Art’s Angels Dal 7 Al 14 Giugno L’Asta Di Beneficenza Tutta Al Femminile

Art’s Angels Dal 7 Al 14 Giugno L’Asta Di Beneficenza Tutta Al Femminile

Ideata da Maupal e con Jo Squillo come promotrice un evento d’arte a supporto delle donne vittime di violenza

stampa articolo Scarica pdf



MAUPAL (al secolo Mauro Pallotta), artista di fama internazionale, ha ideato e sposato la causa di un’asta contro la violenza insieme ad Associazione Domna e Associazione Jeos, con il supporto di Fondazione Pangea Onlus, FSCIRE Fondazione per le Scienze Religiose, FAIRTRADE ITALIA e il collettivo artistico Darehood.

L’arte sostiene la solidarietà sociale: artiste in prima linea a supporto delle donne che vivono in una situazione di violenza.

L’asta si terrà dal 7 al 14 giugno sul sito dedicato www.artbid.it dove troverete anche tutte le informazioni dettagliate sull’iniziativa, le destinatarie, i promotori e naturalmente le artiste.

Grazie a questa piattaforma di aste online, le artiste metteranno all’asta un pezzo unico delle loro opere e si potranno fare offerte al rilancio. L’offerente più generoso/a si aggiudicherà l’opera.

Tra i promotori anche Jo Squillo che supporta la campagna donando una maglia del progetto da lei ideato, “WALL OF DOLLS – Il muro delle bambole” contro la violenza sulle donne.Il progetto farà tappa, a breve, anche a Padova.

Beneficiarie dei proventi saranno le donne supportate dal progetto REAMA, la rete antiviolenza di Fondazione Pangea Onlus.

Un’asta di beneficenza che unisce artiste nazionali e internazionali in un’unica causa: sostenere quelle donne che si trovano in una situazione di violenza fisica e psicologica e che vogliono iniziare una nuova vita, indipendenti, libere e felici.

Gli obiettivi dell’asta di beneficenza sono: promuovere il linguaggio dell’arte come strumento di miglioramento sociale e nello specifico dell’empowerment delle donne;dare un aiuto economico concreto alle donne abusate o discriminate, che dopo un percorso di “cura” e rinascita iniziano una nuova vita;dar modo a tutto il pubblico di approfondire le conoscenze e gli strumenti sul tema affrontato;sviluppare una rete di confronto e dialogo intorno alla tematica proposta;stimolare la riflessione sul ruolo sociale, politico, economico delle donne;offrire esperienze formative, di incontro e scambio a livello locale, nazionale e internazionale.

La violenza domestica resta però una realtà e in questo periodo di restrizioni COVID è aumentata, come tristemente riportato dalla cronaca di tutti i giorni e come segnalato anche dall’ONU: non per tutte le donne la casa è stata un luogo sicuro.

Perché il titolo Art’s Angels? Nella famosa serie tv degli anni ’70 Charlie’s Angels, Charlie è il mecenate che rimanendo dietro alle quinte combatte il crimine lasciando la scena alle vere protagoniste ovvero le bravissime e rivoluzionarie investigatrici professioniste chiamate “angeli”. In questa iniziativa l’Arte si fa persona e angelo essa stessa e le vere protagoniste sono le artiste, più o meno conosciute, con le quali Charlie/Maupal condividerà il “palcoscenico” per sostenere concretamente l’obiettivo di questa iniziativa.

L’artista romano Maupal, da sempre impegnato nel sociale, risulta quindi essere un modello maschile che supporta le donne perché, come lo stesso ha dichiarato “le discriminazioni e le violenze basate sul genere vanno combattute insieme, così come insieme l’empowerment e il cambiamento vanno perseguiti.

Questi obiettivi appartengono a tutti noi esseri umani: donne, uomini, transgender e gender free.”

All’iniziativa hanno già aderito artiste conosciute a livello nazionale e internazionale, come le romane CINZIA PELLIN, ALESSANDRA CARLONI, LAIKA, VIOLETTA CARPINO e ALESSIA BABROW per metà sudafricana, l’olandese HANDIEDAN, la bergamasca ma berlinese d’adozione ALESENSO, l’americana VEBLENA FINKENBERG, la friulana con incursioni parigine LARA TREVISAN, la tosco-spagnola VALENTINA LUCARINI OREJON, LA SOTTOSOPRA da Genova, le anonime cittadine del mondo ZOE e collettivo DAREHOOD ora a Padova, l’avellinese GIUSY GUERRIERO e LEDIESIS che strizzano l’occhio a Firenze.

Molte altre artiste parteciperanno, ma verranno svelate giornalmente dall’organizzazione!

Articolo di Stefania Vaghi


© Riproduzione riservata