Vittorio Camaiani: La Sfilata

Vittorio Camaiani: La Sfilata

Ispirazioni mediterranee per la nuova collezione dello stilista Vittorio Camaiani

238
stampa articolo Scarica pdf

Tornano in passerella le creazioni del talentuoso designer marchigiano Vittorio Camaiani che, per presentare la nuova collezione SS 2019 ha scelto, ancora una volta, la città di Roma e gli eleganti spazi della Coffee House di Palazzo Colonna.

Visionario ed onirico l’estro del couturier che, dopo aver attinto ispirazione dall’Egitto, Venezia ed ancor prima dalla Scozia, questa volta volge il suo sguardo alla Grecia in un viaggio emozionale ed artistico che ha inizio con i mosaici colorati della palazzina azzurra di San Benedetto del Tronto ed arriva fino al Mar Egeo, in Grecia appunto e nelle sue isole. Le Cicladi, Paros, Amorgos e Santorini che, con la loro natura incontaminata, hanno profondamente suggestionato l’animo creativo dello stilista.

Nasce così la collezione “sotto il segno dei pesci”, un inno alla bellezza aspra e selvaggia delle isole greche, ma anche alla dolcezza dei suoi tramonti in un contrastato fil rouge di irriverenza e tenerezza che il designer ha narrato attraverso i pesci, leitmotiv dell’intera collezione, simbolicamente celebrati, riprodotti negli stessi tessuti in coinvolgenti contrasti cromatici sulle deliziose ed ampie cappe color tortora, sulle maglie e, nel disegno tracciato da luminosi cristalli, sugli abiti scultura che omaggiano la cultura ellenica.

Romantici, intramontabili e pur tuttavia di grande tendenza i colori utilizzati, come il celeste tipico delle cupole greche, il rosso che evoca i tramonti suggestivi di Santorini ed il bianco abbagliante delle abitazioni marine. Per i tessuti invece, Camaiani ha optato per materiali di grande pregio ed effetto scenico: dall’abito Colonna, realizzato in georgette di seta pura dal colore tortora, arricchito con oltre 38 metri di orlo cucito a mano e fermato in vita da preziosi pesci in cristallo Swarovski fino all’abito nuziale, una costruzione sartoriale in taffetà e plissé di tulle, adornato da una conchiglia in shantung di seta e ricamata con cristalli. Una creazione unica incorniciata in maniera perfetta dalle suggestive conchiglie decorate da Francesco Mancini nel romantico affresco di “Amore e Psiche” della Coffee House.

La serata, magistralmente condotta da Elena Parmegiani, Direttore Eventi della Coffee House di Palazzo Colonna, ha richiamato importanti nomi della nobiltà e del jet set romano come la Principessa Jeanne Colonna, la Contessa Marina Pavoncelli, la Principessa Elettra Giovannelli Marconi, il Principe Guglielmo Marconi, la Principessa Ginevra Giovannelli, Maurizio Marini Dettina, Andrea Ripa di Meana, Sandra Carraro, Ida Di Benedetto, il Maestro Jacopo Sipari di Pescasseroli, gli attori Elena Russo, Karin Proia accompagnata dal marito Raffaele Buranelli e dalla figlia Tea, la cantante Alma Manera. Ph. Roberto Cimini.

Di Erika Gottardi

© Riproduzione riservata