La Nascita Del Canto Femminile Europeo

La Nascita Del Canto Femminile Europeo

Domenica 11 Febbraio Terzo appuntamento di Domenica Classica al Teatro Sala Umberto

146
0
stampa articolo Scarica pdf

Domenica 11 febbraio 2018, Teatro Sala Umberto di Roma, ore 11.00

Domenica 11 febbraio 2018 alle ore 11.00, Ilona Balint alla viola, Katia Castelli mezzosoprano ed Edina Bak al pianoforte in concerto con “La nascita del canto femminile europeo. Mezzosoprano e viola due voci d’oro…rosso” per il terzo appuntamento del ciclo Domenica Classica, in corso al Teatro Sala Umberto di Roma.

Dopo l’appuntamento del 26 novembre 2017 dedicato alla Trisonata barocca e quello del 21 gennaio in omaggio a Mozart, ritornano le matinée organizzate dall'Associazione Suono e Immagine Onlus dedicate alla musica classica con un concerto per viola e mezzosoprano tutto al femminile, per intenti ed esecuzione.

“La nascita del canto femminile europeo. Mezzosoprano e viola due voci d’oro…rosso”, eseguito da Ilona Balint, Edina Bak e Katia Castelli, ripercorre, infatti, la strada della crescita della donna come soggetto nella drammaturgia dell’opera e nell’arte del canto: una lunga gestazione, avvenuta nell’orchestra prima e nel canto poi, che ha condotto all’affermazione della voce femminile e della sua presenza nella musica. In questo concerto, voce e strumento femminili si alternano, trovando una perfetta armonia, attraverso un repertorio che abbraccia l’Europa musicale, in un arco temporale che va dal primo ‘700 all’ultimo ‘800: Giordani, Haendel, Bach, Gluck, Reger, Rossini, Vieuxtemps.

Fonte d'ispirazione del concerto è l'alternanza fra la voce di mezzosoprano/contralto e la viola, intese come entità femminili: la donna insieme allo strumento musicale che la rappresenta, unite nel rispettivo percorso, attraverso la Storia della Musica. Nella percezione comune, nella famiglia degli strumenti musicali, infatti, la viola è femminile e il violino, anche se di voce più acuta, maschile. La viola è genitrice del violino che, originariamente, era indicato, infatti, come “piccola viola”.

Mentre il violino, agile e rapido, è diventato, prima nelle mani di uomini, ma in seguito anche di donne, il simbolo del virtuosismo solistico e dell’azzardo, la viola, invece, si è sviluppata armoniosamente e più costantemente nel tempo, fino a diventare anch’ella strumento solista, ma in costante rapporto con il collettivo, dunque, estranea all’esibizionismo.

Sembrerebbe che la viola, elemento femminile nell’orchestra, abbia indicato in anticipo la stessa strada percorsa dalla donna nella drammaturgia lirica e nel canto che, partendo dal “Combattimento di Tancredi e Clorinda”, del 1624, dove Clorinda è una soldatessa pagana, attraversa le eroine del verismo e oltre, passando per il mito.

L'Associazione Suono e Immagine Onlus presenta il terzo appuntamento di Domenica Classica, con la direzione artistica di Lorenzo Porta Del Lungo. Il ciclo di concerti si concluderà il 15 aprile 2018 e si propone di animare la domenica mattina romana, diffondere la cultura musicale classica a un pubblico eterogeneo e stimolare l'approfondimento della conoscenza della storia della musica.

© Riproduzione riservata