchè penso ci sia una singolare tendenza all'emulazione del genere di talune grandi firme e l'uso smodato di frasi fatte.

Papa Francesco sta rivoluzionando il mondo della Chiesa su temi sensibili alla collettività trovando ampi consensi. Non credi che i suoi interventi influenzano anche il mondo politico italiano?

Sicuramente le innovazioni che Papa Francesco sta apportando al mondo della Chiesa in maniera collaterale influenzano anche il mondo della politica

Per lavoro hai girato tanti luoghi sacri. L’Italia ha culture radicate nell’accoglienza nell’ospitalità e nella semplicità. Quale posto e quale aneddoto ricordi con più piacere?

Una delle prime trasferte, a Minervino Murge. Un paese delizioso di casine bianche arroccato sulle pendici del monte, la cui Parrocchia era curata minuziosamente da Don Cinzio, appassionato e vero. Aveva allestito una tv locale con mezzi di fortuna e trasmetteva settimanalmente ai suoi cittadini

Ami Roma. Quale strada, scorcio, panorama rappresenta di più il tuo stato d’animo?

Il Circo Massimo, con la sua luce al tramonto. Mi riporta sempre con la mente al giorno della maturità.

Tante passioni, su tutte lo sport. In Italia c’è un alto tasso di sovrappeso soprattutto tra i ragazzi adolescenti. Non credi che sia il riflesso di un modello culturale che non trova le motivazioni adatte alla continuità di un lavoro?

Più che altro è una mancanza di educazione alimentare dovuta ai ritmi di vita quotidiana che non consentono tempi e comfort necessari per mangiare “bene”

La frequenza, la durata e l’intensità è la base per un ottimo allenamento. Come dovrebbe essere secondo te un’ottima prestazione aerobica? Quali esercizi da fare?

Per definizione l'esercizio aerobico risponde alla capacità da parte dell'organismo di svolgere un esercizio muscolare generalizzato, con una FC compresa tra il 65 e l'80 %, il più a lungo possibile Il training aerobico è fondamentale in qualunque buon programma di fitness: non soltanto fa lavorare in maniera ottimale l'apparato cardiorespiratorio e migliora la forma fisica, ma presenta molti altri vantaggi, per esempio quello di migliorare la concentrazione e di ridurre i rischi di malattie cardiovascolari. Nell'indoor cycling l'allenamento in endurance verte in questa direzione

Nella carbonara metti il pecorino o il parmigiano?

Nessuno dei due: non mangio pasta

Fantasticando. Siamo in una Trieste barocca, dentro ad un caffè culturale. Con quale poeta, scrittore, artista vorresti fare due chiacchere e confrontarti?

Sicuramente Italo Svevo, il suo Emilio Brentani, l'incarnazione della figura dell'inetto, cioè di un uomo caratterizzato non da un'incapacità generica, ma da una volontà precisa di rifiutare le leggi sociali e la logica della lotta per la vita. Emilio Brentani, che nel vano tentativo di imitare l'amico Balli, spregiudicato e che fa colpo sulle donne tenta di conquistare una popolana Angiolina, che s'innamora dell'amico. La sorella è innamorata anche lei di Balli e muore d'etere

17 anni fa ci lasciava Lucio Battisti. Non credi che lui, Rino Gaetano, Fabrizio de André e tanti altri artisti cantavano un’Italia quasi attuale. Si è fermato il tempo o loro stavano avanti?

Assolutamente precursori

Grazie Maria Laura e “ad maiora!” per i tuoi impegni futuri.

Mirco Cervelli

© Riproduzione riservata