Nuovi Progetti In Arrivo Per I Musei Civici

Nuovi Progetti In Arrivo Per I Musei Civici

Visitatori in crescita

203
0
stampa articolo Scarica pdf

Presentati a Palazzo Braschi i dati relativi alla fruizione museale a Roma: elementi positivi che parlano di un crescente e costante impulso alle attività che si svolgono all'interno dei musei. Un dato importante che registra un aumento di visitatori nei musei civici e un interessante balzo in avanti per quanto riguarda il primo quadrimestre del nuovo anno a sottolineare l’incessante lavoro svolto da chi si prende cura del patrimonio artistico della Capitale: 21 musei civici in cui operano, all'interno del sistema museale, circa 200 persone.

Numerose, inoltre, le novità che raccontano dell'espansione di un modello culturale che offre la possibilità di fruire anche con l’ausilio di mezzi multimediali del patrimonio artistico e archeologico; uno fra tutti, l'ampliamento del progetto, ad oggi in corso nei Fori, tramite realtà aumentata anche al Circo Massimo. Il nuovo progetto, che andrà ad arricchire la visita in orario diurno, partirà all’inizio del 2018.

Tra le iniziative Pausa Museo. Mettiti in play, progetto che permette di fruire delle strutture museali durante l'orario della pausa pranzo. L'offerta, articolata in tre brevi incursioni giornaliere, musicali o teatrali, della durata di 25 minuti, permetterà ai visitatori di ammirare le bellezze artistiche per un break dal lavoro rilassante e in grado anche di arricchire culturalmente.

Anche Villa Torlonia torna in vita grazie a numerose iniziative museali, con aperture serali in programma tutti i sabati sera dalle 20 alle 24, tra spettacoli e concerti realizzati in collaborazione con le istituzioni della città.

Il contest Musei Social Club sarà un esperimento che aprirà le porte di alcuni spazi culturali gestiti da Roma Capitale a giovani artisti fra i 18 e i 30 anni attivi nella musica, nella danza e nel teatro. Prima scadenza il 21 giugno, entro cui sarà possibile inviare, alla mail social@museiincomune.it, un video di presentazione del proprio progetto; questo potrà essere votato dagli utenti fino al 28 giugno mettendo un like.

Come sottolineato dal Sovrintendente Claudio Parisi Presicce, “Quando pensiamo ai numeri pensiamo sempre ai luoghi d'incontro in cui avvengono. Partendo dai dati del 2016 si riscontra un aumento rispetto al 2015 del 4,6%; il dato dei musei gratuiti è ancora più soddisfacente con un aumento del 12,9%. Nel corso del 2016 sono state incrementare le attività di valorizzazione proposte all'interno dei musei gratuiti per farli conoscere perché poco frequentati pur essendo un’enorme ricchezza nell’ambito del patrimonio artistico cittadino per la specificità delle collezioni”.

Il totale dell'aumento di visitatori per il 2016 rispetto al 2015 si fissa sul 5,6% con un significativo aumento anche per quanto riguarda gli incassi (0,9% del 2016 rispetto all’anno precedente). Un miglioramento riscontrabile anche per quanto riguarda le realtà più distanti da quelle centrali e maggiormente rinomate.

Dati che derivano dalle nuove proposte presentate all'insegna di un aumento di pubblico e dedicate anche a chi per la prima volta si affaccia alle realtà museali.

Tra le novità introdotte nel 2017 anche la realizzazione di un nuovo spazio per le mostre temporanee negli spazi della Centrale Montemartini; realtà che permettono di realizzare una produzione culturale legata al nostro patrimonio spesso dispersa o allontanatasi dalla Capitale.

A Palazzo Braschi, dopo il grande successo della mostra dedicata a Artemisia Gentileschi, tra pochi giorni verrà inaugurata quella su Piranesi, che riunisce per la prima volta la poliedrica produzione settencentesca di Giambattista Piranesi. Un calendario fitto di iniziative che spazia tra Hokusai all'Ara Pacis, la mostra dedicata a Traiano, antesignano dell'Europa celebrato nel suo anniversario, l’esposizione Artisti all'Opera che vedrà in scena scenografie e costumi di spettacoli che hanno fatto grande il Teatro dell'Opera. Al Macro verranno, inoltre, celebrati gli anni Sessanta con la mostra Roma68; Il tesoro di antichità. Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del settecento celebrerà gli anniversari di Winckelmann del 2017 e 2018 per mezzo dei suoi disegni.

Anche il 2018 si preannuncia ricco di mostre importanti con Canaletto protagonista al Museo di Roma, il Mausoleo di Augusto raccontato all’Ara Pacis e la selezione delle opere della Collezione Torlonia in mostra nel nuovo spazio di Palazzo Caffarelli in Campidoglio.

Un grande lavoro accompagnato da altrettante piccole mostre da non perdere e da un’intensa produzione editoriale per un pullulare di iniziative e progetti che sicuramente non lasceranno i visitatori insoddisfatti.

Ilenia Maria Melis

www.museiincomuneroma.it

© Riproduzione riservata