A Settembre AltaRoma 2020 A Palazzo Brancaccio La Moda è Servita Anche In Digitale

A Settembre AltaRoma 2020 A Palazzo Brancaccio La Moda è Servita Anche In Digitale

Dal 15 al 17 settembre Palazzo Brancaccio sarà la nuova sede di AltaRoma 2020, la kermesse della moda capitolina dedicata ai nuovi talenti del fashion

stampa articolo Scarica pdf


.

Archiviate, quindi, senza rimpianti, le location di recupero edilizio ed industriale, come Guido Reni District ed ex Dogana, che hanno contraddistinto le precedenti edizioni, la fashion week romana torna ad essere ospitata in una sede quanto mai storica e blasonata, negli splendidi saloni patrizi di Palazzo Brancaccio a Colle Oppio e nell’annesso Spazio Field.

Una edizione che, causa emergenza Covid-19, ha già visto un primo necessario slittamento del calendario da luglio a settembre e che, in ottemperanza ai vari protocolli sanitari e DPCM legati all’emergenza sanitaria, in materia di distanziamento sociale, ingressi contingentati, avrà una piattaforma digitale apposita www.altaromadigitalrunway.it per favorire la partecipazione di tutti, anche dei non accreditati.

La digitalizzazione degli eventi moda, dei catwalk e delle presentazioni è ormai irrinunciabile in questo 2020, permettendo a tutti, anche a chi non potrà viaggiare, di partecipare alla tre giorni, incontrando e facilitando, finalmente, il desiderio di tutti coloro che non vogliono rinunciare all’opportunità di entrare in contatto con gli addetti ai lavori.

Così come dichiara il Direttore Generale di AltaRoma – Adriano Franchi: “una location prestigiosa, senza dubbio, che ci consentirà di contenere e controllare al meglio il flusso dei partecipanti. Nel totale rispetto delle norme per la sicurezza anti Covid-19, infatti, gli ingressi avverranno contingentati e la partecipazione alle produzioni e ai progetti dal vivo sarà riservato, nella stessa modalità, ai soli addetti ai lavori che avranno effettuato l’accredito, e che avranno seguito tutte le procedure richieste.”

Da sempre la fashion week capitolina si è focalizzata sulla ricerca e sostegno dei giovani designer, degli outsider della moda, delle realtà indipendenti che nutrono e danno linfa al sistema del fashion italiano e internazionale. Senza tralasciare però il forte legame con l’alta artigianalità e l’alta sartoria.

Le punte di diamante, di questa attività incessante di ricerca di new designer che contraddistingue AltaRoma, sono i progetti Fashion Hub, dedicato agli stilisti provenienti da Accademie di Moda, Istituti e Università della Moda, Showcase, una vera e propria vetrina promozionale per i nuovi talenti che desiderano presentare le proprie collezioni di abbigliamento e accessori ad un pubblico di addetti ai lavori, che da maggio 2019 è già approdato a Londra e Who in on next?

Quest’ultimo è il progetto di scouting in collaborazione con Vogue Italia che quest’anno ha già scelto i suoi finalisti, per la categoria prêt-à-porter: AC9, Alexandre Blanc, DALPAOS, Des Phemmes, Dima Leu, Francesco Murano, Gall, Roi du Lac e Vaderetro; per gli accessori: IIndaco, Melip e ZEROUNDICI Eyewear.

A questo proposito ha dichiarato Adriano Franchi: “Questa edizione è stata pensata sin dall’inizio con la precisa volontà di essere un simbolo, per rafforzare ancora di più il nostro legame con l’imprenditoria più giovane e la città di Roma. Il ruolo di Altaroma è quello di fare da trait d’union, di agevolare il dialogo tra i giovani brand e i maggiori players, offrendo loro opportunità uniche perché si possano presto affacciare nei mercati più strategici. È per questo che in un momento storico come l’attuale non possiamo tirarci indietro. Il valore del Made in Italy e l’indotto che porta il sistema della moda sul territorio (e non) devono restare saldi.”

Non ci resta che aspettare il 15 settembre per vedere soddisfatte tutte le nostre curiosità in merito a moda, fashion, tendenze, che ci verranno proposte dai nuovi talenti.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata