A Milano La Quarta Edizione Di FASHION VIBES

A Milano La Quarta Edizione Di FASHION VIBES

Digital Runway Show per le collezioni Donna Spring Summer 2021

stampa articolo Scarica pdf



Si apre il sipario sulla Milano Fashion Week Donna, tra le, ahimè, poche passerelle e l’uso dello streaming, per catwalk assolutamente all’avanguardia, per gli addicted del fashion system.

Anche la quarta edizione del celebre Fashion Vibes, in programma a Milano dal 22 al 28 settembre, ha optato, per la prima volta, causa emergenza coronavirus, ad un evento unico, su una piattaforma digitale.

Un modo per esorcizzare il distanziamento sociale e la difficoltà di spostamenti tra i vari continenti, senza far perdere al pubblico la possibilità di conoscere le nuove collezioni moda, di tutti quei brand, che hanno dovuto rinunciare alla più classica delle sfilate.

Un piano B necessario in questo momento storico, rispetto agli appuntamenti in presenza, che restano fondamentali per promuovere l’enorme valore produttivo e creativo della Moda nel mondo.

Come afferma Yuliia Palchykova, cool hunter alla continua ricerca di nuove proposte fashion e designers in tutto il mondo: “Con la quarta edizione di Fashion Vibes volevo rappresentare un sogno, volevo avvicinarmi al progetto della moda presentata in un modo nuovo, oserei dire un nuovo Rinascimento della Moda, in virtuale, rappresentare un sogno attraverso un media diverso realizzando una vera e propria sfilata virtuale attraverso un software innovativo nel mercato virtuale nell'ambito Fashion che consenta di mostrare abiti e rappresentandoli in maniera realistica, ma anche di realizzare delle vere e proprie sfilate con modelli virtuali. Il calendario degli appuntamenti delle sfilate di ogni designer è trasmesso in streaming attraverso la piattaforma e le news sono amplificate in tutto il mondo: vogliamo che, con la piattaforma in rete, le fiere vivano per 365 giorni l’anno, per mantenere in maniera costante i contatti tra espositori e compratori.”

Durante la pandemia, il mercato della moda e del fashion, non ha subito una vera e propria battuta d’arresto, si è casomai convertito, creando filiere, nazionali ed internazionali, ad hoc, per poter dare ugualmente la possibilità a brand e designer di creare, in linea con le necessità di un mercato pro Covid 19.

Ed è per questo che, la nuova piattaforma di Fashion Vibes, ha deciso di offrire tanti servizi e opportunità, alla stregua di un vero e proprio catalogo mondiale dedicato alle aziende, che potranno effettuare il loro shop on line, avendo accesso direttamente alla lista dei designers, completi di tutti i riferimenti.

Anche i buyers che si accrediteranno a questa edizione virtuale avranno una corsia preferenziale: avranno una password per entrare nella piattaforma, questo per facilitare i contatti, accedere alla press list e scaricare i look book di ogni designer, pensato e ideato come un vero e proprio biglietto da visita virtuale, ma puntuale ed efficiente per essere ricontattati e fare a loro volta richieste di contatti.

Con la stessa filosofia che è alla base delle famigerate piattaforme social Facebook e Instagram, la possibilità per tutti i fashion addicted del mondo, i blogger, personal shopper e designers, modelle/i, fotografi, di accreditarsi proprio per facilitare i contatti, le richieste di servizi, e creare opportunità di lavoro.

Una Virtual Fashion Vibes, che diventa un catalogo mondiale dove ci saranno notizie press e articoli su ogni designers, le news su eventi, sempre del settore moda in Italia, Milano e in altri eventi moda e Fashion Week in altre parti del mondo.

Alla quarta edizione di Fashion Vibes, parteciperanno, solo ed esclusivamente in Digital Runway Show:

K.F-Kel Ferey (Brasile), Mayar Nayel (Egitto), Natalija Jansone (Riga ), Chiara Gullo (Italia) Mommydolls (Italia ), By Vel (Kiev), Rasena (Perm), Frisciano (Italia), Elsa Fairy Dresses (Ukraina)

Questo il link per connettersi alla Digital Fashion Week “Fashion Fibes”:

http://www.fashion-vibes.com/

Non ci resta che augurarvi buona digital moda e fashion week e buona visione!

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata