Milan - Torino: A San Siro Si Suona La Nona!

I rossoneri festeggiano i 30 anni di gestione Berlusconi con una vittoria

376
0
stampa articolo Scarica pdf

Diluvio a San Siro nella serata in cui, dopo avere incassato la rinnovata fiducia da parte di presidente Berlusconi, a Milanello venerdì per festeggiare ufficialmente i 30 anni di presidenza scattati una settimana fa, Mihajlovic ritrova anche la vicinanza dei tifosi che lo accolgono con meritati cori a suo favore, soprattutto grazie alla grande prestazione di Napoli.

La facile vittoria della Roma ad Empoli tiene lontana la zona Champions, ma viste le due partite difficili che attendono Inter e Fiorentina è giusto credere di rosicchiare qualche punto alle dirette concorrenti, fosse anche solo per ottenere un quarto o quinto posto finale, che significherebbero non solo la qualificazione in Europa League, ma anche un'estate più tranquilla e quindi una stagione da preparare senza anticipare i tempi.

I dettami del serbo sono chiari: il Milan dovrà essere aggressivo e giocare alto, nonostante questo significhi scoprire il fianco alle note ripartenze del Torino e questo è ciò che si vede per gran parte del primo tempo al Meazza, in 45' minuti tutt'altro che noiosi. Grandi occasioni da entrambe le parti: due quelle per i granata, prima con Bruno Perez fermato con un'uscita a valanga di Donnarumma e poi con Immobile, ben contenuto da Zapata ed altrettante per il Milan, prima con una punizione di Honda che si stampa sulla traversa e poi con un bel tiro di Bonaventura deviato in angolo da Padelli. A passare sul filo di lana sono però i rossoneri, ad un minuto dallo scoccare del 45', con Antonelli bravo a ribadire in porta una spizzata di testa di Kucka sul calcio d'angolo e risultato fissato sull'1-0 per i padroni di casa, tutto sommato meritato.

Nel secondo tempo, come prevedibile, il copione cambia: è il Torino a pressare alto e il Milan a giocare in contropiede, per provare a segnare il goal che chiuderebbe la partita: goal che arriva al 61' da parte di Bacca, ma il guardalinee annulla giustamente per fuorigioco. La reazione granata si traduce in un forcing a metà della ripresa, con un pressing alto che mette paura ad una retroguardia rossonera un po' stanca ed induce Abate a beccarsi un giallo che gli costerà la presenza contro il Sassuolo. Al '72 è ancora Donnarumma a mettersi in luce, respingendo in angolo un grande tiro di Immobile: Milan in evidente affanno, nonostante l'ingresso di Boateng per provare a dare un po' di fisicità.

Sul finale, Ventura ci prova mettendo prima Maxi Lopez e poi Martinez, passando di fatto a quel 4-2-4 che ricordiamo dai tempi di Bari e Mihajlovic risponde con Balotelli per Bacca, ma il fortino dei rossoneri resiste nonostante l'evidente stanchezza e arrivano quei tre punti fondamentali per la classifica ed il morale. Domenica prossima, trasferta a Reggio Emilia ed ennesima "finale", contro la squadra che nel girone di andata aveva regalato la prima presenza a Donnarumma e soprattutto una vittoria che avrebbe rappresentato l'inizio dei progressi della stagione del Milan, arrivato stasera a nove risultati utili consecutivi.

Matteo Tencaioli

Formazioni ufficiali:

MILAN (4-4-2): Donnarumma; Abate, Alex, Zapata, Antonelli; Honda, Kucka, Bertolacci, Bonaventura; Bacca (89' Balotelli), Niang (69' Boateng). All.: Mihajlovic

TORINO (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Zappacosta (86' Martinez), Acquah, Vives, Baselli (77' Maxi Lopez), Bruno Peres; Belotti, Immobile. All.: Ventura


© Riproduzione riservata