Gaia Caramazza

Gaia Caramazza

Showcase 2018 la Collezione “Equilibrio versus Follia” di Gaia Caramazza

108
0
stampa articolo Scarica pdf

Gran successo a Showcase 2018 per la Collezione “Equilibrio versus Follia” di Gaia Caramazza.

Il Brand Gaia Italian Handmade Jewellery è stato uno dei principali protagonisti di Showcase 2018, il progetto ideato da ICE Agenzia e Altaroma, organizzato nell’ambito del Calendario di Altaroma.

Showcase rappresenta un appuntamento internazionale e che mette in connessione brand italiani con potenziali buyer, giornalisti e professionisti del settore moda.

Il Brand Gaia Italian Handmade Jewellery nasce nel 2013 ed ha come caratteri distintivi l’artigianalità e il made in Italy e propone creazioni che puntano a un’unicità per far risaltare la personalità del cliente finale. Presente nel Calendario di Altaroma dal 2016, Gaia ha presentato in anteprima la sua collezione primavera/estate 2019 “Equilibrio versus Follia”, venti gioielli, di cui alcuni convertibili, che si reinventano in fibbie o centrali di collane, e bracciali che diventano broche.

Dallo stile concettuale e contemporaneo, i gioielli  sono creati a mano con la tecnica della cera persa e la lavorazione a banchetto.  Vengono realizzati in argento rodiato e bagnato in oro giallo con pietre semipreziose. La giusta dose dei due ingredienti, equilibrio e follia, rende possibile affrontare con coraggio quello che ci propone la vita e questo è rappresentato nella collezione con un elemento guida realizzato in argento che ci conduce ad una traiettoria prefissata e con delle pietre semipreziose colorate e dal taglio sferico che l’attraversano e prendono strade diverse. Un fluire continuo di queste condizioni interiori è in ognuno di noi e, come tutte le contrapposizioni, aiuta l’uomo a confrontarsi ed a muovere curiosità e interesse.

La presenza a Showcase, non poteva che confermarsi una prestigiosa vetrina per la designer romana, che grazie al supporto professionale di Grazia Marino e Antonio Falanga di SPAZIO MARGUTTA, non potrà che imporsi e diventare una delle principali protagoniste dell’internazionalizzazione del Made in Italy.

Francesca Maria Matteucci

© Riproduzione riservata