Luca Giovannucci

Luca Giovannucci

La SIS nasce da un idea del nostro presidente Nicola Ferrazzano per creare un corso da Sommelier molto più veloce, snello e pratico orientato al mondo del lavoro.

562
0
stampa articolo Scarica pdf

UnfoldingRoma ha incontrato Luca Giovannucci, sommelier, scrittore e barman oltre che docente presso Scuola Italiana Sommelier Fiduciario per il Lazio e Vice Presidente Nazionale. Conduttore di una trasmissione radiofonica su Radio Roma Futura, "Radio OperBacco".

Come è nata la "Scuola Italiana Sommelier" ed i suoi progetti di crescita?

La SIS nasce da un idea del nostro presidente Nicola Ferrazzano che voleva creare un corso da Sommelier molto più veloce, più snello e più pratico orientato al mondo del lavoro. L'intero corso durerà 40 lezioni, la visita in cantina 9 mesi. In più ci saranno tante altre sorprese per i partecipanti. A Roma regaleremo un’intera giornata sulle "bollicine italiane", "passiti" e non solo. Completamente gratis e non solo, ci saranno tanti sconti sia su altri corsi che faremo, sia sulle convenzioni che creeremo.

Qual'è l'obbiettivo del Corso e cosa sarà in grado di fare il partecipante al termine dello stesso? 

Alla conclusione dello stesso il corsista sarà finalmente consapevole di cosa c’è nel bicchiere. Potrà dire se il vino è fatto bene oppure no, se è adatto al piatto che sta mangiando e tante altre cose. E non dimentichiamo il mondo del lavoro, che forse è lo scopo principale del corso. Ma attenzione è solo l’inizio, noi diamo le basi come tutti i corsi che esistono, ma poi ogni singola persona inizierà un proprio percorse visitando cantine, aprendo sempre nuove bottiglie e magari partecipando ad altri corsi con noi o con altre associazioni. Noi non siamo chiusi a riccio, vogliamo che i nostri corsisti frequentino altre associazioni, serate e manifestazioni anche non organizzate dalla SIS. Crediamo che tutti possano dire qualcosa di giusto e poi sarebbe bello fare qualche evento con altre associazioni con uno spirito collaborativo. Questo è un mio intento, ci proveremo.

È prevista anche la sessione per l'abbinamento vino/cibo?

Ovviamente, tutto il 3º livello, dove insegneremo il giusto simposio tra piatti e calici.

Quanti saranno i vini in degustazione ogni lezione? 

Sempre tre vini e spesso qualche piacevole sorpresa. Dedicheremo molto tempo alla scelta delle giuste bottiglie per i corsisti.

Si avrà la possibilità di apprendere come creare una carta di vini?

I corsisti "devono" alla conclusione del corso sapere come creare una carta dei vini, anche come gestire la cantina sia che per il solo piacere sia per il lavoro. Tutti quelli che diventeranno corsisti e che hanno un’attività e vogliono una nuova carta dei vini potranno usufruire di una consulenza gratuita di un nostro docente, per un aiuto o per un semplice consiglio. Questo è un altro regalo per loro.

È prevista una parentesi anche su olio, liquori e super alcolici ? 

Olio, liquori e super alcolici saranno ovviamente oggetti del corso, stiamo prendendo accordi con una grande esperta di olio per un corso ma non voglio dire altro. Nella lezione dei distillati faremo anche dei cocktail.

Come nasce l'idea di un Corso come dire "concentrato"? 

Dalla esigenza del mercato. Tante volte in questi anni ho sentito persone dire “non finisce mai”, oppure  “no è un impegno troppo lungo” e così l’idea comprimere il corso ma non di diminuirlo. Ma attenzione voglio ribadirlo questo è solo l’inizio, poi la strada la troveranno le persone singolarmente.

Sono previste gite sul campo per visita a vigneti? 

Certo e scopriranno che non si farà per soldi, come si possa pensare, ma per il piacere di andare sul campo ed io che amo la vigna sarò sempre il primo.

Quando cominceranno le lezioni? 

Lo scopo è iniziare ad ottobre ma stiamo già ricevendo adesioni, valutando e sistemando le ultime cose con energia e passione.

Quanti iscritti sono previsti? 

Io insegno da molti anni. Ho fatto corsi anche con 100 persone ma credetemi i migliori sono stati quelli con al massimo 20 corsisti. Si crea un ambiente diverso più caldo, più sincero, più armonioso ed è quello che noi vogliamo. Per ora solo 20 persone, gli altri aspetteranno il prossimo corso.

Lo staff dei docenti da chi sarà composto? 

Da sommelier che da anni come me svolgono lezioni in tutta Italia, miei grandi amici che ringrazio per tutto quello che fanno e faranno per la scuola.

Da cosa nasce la collaborazione con il "Tango Hotel" di Roma? 

I proprietari del "Tango Hotel" sono amici che hanno da subito creduto nel progetto, in più sta nascendo una bella collaborazione in ambito lavorativo. È al centro di Roma, in Prati, e pertanto facile da raggiungere anche in Metro.

Prossimi impegni e conclusioni? 

Tante mi creda, dalle visite in cantina al corso da barman e camerieri. Consiglio di consultare i nostri contatti dove troverete tante informazioni. Stiamo creando accordi con agenzie specializzate nel lavoro, che cercano personale qualificato nel mondo della ristorazione. Questo per dare a tutti la possibilità di lavorare il prima possibile. Cento io non posso garantire nulla ma ci stiamo provando.


Stefano Boccia

Scuola Italiana Sommelier - Delegazione Lazio

c/o Tango Hotel - Via Vespasiano, 48 - 00192 Roma

Tel.:  06 390 305 73 Cell.: 338 887 6134

Email: info@scuolasommelierlazio.it  /  scuolaitalianasommelierlazio@gmail.com

© Riproduzione riservata