Udinese 1 - 1 Milan

Non basta l'eurogoal di Suso ad un Milan sottotono

267
0
stampa articolo Scarica pdf

Dopo le due belle prestazioni contro la Lazio, passo indietro per il Milan che alla Dacia Arena non riesce ad andare oltre il pareggio. Allo stupendo goal di Suso in apertura, risponde Lasagna con una conclusione fortunosa che finisce in porta solo per merito della doppia deviazione di Bonucci e Donnarumma.

La scelta a sorpresa della giornata è quella di Gattuso che, per provare a fermare la squadra dell'ex-compagno Massimo Oddo, schiera dal primo minuto Andrè Silva al centro dell'attacco rossonero. Complice l'assenza di Rodriguez, in difesa si rivede anche Abate sulla destra, mentre Calabria viene dirottato sulla fascia opposta.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

PARTENZA SPRINT. L'avvio del match vede subito un Milan arrembante, che prova a schiacciare la squadra di casa nella propria metà campo con l'intenzione di passare velocemente in vantaggio e ci riesce. Ad andare in goal è Suso, a bocca asciutta da inizio novembre, il cui sinistro dalla lunga distanza va ad infilarsi nell'angolino alla sinistra di un incolpevle Bizzarri. Lo spagnolo fatica a dialogare coi compagni, ma quando gli riesce la giocata è quasi sempre decisiva per la propria squadra.

La reazione dei friulani è affidata principalmente a Jakub Jankto e soprattutto a Kevin Lasagna, di gran lunga il migliore dei suoi e pericoloso in tre distinte occasioni. Due volte ci prova di testa e pecca di quel pizzico d'imprecisione che gli impedisce di impensierire Donnarumma, cosa che invece gli riesce benissimo nel finale di primo tempo, quando va a concludere di sinistro dopo un bel controllo di tacco e costringe il portierone rossonero a rifugiarsi in angolo.

Tra i rossoneri è protagonista in negativo Andrè Silva: un po' spaesato nel ruolo di unica punta al centro dell'attacco. Più vivace di lui è Calhanoglu, che tende spesso ad accentrarsi e rendersi pericoloso, talvolta cercando la conclusione, altre volte premiando l'inserimento dei compagni. Nonostante questo, la prima frazione finisce con un Milan incapace di sferrare il colpo del KO e va negli spogliatoi con una sola rete di vantaggio.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});  

Nella ripresa è l'Udinese a farsi subito sotto e dopo pochi minuti reclama un rigore per un intervento in area su Lasagna, per il quale l'arbitro è costretto a consultare il VAR per un "silent check" prima di lasciare proseguire. Tira una brutta aria per la squadra di Gattuso, che a metà della frazione si trova anche in inferiorità numerica a causa dell'ingenua espulsione rimediata da Calabria, che già ammonito decide di atterrare Jankto pronto a ripartire in contropiede.

Prima che Gattuso abbia il tempo di sistemare le cose, inserendo Antonelli, sugli scudi sale nuovamente Donnarumma, bravissimo a tenere in piedi la propria squadra con un paio di interventi decisivi. Purtroppo per lui, non esiste un rimedio contro la sfortuna, che si manifesta poco dopo sotto forma di deviazione di Bonucci su un tiro di Lasagna, destinato probabilmente a non andare in porta, che lo inganna e lo porta a sua volta a deviarlo in maniera decisiva e fare autogoal.

Per quello che si è visto in campo, il pareggio ottenuto dai friulani è giusto e viene messo in discussione soltanto nel finale, quando il neo-entrato Kalinic avrebbe l'occasione per segnare il goal decisivo, ma la sua conclusione di testa finisce alta sopra la traversa. E' l'ultimo squillo di un match tutto sommato divertente, che mette in luce nuovamente la buona forma della squadra di Oddo ed allontana nuovamente il Milan dalle proprie speranze europee.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

L'impressione è quella di un Milan che fatica ancora a reggere il doppio impegno settimanale, anche a causa della mancanza di ricambi all'altezza in alcuni ruoli.

Molto male Silva, le cui caratteristiche sembrano totalmente inadatte a sorreggere da solo il peso dell'attacco, così come Calabria che dimostra nuovamente di non essere adatto ad essere schierato sulla fascia sinistra. Male anche Bonaventura a centrocampo, dove la mancanza di alternative si fa sentire maggiormente.

Le note positive sono state certamente Donnarumma, in crescita nonostante la sfortunata deviazione, l'instancabile Kessiè e soprattutto Suso, il cui goal di oggi potrebbe finalmente averlo sbloccato dopo un periodo nero che durava dalla fine dello scorso anno.


FORMAZIONI UFFICIALI:

UDINESE (3-4-2-1): Bizzarri; Larssen, Danilo, Nuytinck; Zampano, Berhami, Barak, Pezzella (65' Widmer); Jankto, DePaul (67' Maxi Lopez); Lasagna. All. Oddo

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Abate, Bonucci, Romagnoli, Calabria; Kessié, Biglia, Bonaventura (70' Antonelli); Suso, Andrè Silva (71' Kalinic), Calhanoglu (79' Borini). All. Gattuso


Matteo Tencaioli

FOTO: AC MILAN

© Riproduzione riservata