OMICIDI IN PAUSA PRANZO

OMICIDI IN PAUSA PRANZO

Un ironico thriller liberamente tratto dall'omonimo romanzo di Viola Veloce in scena al Teatro San Babila di Milano

203
0
stampa articolo Scarica pdf

Chiude la Stagione di Prosa del Teatro San Babila lo spettacolo “Omicidi in pausa pranzo” coprodotto da Fama Fantasma Srl-Teatro San Babila e Teatro Nazionale Croato Ivan Zajc (Rijeka) / Dramma Italiano di Fiume. Si tratta di un testo liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Viola Veloce e adattato da Paola Galassi, Rossana Carretto e Marcello Mocchi. La regia è di Paola Galassi, gli interpreti sono Rossana Carretto, Ussi Alzati, Rosanna Bubola, Alfredo Colina, Daniele Crasti, Giuseppe Nicodemo e Marco Vaccari.

Protagonista della piéce è Francesca Zanardelli (Rossana Carretto), un'impiegata di una grande azienda che rientrando dalla pausa pranzo trova in ufficio il cadavere della Sereni, la sua insopportabile collega, strangolata con una corda bianca.
Le indagini sull'omicidio vengono affidate all'Ispettore Lattanzi, un “anti-commissario Montalbano” che dopo lunghi interrogatori, scrupolose analisi della scena del crimine e rilevamento d'impronte... brancola nel buio!
Vernini, il direttore della compagnia, invita tutti i dipendenti alla calma, ma la paura è tanta e gli impiegati cominciano a sospettare l'uno dell'altro. Quando gli omicidi iniziano a moltiplicarsi, Francesca è costretta a trasformarsi in una improbabile investigatrice, assistita nelle indagini dalla segretaria: La signorina Laura. Le vicende aziendali, che narrano di una strana forma di mobbing tinto di giallo, si intersecano con la tragicomica vita di  Francesca che, piantata dal marito, passa la vita chiusa in una casa arredata dal padre ed spesso “occupata abusivamente” da una madre piuttosto invadente. La trama “crime” è un pretesto per  portare alla luce, in maniera ironica, la vita quotidiana di chi lavora in ufficio e le disgrazie alle quali sono condannati i poveri impiegati, vittime dell'attuale crisi del lavoro…

Lo spettacolo è divertente e ha ritmo. Gli attori, bravi e convincenti, incarnano perfettamente gli stereotipi della commedia surreale: l'impiegata triste e impacciata, il capo aguzzino, l'investigatore egocentrico ed imbranato... dando vita ad un tragicomico gioco delle parti.
Consigliato per una serata all'insegna dell'allegria.

Adriana Fenzi


Orari spettacoli
martedì – giovedì – venerdì – sabato ore 20.30               
mercoledì – sabato - domenica ore 15.30

Biglietti
Da euro 18 a euro 25

TEATRO SAN BABILA
Corso Venezia, 2/A - 20121 Milano -Tel. 02 798010
info@teatrosanbabilamilano.it
www.teatrosanbabilamilano.it

© Riproduzione riservata