Jozef Van Wissem, Golden Void + Holy Sons E Alexander Hacke & Danielle De Picciotto

Jozef Van Wissem, Golden Void + Holy Sons E Alexander Hacke & Danielle De Picciotto

Eventi Febbraio 2016

393
0
stampa articolo Scarica pdf

ALEXANDER HACKE
&
DANIELLE DE PICCIOTTOArriva in Italia la coppia berlinese per tre date "a journey to the beginning of time"
.-TheQuietus


All'inizio degli anni ottanta, gli Einstürzende Neubauten si formano a Berlino per iniziativa del cantante e chitarrista Blixa Bargeld, che recluta come bassista il quattordicenne Alexander Hacke.

Nel 1986, Alexander, entra a far parte della band australiana Crime and The City Solution.

La sua carriera artistica è costellata da collaborazioni e sperimentazioni, tra le quali, nel 2000, l’album “Sanctuary”: un progetto per cui ha deciso di spostarsi con un registratore portatile tra l’Europa e il Nord America, collaborando con numerosi artisti come J.G.Thirlwell (Foetus), Caspar Brötzmann, Larry Mullins (Toby Dammit),Vinnie Signorelli (Unsane), Michael Evans (KBZ 200), Sugarpie Jones (Celebrity Skin), Bob Rutman (Steel Cello Ensemble), Nils Wohlrabe (The Leather Nun),Andrew Chudy (alias N.U. Unruh, Einstürzende Neubauten), Lary 7 (The Analog Society) e David Yow (The Jesus Lizard). Con questo lavoro Hacke viene paragonato dalla critica a Frank Zappa e Captain Beefheart.

Dal 2001 Hacke comincia la sua collaborazione con l’artista americana Danielle de Picciotto, nonché sua moglie. Insieme sviluppano differenti progetti artistici basati su musica e performance.

Danielle de Picciotto è nata il 1965 negli Stati Uniti. Il suo nome è legato alla Love Parade, la più grande festa all’aperto in tutto mondo, fondata da lei negli anni novanta con il suo ex compagno Dr. Motte.

Da illustratrice, pittrice, curatrice e artista visuale, ha plasmato la scena underground degli anni novanta dell’appena riunificata Berlino. Ha cantato per la Band Space Cowboys ed è stata l’ideatrice di “Ocean Club”, un foro di arte e musica, e della galleria “Das Institut”.

Originariamente artista figurativa, con il passare del tempo Danielle ha abbracciato le mille figure dell'espressione artistica. Sperimenta la letteratura, il cinema e, principalmente, la musica che le darà straordinaria visibilità nella sua esistenza.

Nel 1995 realizza l’album “Members Of The Ocean Club” in collaborazione conGudrun Gut e artisti come Blixa Bargeld, prodotto dalla Alternation Records.
Nel 2015 presenta “Tacoma", il suo primo album solista, prodotto dalla Moabit Music Records. In quest'album Danielle crea scenari sonici come nessun altro. Impiega strumenti inusuali, come la ghironda e l'auto-harp, mentre accompagna il suo parlato e la sua timbrica vocale con livelli di armonie di violini, evocando l'immaginario di un panorama desertico solitario, foreste stregate e stati ipnotici dell'altro mondo mentre cavalca tempeste marine tramite un insieme di registrazioni di vari fenomeni della natura con Influenze radiofoniche, percussioni tribali riverberate, accoglienze elettroniche, e genuine e rassicuranti vibrazioni organiche di mantra e droni generati organicamente. Le sue parole sono incentrate sulle implicazioni mistiche della vita nomade, sulle veggenti interpretazioni dell'intuito femminile, sui racconti di rivelazioni surreali, mentre le parti strumentali di questo sorprendente album guidano l'ascoltatore tra sentieri mai percorsi o, come Danielle stessa che per la prima volta torna nella sua Terra Natia, verso un viaggio all'Origine.
Di nuovo in tour insieme, la coppia Hacke-Picciotto presenteranno canzoni del loro prossimo album “Persevantia”, in uscita a Febbraio 2016 e dall’album solista di Danielle de Picciotto “Tacoma”.

Pentagon Booking presenta tre date italiane:
10.2 - Circolo Arci Zone K - Via Santa Margherita 331
Ferrara
Ingresso €13 (Riservato ai soci ARCI)
Per prenotazione biglietti scrivere a:
prenotazionizonek@gmail.com, indicando nome, cognome, numero di telefono e quantità di biglietti.

11.2 - Csoa TNT - Via Gallodoro 68ter
Jesi
Info evento: http://on.fb.me/1PnhwuG

12.2 - PNBOX Studios - Via Vittorio Veneto 23
Pordenone
Info evento: http://on.fb.me/1WB499x

Links:
http://www.hacke.org/
http://www.danielledepicciotto.com/
___________________________________________________________________
GOLDEN VOID
+
HOLY SONS La Psichedelia della Bay Area arriva in Italia per due date

Prendono il nome da una canzone degli Hawkwind. I Golden Void sono la nuova faccia della scena psych della Bay Area. Il loro sound è figlio della sua terra: un rock totalmente sudista, pieno di riferimenti seventies. “The Sound of the South” modernizzato alla perfezione.

La band è formata da Isaiah Mitchell (chitarrista e cantante degli Earthless) alla chitarra e voce, Camilla Saufley-Mitchell alle tastiere, Aaron Morgan al basso eJustin Pinkerton alla batteria. Il suono dei Golden Void parte da influenze classiche quali Black Sabbath e Pentagram, per poi arrivare ad un perfetto equilibrio di riff profondi e melodie psichedeliche. Il loro primo album omonimo esce per la ThrillJockey nel 2012, registrato nei Lucky Cat Studios di San Francisco con Phil Manley, che ha lavorato già con Moon Duo e Wooden Shjips. Un album a cavallo tra lo stoner e lo space rock. Suono che viene confermato, ancora più raffinato ed elaborato, nel 2015, con il secondo album “Berkana”, registrato nei Louder Studiosdi Tim Green (già produttore di Melvins, Lungfish, The Fucking Champs, Sleepy Sun, Wolves in the Throne Room).
In questo disco ogni membro del gruppo contribuisce alla scrittura e all’ arrangiamento dei pezzi.

Nel 2012 i Golden Void sono stati definiti “The Bay Area’s best new psych band” da The Bay Bridged.

Una band che affonda le radici nel passato ma che elabora una ricerca musicale unica, creando un vero e proprio marchio di fabbrica sonoro.

Per le due date italiane nel mese di Febbraio i Golden Void avranno in aperturaHoly Sons, ossia Emil Amos (ex Grails, Om e Lilacs & Champagne), altro artista di casa Thrill Jockey. Ciò che contraddistingue il suo sound sono l’oscurità e la malinconia. Esce nel 2015 con il suo undicesimo lavoro “Fall Of Man”, registrato tra Portland, Oregon e Brooklyn con i produttori Brandon Eggleston (Mountain, Goats, Swans), Al Carlson (Oneohtrix Point Never) e Jeff Saltzman (Grails).
Nei mesi di Agosto e Settembre 2016 sarà in tour con la band Earth nella costa est americana.

Pentagon Booking presenta due date italiane:
06.02 - Blah Blah - Via Po, 21
Torino
Ingresso €10

07.02 - Bronson - Via Cella, 50
Madonna Dell'albero (RA)
+ Jozef Van Wissem
Ingresso:
€10 + D.p. in prevendita (Disponibile anche in cassa)
Link: bit.ly/PrevenditeBronson
€12 in cassa

Links:
https://goldenvoidtj.bandcamp.com/
https://holysons.bandcamp.com/
___________________________________________________________________
JOZEF VAN WISSEM Torna in Italia il punk della musica medievale con otto date nel mese di febbraio
"He’s obsessed with an instrument that may strike many as an arcane novelty, but for him it is utterly contemporary"
.-The Washington Post



Jozef van Wissem (Maastricht, 1962) è un compositore, liutista e musicista mi- nimale. Considerato il Burroughs della musica, dato l’utilizzo della tecnica del “cut-up" su spartiti musicali medievali e quindi conosciuto per il suo approccio punk ad uno strumento classico quale il liuto.

Van Wissem grazie alla sua sperimentazione, condivisa con il pubblico per la prima volta nel 2000, ha dato nuova vita, estrema, destrutturata, a quella che è la musica rinascimentale e barocca, pur conservando l’eleganza dell’armonia. Una sorta di classismo di scuola Throbbing Gristle.

Il suo estremo talento è stato richiesto da uno dei registi e musicisti sperimentali contemporanei più influenti, Jim Jarmush, l’uomo che ha elevato il DIY ad incre- dibili livelli pop, nell’accezione più positiva del termine. La loro collaborazione nasce nel 2012 con l’album Concerning the Entrance into Eternity, prodotto dalla Important Records. Collaborazione duratura che si sviluppa in un capolavoro quale la colonna sonora dell’ultimo film di Jarmush “Only Lovers Left Alive”, che diventa un vero e proprio album.

Ma la collaborazione con Jim Jarmush non è l’unica e la più importante. Il nostro anarco punk Jozef, gode, nel 2007, di un’importantissima unione artistica con uno degli artisti della scena industrial/harsh noise più affermati: Maurizio Bianchi; pubblicando l’album Das Platinzeitalter, prodotto dalla Incunabulum Records.

Pentagon Booking è orgogliosa di annunciare otto date italiane, tra cui una data speciale in una location da brividi: la Chiesa di Santa Cristina a Parma. Chiesa nota per il suo stile barocco e la bellezza dei dipinti che la decorano al suo interno.

04.02 - Teatro Altrove - Piazza Cambiaso, 1
Genova
Info evento: http://on.fb.me/1SBuq8A

05.02 - Lo-Fi -  Via Pietro e Giuseppe Pestagalli
Milano
Ingresso €10 (Riservato ai soci ARCI)

06.02 - Chiesa di Santa Cristina
Parma
Prevendite disponibili a breve
Info evento: http://on.fb.me/1PsHI0H

07.02 - Bronson - Via Cella, 50
Madonna Dell'albero (RA)
+ Golden Void e Holy Sons
Ingress:
€10 + D.p. in prevendita (Disponibile anche in cassa)
Link: bit.ly/PrevenditeBronson
€12 in cassa

09.02 - Dal Verme - Via Luchino dal Verme, 8
Roma
Ingresso €7 (Riservato ai soci ARCI)

10.02 - Cotton Club - Corso CanalGrande 86
Modena
Ingresso gratuito

11.02 - Officina 34 - Via dell'Istituto Denti, 34
Foligno PG

12.02 - Circolo Arci Zone K - Via Santa Margherita
Ferrara Ingreso Up-to-you (Riservato ai soci ARCI)

Link:
http://www.jozefvanwissem.com/

© Riproduzione riservata