Tutto Esaurito Per La Riapertura Di RAFFAELLO

Tutto Esaurito Per La Riapertura Di RAFFAELLO

Dal 2 giugno a Scuderie del Quirinale ritorna la mostra più attesa dell’anno dedicata all’eccelso Maestro urbinate

stampa articolo Scarica pdf



Coincide con la Festa della Repubblica la tanto agognata riapertura della mostra Raffaello 1520 – 1483, le porte dello spazio espositivo romano riapriranno quindi, dal 2 giugno, con la rassegna dedicata al sommo artista rinascimentale, nell’anno del cinquecentenario della sua morte. Sold-out, come prevedibile, la prima data del riavvio, in poche ore sono andati letteralmente “a ruba” tutti i biglietti disponibili.

Scuderie del Quirinale, dopo la sospensione della mostra, a poche ore dalla sua inaugurazione, a causa dell'emergenza sanitaria da Covid-19, dopo circa 3 mesi, riavvia la sua attività espositiva con uno scheduling nuovo e degli orari prolungati.

La mostra resterà aperta fino al 30 agosto 2020, in virtù di una lunga proroga resa possibile grazie alla disponibilità e alla solidarietà delle istituzioni museali e dei collezionisti che hanno prestato le opere, con un orario di apertura ampliato tutti i giorni dalle 9:00 alle 22:00 (ultimo ingresso consentito alle 20.30).

Con oltre 200 opere, tra le quali 120 dello stesso Raffaello, la mostra - realizzata dalle Scuderie del Quirinale insieme alle Gallerie degli Uffizi e curata da Marzia Faietti e da Matteo Lafranconi, Direttore di Scuderie del Quirinale - rappresenta la più grande rassegna mai tentata in precedenza, con capolavori provenienti dalle più importanti collezioni e realtà museali italiane e internazionali.

Allo scopo di assicurare la tutela della salute dei visitatori e dei dipendenti, in occasione della riapertura le Scuderie del Quirinale applicheranno misure di sicurezza straordinarie:

- all’ingresso delle Scuderie verrà rilevata la temperatura corporea. Non sarà consentito l’accesso in caso di temperatura corporea superiore a 37,5°C;

- i visitatori dovranno indossare la mascherina per tutto il tempo della permanenza all’interno delle Scuderie;

- all’interno delle Scuderie occorrerà mantenere sempre la distanza interpersonale di 2 metri anche fra persone appartenenti allo stesso nucleo famigliare;

- per garantire il rispetto di tutte le precauzioni igieniche, il servizio di guardaroba non sarà attivo.

La visita all’interno delle Scuderie del Quirinale sarà organizzata con tempi predefiniti (5 minuti per ogni sala) accompagnati da un addetto del personale di sala che agevolerà tutti i visitatori nella comprensione e nel rispetto delle regole da seguire nell’interesse di tutti, la prenotazione di tutti gli ingressi è obbligatoria. È necessario rispettare rigorosamente l’orario scelto che sarà indicato sul biglietto per consentire a tutti una buona visita, questa durerà in totale 80 minuti, compresa una pausa di 5 minuti a metà percorso. Potranno accedere alla mostra 6 persone ogni 5 minuti a partire dalle ore 09.00.

“Ricominciamo. Riapriamo le porte delle Scuderie del Quirinale pronti ad accogliere i visitatori nelle più scrupolose condizioni di sicurezza, offrendo allo stesso tempo l’opportunità di fruire di tanta bellezza e ritrovare in essa la forza per ripartire. Siamo grati alle Gallerie degli Uffizi, al suo direttore Eike Schmidt e a tutti i prestatori che hanno concesso con generosità l’opportunità di prolungare le date di un’esposizione così importante per il nostro Paese".

ha dichiarato Mario De Simoni, Presidente e A.D. Ales - Scuderie del Quirinale.

"La mostra 'Raffaello' ha un valore inestimabile dal punto di vista artistico e offre la possibilità di ammirare una concentrazione di opere del Maestro urbinate nello stesso contesto come mai era stato possibile fino ad oggi - spiega il direttore degli Uffizi Eike Schmidt - Ogni sforzo per garantire al maggior numero di persone possibile di godere di tale meraviglia è doveroso: le Gallerie sono dunque ben liete di prolungare il loro prestito di una cinquantina di capolavori a questa mostra unica ed epocale per tutto il tempo che sarà necessario".

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata