Europeo U21

Obiettivo vittoria per gli azzurrini

121
0
stampa articolo Scarica pdf

Dopo la vittoria contro il Liechtenstein, la nazionale maggiore va in vacanza in attesa della sfida decisiva contro la Spagna, in programma a settembre. Non è finita però la stagione degli azzurrini, che da venerdì 16 giugno saranno impegnati nell’europeo di categoria con il ruolo di grandi favoriti per la vittoria finale.

“E’ la nazionale Under-21 più forte degli ultimi 20 anni”. Questo il giudizio unanime di stampa e addetti ai lavori sul gruppo che si prepara ad affrontare una competizione che non vede trionfare l’Italia da 13 anni, nonostante resti la nazione che vanta più vittorie totali. Sembrano passati secoli, infatti, dai tre successi consecutivi della prima metà degli anni 90, dove il calcio nostrano regnava in lungo e in largo, portando alla ribalta giovani che poi si sarebbero rivelati essere veri e propri campioni come Albertini, Cannavaro, Totti, Vieri, Inzaghi, Pirlo, Nesta e Buffon.


Un primo segno di rinascita sembrava esserci stato nel 2013, con un secondo posto che non riuscì ad essere confermato due anni dopo, ma il rinnovo di fiducia della federazione a Di Biagio è stato ripagato con la bella qualificazione al primo posto nel girone davanti alla Serbia. L’entusiasmo derivato da quanto si è visto nelle ultime partite è stato tale da convincere a rimandare le vacanze alcuni dei “big” già aggregati alla nazionale maggiore, come Donnarumma (fresco di NON rinnovo col Milan), Conti e Bernardeschi, oltre ai meno quotati Scuffet e Pellegrini.

E’ proprio il tecnico a ricordarci quanto parta da lontano il progetto, nella conferenza stampa indetta prima della partenza per la Polonia: “È una storia nata 7-8 anni fa. L'obiettivo principale era rilanciare il calcio italiano e credo che questo sia stato raggiunto. Vincere l'Europeo sarebbe la ciliegina sulla torta, il coronamento di un lavoro intenso da parte di tutti quanti, dall'Under 15 all'Under 21”.

 

L’ex-giocatore di Roma ed Inter non dimentica però la cautela nelle sue dichiarazioni, ricordando che intanto l’obiettivo minimo è quello di qualificarsi in semifinale e soprattutto l’importanza di vincere al debutto contro la Danimarca, alle ore 18 di domenica, per non incorrere subito nel rischio di giocare con l’acqua alla gola le due partite successive con lo spettro dell’eliminazione

Le partite dell’Italia si potranno seguire in chiaro su Rai 1 e Rai 1 HD. Questi i 3 match del girone:

18 giugno - Danimarca-Italia - ore 18:00

21 giugno - Repubblica Ceca-Italia - ore 18:00

24 giugno - Italia-Germania - ore 20:45


Di seguito, l’intera lista dei giocatori convocati dal CT Di Biagio:

PORTIERI: 1 Gianluigi Donnarumma (Milan), 17 Alessio Cragno (Benevento), 19 Simone Scuffet (Udinese)

DIFENSORI: 3 Antonio Barreca (Torino), 14 Davide Biraschi (Genoa), 2 Davide Calabria (Milan), 13 Mattia Caldara (Atalanta), 12 Andrea Conti (Atalanta), 22 Alex Ferrari (Verona), 23 Nicola Murru (Cagliari), 4 Daniele Rugani (Juventus).

CENTROCAMPISTI: 15 Marco Benassi (Torino), 5 Danilo Cataldi (Genoa), 18 Roberto Gagliardini (Inter), 8 Alberto Grassi (Atalanta), 21 Manuel Locatelli (Milan), 6 Lorenzo Pellegrini (Sassuolo).

ATTACCANTI: 7 Domenico Berardi (Sassuolo), 10 Federico Bernardeschi (Fiorentina), 9 Alberto Cerri (Juventus), 20 Federico Chiesa (Fiorentina), 16 Luca Garritano (Cesena), 11 Andrea Petagna (Atalanta).

Matteo Tencaioli

© Riproduzione riservata