Silvia Romano è Libera - L’annuncio Con Un Tweet Del Premier Conte

Silvia Romano è Libera - L’annuncio Con Un Tweet Del Premier Conte

La cooperante italiana Silvia Romano, rapita il 20 novembre 2018, da un commando armato, a Chakama, nei pressi di Malindi, in Kenya, è stata finalmente liberata.

stampa articolo Scarica pdf


La cooperante italiana Silvia Romano, rapita il 20 novembre 2018, da un commando armato, a Chakama, nei pressi di Malindi, in Kenya, è stata finalmente liberata.

L’annuncio con un tweet subito dopo le 17.00 del premier Giuseppe Conte “Silvia Romano è stata liberata! Ringrazio le donne e gli uomini dei servizi di intelligence esterna. Silvia, ti aspettiamo in Italia!

La venticinquenne volontaria milanese era stata rapita in Kenya mentre stava lavorando per la Onlus marchigiana Africa Milele, per un progetto a sostegno dell’infanzia in un orfanotrofio locale.

La liberazione è stata coordinata dall’AISE, è avvenuta dopo “un lungo e complesso lavoro sul campo”, con la collaborazione dei servizi turchi e somali, la giovane è stata liberata nei pressi di Mogadiscio, in una zona martoriata negli ultimi giorni dalle alluvioni, ed ora si trova in un compound delle forze internazional, sempre a Mogadiscio.

Il suo rientro in Italia è previsto per le ore 14.00 circa di domenica 10 Maggio a Ciampino, con un aereo dell’AISE, ad accoglierla ci sarà il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

La giovane ha parlato al telefono sia con il premier Conte che con la madre e il padre, a cui ha dichiarato “Sono stata forte e ho resistito”, sembra sia in buone condizioni ma provata dalla prigionia, come si apprende dai tweet del TG3, i genitori della Romano, non hanno rilasciato dichiarazioni, perché ancora increduli e frastornati.

Anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un tweet diffuso dal Quirinale, ha espresso parole di profonda gioia: “La notizia della liberazione di Silvia Romano è motivo di grande gioia per tutti gli italiani. Invio un saluto di affettuosa solidarietà a Silvia e ai suoi familiari, che hanno patito tanti mesi di attesa angosciosa. Desidero esprimere riconoscenza e congratulazioni agli uomini dello Stato che si sono costantemente impegnati, con determinazione e pazienza, tra tante difficoltà, per la sua liberazione Bentornata, Silvia!”

Festa grande nel quartiere milanese dove vive la giovane con la madre e a Fano dove è basata la Onlus per la quale Silvia Romano lavorava al momento del suo rapimento.

Articolo di Stefania Vaghi

, Silvia!».

© Riproduzione riservata