NOW YOU SEE YOU Nella Nuova Sede Della Mucciaccia Contemporary

NOW YOU SEE YOU Nella Nuova Sede Della Mucciaccia Contemporary

Quattro artisti contemporanei statunitensi Nick Atkins, Sydney Chastain-Chapman, Keegan McHargue e Andy Rementer, nella nuova location di Via di Monte Brianzo.

stampa articolo Scarica pdf

La storica galleria romana Mucciaccia Contemporary cambia sede e si presenta al pubblico capitolino con la mostra “Now you see you - American Perspectives in Painting”, nella nuova location di Via di Monte Brianzo.

Quattro artisti contemporanei statunitensi Nick Atkins, Sydney Chastain-Chapman, Keegan McHargue e Andy Rementer, che rielaborano con i loro personalissimi stili dei classici dell’arte figurativa come il ritratto, il paesaggio, la natura morta. Una rivisitazione in chiave realistica o semi-realistica della prospettiva, ottenuta mixandoli con elementi di altri campi artistici e linguistici, dal surrealismo pop, alla street art, ai fumetti, alla fantascienza, in una esplosione di contemporaneità.

Un vero e proprio percorso espositivo che si snoda sui due piani della galleria, con venti opere totali, dove il colore, le allusioni e i significati sottointesi sono il comune denominatore, in un gioco policromo di stili che dialogano perfettamente tra loro.

Entrando troviamo alla nostra destra le opere di Nick Atkins dove il suo gatto iconico, che ricorda uno dei personaggi famosi di un noto cartoon fa compagnia ad una stilosa Cleopatra, sia in “Singing” che in “Laying”, in acrilico su tela, in contrapposizione nella parete di fronte troviamo le opere di Andy Rementer, olii su tela, che rappresentano scene di vita, figure che sembrano fanciullesche ed elementari, quasi boteriane oserei dire, ma di grande impatto visivo, come in “Home Bodies”.

Vengo letteralmente rapita dall’opera di Sydney Chastain-Chapman “Dewdrops of Venus/The Inheritors/Taurus”, un olio su tela dove le tre figure femminile sono illuminate da glitter, per rendere l’opera ancora più sfacciata e paradossale; così come nell’opera “Dream of Lapidary” che troviamo al piano sottostante.

Al piano di sotto siamo letteralmente immersi nelle opere dei quattro artisti, tanto da perderci nei dettagli delle singole tele, in una visione satirica, ma anche molto critica della società contemporanea, in una rappresentazione mai banale né scontata della moderna globalizzazione.

Astrattismo e vere e proprie illusioni ottiche per le opere di Keegan McHargue, di cui ho apprezzato particolarmente sia gli olii su tela che i fantastici acquarelli su carta di “All in the Same Breath”.

La mostra termine idealmente con una teca trasparente dov’è contenuta l’unica scultura, in bronzo, di Nick Atkins, il suo “Cat”.

Quattro artisti, quattro stili differenti ma estremamente fluidi e parlanti tra loro, soprattutto per le tematiche affrontate e riprodotte.

Se le opere di Atkins vogliono mettere un focus sull’abuso umano sul pianeta, Sydney Chastain-Chapman con le sue vite domestiche, indaga sulle reazioni psicologiche alla realtà moderna. Mentre i dipinti illustrati di Keegan McHargue sono una chiave di lettura e di comprensione del mondo, mentre Andy Rementer, pur ispirandosi alla storia dell’arte, da Giotto a Léger, crea delle composizioni tra il reale e il surreale per rappresentare le relazioni interpersonali, spesso troppo introspettive.

Una mostra che merita assolutamente di essere vista, con occhio particolarmente attento su ogni singolo particolare caratterizzante le venti opere esposte, assolutamente pregevoli, selezionate personalmente da Giulia Abate, Artistic Director della Galleria.

La mostra NOW YOU SEE YOU, sarà visitabile fino al prossimo 31 luglio 2021, accompagnata da un catalogo con un testo critico di Cesare Biasini Selvaggi.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata