A Tu Per Tu Con Chiara Castiglione

A Tu Per Tu Con Chiara Castiglione

Il suo terzo singolo è LENTO LENTO: la vita è una, viviamola ogni istante, con la testa e con il cuore

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf



Classe 1998, per la cantautrice palermitana, romana d’adozione, che pubblica il suo terzo singolo “Lento Lento”, durante il lockdown.

Un invito a rallentare i ritmi sempre più frenetici che la nostra società ci impone, senza pause, senza soste, troppo impegnati a dimostrare di fare il massimo e di starci al 100%.

Il singolo vanta collaborazioni di primissimo ordine sia per l’arrangiamento curato da Valerio Calisse (che ha lavorato con artisti del calibro di Andrea Bocelli, Fiorella Mannoia, Vittorio Grigolo e Alessandro Safina) che per il mixaggio di Alex Trecarichi (note le sue collaborazioni con Annalisa, Francesco Gabbani, Paola Turci, Loredana Bertè e Mahmood).

Al singolo è abbinato un videoclip, girato a Roma: https://youtu.be/Dzu3TIyB3M0

Chiara Castiglione ci ricorda, giustamente, che “La vita è una, quindi viviamola ogni istante con la testa e con il cuore”, abbiamo voluto parlarne direttamente con lei.

Lento Lento è un titolo quanto mai calzante, visto il momento storico che stiamo vivendo, come nasce?

Lento Lento è nata molto prima di questo periodo. Era un momento in cui avevo bisogno di staccare la spina ed andare a passo “lento lento”, ma decisa, verso i miei obiettivi.

Concentrando tutte le mie energie in quello che più amavo, senza lasciarmi travolgere dalla frenesia della metropoli che mi stava opprimendo.

È un invito a godersi la vita, a celebrare ed assaporare ogni singolo instante con la testa e con il cuore.

Non pensavo però che mi avrebbero preso così sul serio... ora abbiamo fin troppo tempo a disposizione, voi che dite?

Siciliana di origine, romana di adozione, dove hai trascorso il tuo lockdown e come hai passato le tue giornate?

Lo sto passando a Roma con una parte della famiglia...  mio padre, la nonna i cugini e gli zii sono tutti a Palermo e non vedo l’ora di poterli riabbracciare tutti.

Le mie giornate le trascorro suonando, scrivendo per il nuovo album... Leggendo qualche bella avventura che mi proietta al di fuori delle mura di casa... sognando un bel cielo stellato o una spiaggia deserta ... e mangiando tanto... forse troppo ma sono siciliana e mia madre in cucina non la batte nessuno (ride).

Il tuo nuovo singolo è un pezzo sicuramente pop, che non disdegna intromissioni di bossa nova, qual è il genere musicale che più ti rappresenta e quali sono i modelli musicali che hai preso a riferimento?

Il mio nuovo singolo è molto pop... forse potremmo definirlo indie pop .

Io amo i generi più disparati e nel nuovo album saranno presenti diverse realtà sonore ... rock, rap, pop, musica cantautorale.

Con l’arrangiatore Valerio Calisse stiamo sperimentando più generi, cercando la chiave giusta per trasmettere il mio messaggio.

Vieni da una famiglia di artisti, quanto hanno condizionato la tua scelta di diventare cantante?

Entrambi i miei genitori sono pittori e mi hanno trasmesso la passione per l’arte… Suonare e scrivere musica per me è un’esigenza innata e devo ringraziarli per avermi dato modo di coltivare questa passione. La musica è un modo per comunicare... emozioni, paure, sogni in cui ci si possa rispecchiare. Cosa c’è di più bello di vedersi e ritrovarsi dentro una canzone che ti prende il cuore?

I tuoi testi sono tendenzialmente autobiografici, qual’è la Chiara che vuoi che emerga da Lento Lento?

In questa canzone emerge la mia parte più sicura di me ed anche un po’ più spregiudicata.

Hai in uscita un album, il lockdown ti ha creato problemi con la programmazione che ti eri prefissata?

Sicuramente ha stravolto i nostri piani... abbiamo dovuto inventare un nuovo modo di lavorare.

Ogni giorno ci mandiamo file e scambiamo idee online anziché lavorare insieme dentro lo studio. È un’esperienza molto interessante che mi ha fatto capire che oggi, grazie alla tecnologia, è possibile creare e confrontarsi con artisti in qualsiasi parte del mondo.  

Quant’è importante la musica nella tua vita?

La musica per me è vita ... non potrei immaginarmene una senza. La sento tra le foglie quando c’è un po’ di vento... riesce a far cambiare il mio umore ... riesce a farmi provare emozioni ... la ritrovo in ogni cosa che faccio ...per questo per me è vita.

Sogni nel cassetto?

Il mio sogno lo sto già vivendo! Spero presto di riuscire a far sentire la mia musica a più gente possibile con un tour che giri in tutta l’Italia.

Speriamo che la musica torni presto nella sua formula più vera ed autentica, in versione live. Avevi già dei live programmati, che sono saltati e che sono stati semplicemente posticipati?

Abbiamo posticipato tutti i live di presentazione dell’album ma non vedo l’ora di poter salire di nuovo sul palco e poter fare musica insieme ai musicisti, è una sensazione, un’emozione ed una soddisfazione unica che è impossibile da eguagliare.

Con quale artista italiano o internazionale vorresti collaborare?

È una domanda difficile ... sono moltissimi gli artisti che stimo e con i quali mi piacerebbe collaborare. 

Lento Lento (testo e musica C. Castiglione – A. Rizzato, musica C. Castiglione – V. Calisse)

Arrangiato da Valerio Calisse

Mixato e Masterizzato da Alex Trecarichi - Milano

Realizzato grazie al sostegno di MiBACT e di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa Per Chi Crea"

Prodotto dalla The Beat Production Srl e distribuito da Believe Digital

Ufficio Stampa: Cristina Attinà e Riccardo Ciccarese

Intervista di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata

Multimedia