VINTAGE

Sabato 4 luglio 2015 – h.21.30 .GAY VILLAGE 2015 –XIV Edizione

297
0
stampa articolo
3

.GAY VILLAGE 2015 –XIV Edizione

Dal 18 giugno al 12 settembre 2015

Dal giovedì al sabato - APERTURA h. 19.00 - Ingresso gratuito dalle 19.00 alle 21.00

Giovedì: 10 € - Venerdì: 13 € - Sabato: 18 € (comprese consumazioni)

Roma Eur - Parco del Ninfeo - Via delle Tre Fontane angolo Via dell’Agricoltura

Tel. 349 9563014 - Info: www.gayvillage.it

Sabato 4 luglio 2015 – h.21.30

“VINTAGE”

un folle recital tutto da ridere

di e con Michela Andreozzi e Max Vado

Con la partecipazione di Alessandro Greggia

a cura di Max Vado

Spettacolo per una comica, un partner, un pianoforte in anteprima nazionale al Gay VIllage. Michela Andreozzi passerà dalla “botulinizzata” Azzurra, aristocratica fan della chirurgia estetica, ai consigli della Sessuologa Calabrese vergine e imbranata; dalla Bambina inadeguata mascherata da Coccinella, agli omaggi a Franca Valeri e a Bice Valori per regalare al pubblico un’ora di comicità al femminile che non passa mai di moda.

Un po' come le donne di 40 anni, che sono... vintage, appunto, ma quanto mai di moda.

E allora parliamo delle quarantenni, che sono le nuove trentenni, e dei rapporti uomo-donna, della fedeltà, delle insidie nel mondo del lavoro, in un gioco sempre interattivo e attuale, scandito dalle hit dei personaggi iconici e quanto mai “vintage” presentati nell'ultima edizione di Tale e Quale: la Streisand, la Goggi, Gabriella Ferri; giocando con il pop dei Ricchi e Poveri o con  pezzi cult di Pippo Franco e della Carrà.Michela Andreozzi raccoglie in questo suo primo recital il meglio della sua produzione e dei suoi personaggi, con il supporto e l'intervento di Max Vado e il pianoforte di Alessandro Greggia.

Michela Andreozzi:

Metà romana, metà napoletana, più vicina ai 50 che ai 15, fa commedia da un discreto numero di anni. Scrive e quando può dirige. Canta, ogni tanto. In possesso di parecchi immeritati titoli di studio, parla 3 lingue, non contemporaneamente. A comando, si esprime in qualsiasi dialetto.Ama la famiglia, i 4 nipoti, il fidanzato, il divano, i libri e i film, Napoli, i Depeche Mode, le scarpe,i crudi di pesce, il caffè amaro, l'aperitivo a Torino, la metropolitana di Berlino, Brooklyn, le vecchie abitudini e le gite fuori porta per mercati.Detesta gli abiti di raso, il verde pastello, Parigi, la costa Smeralda, ma comunque cambia idea ogni 5 minuti ed è convinta che chi non la cambia sia un idiota.Gli amici la definiscono in mille modi, quasi sempre azzeccati. Lei si definisce insicura ma coraggiosa. Preferisce l'amore al matrimonio.

© Riproduzione riservata