MARINA D'AVANZO

MARINA D'AVANZO

MARINA D'AVANZO - GIOIELLI CON IL LATTE MATERNO

472
0
stampa articolo Scarica pdf

Quello dei gioielli fatti con latte materno è un tema che ha spaccato l’opinione pubblica tra sostenitori e assolutamente contrari.

Al giorno d’oggi questo argomento è uno dei più ricercati su Google.

Ne parliamo Marina Davanzo, giovane donna di Napoli, mamma da circa due anni. Marina lavora al progetto “Made with love Momda”, lei stessa ama definirsi un “artigiana del ricordo e che ora ci spiega il perchè.

Da quando di occupi della creazione di gioielli con il latte materno?

Posso dire che è iniziato tutto quando con mio marito abbiamo deciso di volere un bambino. Pensavamo sarebbe stato facile invece abbiamo patito tanto per averlo. Cira 7 anni di cure e attese. Una gravidanza sofferta, la rottura delle acque all’ottavo mese. Nonostante questo ho pregato il dottore perché rispettasse i tempi della nascita affinchè potessi avere un parto naturale. Ero mamma di due bimbi ma uno dei 2 l’ho perso quasi subito.

Dopo il concepimento volevo trovare la naturalezza della maternità che mi era stata tolta dalla fecondazione assistita. Ho sposato la filosofia del babywearing (l’arte di portare i bambini addosso) e l’allattamento è stato la mia più grande passione.

Conservare questi ricordi era importante per me. Cercando nel web ho trovato una signora americana che crea gioielli di latte materno. Ma volevo farlo da me, a mio gusto.

Hai pubblicizzato tu il tuo lavoro o sono state le altre mamme che, vedendo il tuo gioiello, hanno iniziato a richiederne qualcuno per sé?

Inizialmente collaboravo con un’altra mamma, poi le nostre strade si sono separate. Volevo trovare un sistema che mi soddisfacesse completamente. Ho iniziato a documentarmi e ho creato un gruppo su Facebook postando i miei lavori. Sono piaciuti subito. Le altre mamme dicono che si vede realmente che sono fatti con amore. Da qui la scelta del nome. “Made with love”.

Concretamente, come riesci a trasformare il latte materno in un gioiello? Non c’è il rischio che il latte possa andare a male? I gioielli sono biodegradabili? Possano perdere latte?

Il latte viene sigillato in maniera perfetta. Do inoltre indicazioni molto precise anche per la conservazione.

Sono gioielli per le mamme o anche i bimbi?

Li indossano entrambi. I bambini quando saranno grandi ma anche i papà, i nonni. Sono anche una idea per un dono all’ostetrica o alla madrina, il padrino di battesimo. Ho realizzato anche una linea per uomo.

E per quanto riguarda i costi invece?

Non parlerei di costi, ma di un rimborso spese. Il lavoro richiede tempo e passione (3-4 giorni in media ma dipende dalla lavorazione). La mia concezione della linea dei gioielli nasce dall’idea che debba essere per tutte le mamme, prima di essere bijoux infatti sono ricordi e messaggi d’amore e quelli non. Creo gioielli per tutte le tasche sempre nel rispetto della qualità che per me è prioritaria.

Hai parlato anche di nuove tecniche. A cosa ti riferisci?

Le mamme mi chiedono di creare gioielli per conservare il primo dentino, la prima ciocca di capelli, i monconi ombelicali. Realizzo delle scatoline di legno per il forte legame con la natura e ci cristallizzo i monconi ombelicali all’interno.

Che impressione ti ha fatto cristallizzare il primo moncone ombelicale?

Non mi ha fatto impressione! Per me il cordone rappresenta il primo legame di vita. E’ una cosa naturale. Sono altre le cose che impressionano … come il cattivo gusto in genere! Per la natura e le sue creature solo tanto rispetto.

Hai mai rifiutato una richiesta di lavoro, gioielli che ad esempio non ti piacevano?

Orecchini enormi a cerchio … non si potevano guardare! Grandi cerchi con una palla che scendeva. Quando faccio qualcosa ci metto la mia faccia e la mia firma. Ho un mio stile e lo seguo. Ad alcune richieste rinuncio con molta tranquillità e rispetto.

Che rapporti hai con le altre mamme?

Per me le mamme sono delle vere amiche virtuali. Ci sentiamo spesso. Condividiamo le gioie e le difficoltà dell’essere mamme. Non si tratta solo di creare gioielli ma di creare una comunità di mamme in contatto fra loro. Ci scambiamo consigli e supporto. Sto crescendo tanto come mamma proprio grazie al rapporto con loro. Questa è la cosa più bella! Il gioiello viene dopo.

Cosa pensi delle persone che trovano inquietanti queste pratiche e delle pagine Facebook che ne fanno oggetto di commenti e ilarità? Cosa vorresti dirgli se potessi avere un confronto con loro?

Nulla. Ogni opinione va rispettata purchè sia espressa con eleganza e senza offendere nessuno. Quando questo viene a mancare non ci può essere confronto, perché partono già mal intenzionati. L’allattamento se non lo si vive sulla propria pelle non lo si può raccontare agli altri. Chi non è superficiale questo lo capisce e si astiene dal dare giudizi.

Spesso le cantanti si adoperano nel creare linee di moda molto particolari e seducenti, talvolta al limite della decenza. Ti vorrei parlare di Rhianna. La collezione di lingerie e costumi firmata dalla popstar è un manifesto per le donne burrose o, più semplicemente, normali – il primo scatto della linea mostra una modella curvy, con in sottofondo le frasi di insicurezza fisica che molte donne pronunciano tutti i giorni: apprezzi questo tipo di comunicazione?

Sono per una comunicazione elegante che abbia il rispetto in primis per la Mamma, per il suo allattamento. Non amo le volgarità in genere che troppo spesso si vedono nei social ... penso che ogni forma di comunicazione vada bene basta soprattutto se a sfondo sociale, se a favore delle donne se abbia rispetto delle stesse.

Diffuse da William e Kate le prime due foto ufficiali del principino Louis: che riceve un tenero bacio dalla sorella Charlotte. Il piccolo Louis è ritratto con una tutina bianca: lui dorme e lei gli dà un tenero bacio. Ti chiedo se nel caso ti fosse concesso di creare un gioiello per questa famiglia che frase ti piacerebbe incidere sopra?

Bellissimo l’amore tra un fratello ed una sorella ... bellissime tutte le manifestazioni d affetto puro ... per l’incantevole Kate probabilmente mi piacerebbe creare un anello con incise le iniziali di tutti i figli ... perchè l’anello è la rappresentazione massima di questo legame di sangue. Sicuramente un anello con perla incastonata e per Louis degli splendidi gemelli come li ho realizzati per mio figlio ... da indossare un giorno al suo matrimonio.

Si avvicina la festa della mamma e come avviene sempre è emergenza regalo. Ci pensa la moda con le sue innumerevoli proposte, adatte a ogni gusto e genere. Per chi vuole privilegiare un piccolo che oggetto ti piacerebbe realizzare è importante la semplicità nelle tue creazioni?

Per la Festa della Mamma ho realizzato una collezione in argento molto elegante. Piccoli gioielli da poter indossare tutti i giorni con grande disinvoltura, perchè la semplicità è alla base di tutto.

Francesca Maria Matteucci 

© Riproduzione riservata