Una Serata A Teatro Con Claudio E I Solisti Del Teatro 2021

Una Serata A Teatro Con Claudio E I Solisti Del Teatro 2021

La Fondazione Claudio Nobis si è fatta promotrice dell’iniziativa "Una serata a teatro" con Claudio, con la quale vuole dare la possibilità ad una compagnia teatrale under 35 di esibirsi all’interno della Manifestazione capitolina “I Solisti del Teatro” nei Giardini della Filarmonica Romana.

stampa articolo Scarica pdf

I Teatri sono chiusi, la cultura è ferma, questo è in triste dato di fatto, ma il fermento creativo, soprattutto nella capitale, è impossibile da bloccare.

La Fondazione Claudio Nobis si è fatta promotrice dell’iniziativa "Una serata a teatro" con Claudio, con la quale vuole dare la possibilità ad una compagnia teatrale under 35 di esibirsi all’interno della Manifestazione capitolina “I Solisti del Teatro”, giunta, quest’anno, alla sua XXVIII edizione.

La manifestazione I Solisti del teatro si terrà, come d’uso, a Roma nei Giardini della Filarmonica Romana nei mesi di luglio, agosto e settembre 2021, compatibilmente con le limitazioni dei DCPM governativi che potrebbero variare il periodo della manifestazione.

Un’iniziativa che risulta quanto mai beneaugurante per la riapertura dei teatri romani, per i giovani attori e le relative compagnie e per tutte le iniziative che da sempre hanno caratterizzato la celeberrima Estate Romana (ahimè ridenominata Romarama nel 2020!)

Un aiuto concreto a giovani attori con un sostegno economico dedicato e la possibilità di esibirsi a Roma in un’importante rassegna teatrale. La partecipazione è ammessa con opere di qualsiasi genere, purchè gli spettacoli siano in lingua italiana, e le compagne teatrali siano formate da attori professionisti Under 35.

Ogni compagnia teatrale potrà partecipare con l’invio di un DVD delle prove o dello spettacolo se ha già debuttato, assieme ad un breve nota biografica di presentazione. Basterà poi inviare tutto il materiale, entro le ore 23.59 di sabato 30 Aprile 2021, alla Fondazione Claudio Nobis via di Porta Pinciana 4, 00187 Roma.

Per il relativo regolamento e la scheda di partecipazione, si rimanda al link relativo:

https://www.claudionobis.it/2021/01/20/una-serata-a-teatro-con-claudio/ o all’indirizzo mail: claudio.nobis@gmail.com

I materiali degli spettacoli, pervenuti nei termini indicati alla Fondazione, saranno poi selezionati, a cura del Presidente Onorario Elena Croce e dalla Direzione Artistica dei Solisti del Teatro.

Al miglior spettacolo selezionato sarà data la possibilità di esibirsi presso I solisti del Teatro durante la prossima stagione 2021 e sarà erogato un contributo di Euro 3.000 (tremila euro) finanziato dalla Fondazione Claudio Nobis che sarà formalmente liquidato al termine dello spettacolo.

Rimarranno a carico della compagnia teatrale i costi relativi a SIAE, agibilità, eventuale uso dei tecnici e del materiale tecnico del teatro che non siano menzionati all’interno della scheda tecnica allegata al Contratto.

La Fondazione Claudio Nobis nasce ad inizio 2019 dalla volontà di Elena Croce, moglie di Claudio, di onorare la memoria e mantenere vivo il ricordo del marito, giornalista dal 1964 sempre sensibile nel sostenere la cultura specialmente tra i giovani, scomparso nel novembre del 2018.

Sin dalla sua creazione la Fondazione ha siglato diverse partnership tra le quali quella con il Teatro Off/Off di Roma con l’intento di sostenere la stagione teatrale 2019-2020 e supportare la continua ricerca di giovani attori e attrici. La partecipazione ai Nastri d’Argento 2019, in collaborazione con il Sindacato dei giornalisti cinematografici, con un bando di concorso per premiare il migliore soggetto cinematografico a tema. La partnership con la LUISS di Roma che consentirà l’attribuzione di una borsa di studio per la frequentazione del biennio alla scuola di giornalismo e non da ultima, la partnership con la manifestazione I solisti del Teatro presso i Giardini della Filarmonica Romana, per supportare la cultura teatrale all’interno della cornice dell’estate romana.

Roma ha bisogno di teatro e di cultura.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata