Domina Burlesque Show Is Back

Ritorna sul palco esterno del Kill Joy il live show tutto al femminile del "Domina Burlesque Summer Show 2021".

stampa articolo Scarica pdf

Ritorna in grande stile il Domina Burlesque Show, in una nuova veste Summer 2021, nella consueta location del Kill Joy a Via Appia Nuova.

Sul monumentale palco esterno il live show tutto al femminile, perfettamente orchestrato e prodotto da Holly’s Good, al secolo Daisy Ciotti, regina incontrastata del burlesque mondiale e tutt’ora campionessa in carica Most Classic al Burlesque Hall of Fame di Las Vegas.

Uno spettacolo che ha sempre registrato il sold out e che anche per questa prima serata ha avuto un pubblico numeroso, rigorosamente prenotato, pur essendo in contemporanea con la partita della nazionale italiana agli Europei.

Uno spettacolo mai uguale né tantomeno banale, che ha come suo punto di forza le tre performer residenti (Holly’s Good per il burlesque, la pole dancer Nina Noir e la cantante e presentatrice Pamela Lacerenza) alla quale si aggiungono, di volta in volta, artiste italiane ed internazionali di primissimo livello, con performance artistiche non solo di burlesque.

Un vero e proprio show a 360 gradi, diviso in due tempi, dove tutte le performer si esibiscono in due “numeri” differenti.

Ad aprire questo primo show la voce straordinaria di Pamela Lacerenza seguita a ruota dalla performance adrenalinica e al ritmo di “Zitti e Buoni” dei Maneskin di Nina Noir, regina incontrastata della Pole Dance del Domina Show, campionessa europea all’Exotic Pole Dance Contest.

Un numero che mette in evidenza le sue doti artistiche da ex ballerina ma anche la grande tecnica e l’allenamento costante che la portano a spaccate aeree e a volteggi acrobatici vertiginosi, anche con l’ausilio di un’unica mano e che le sono valsi la partecipazione anche al programma televisivo “Tu si que vales”.

Alla sinuosità e alla sagace ironia della partenopea Miss Adelaide (al secolo Adelaide Vasaturo) è affidato il primo numero di burlesque, tra tavole apparecchiate e frutta la performance ammiccantissima termina tra panna e ciliegie!

Per la prima volta sul palco del Domina Burlesque Show anche la danza orientale, magistralmente eseguita da Valentina Leyla, che ci rapisce letteralmente con il ritmo e la spettacolarità di una danza del ventre ritmatissima, che abbina la tecnica che l’ha resa celebre con la compagnia Nidal Caravan, a musiche contemporanee del tutto inusuali, e a costumi ricchi e ricercati.

Il tocco internazionale del Burlesque è dato dalla burrosa Miss Behave, nata ad Amsterdam, ma belga d’azione,  che ci incanta con il suo charme e la sua carica sensuale con numeri classici, ma estremamente audaci e briosi.

Tra una performance e l’altra la musica è padrona con la voce potente di Pamela Lacerenza che si esibisce in un repertorio che spazia tra hit internazionali di Adele, Anouk, a pezzi di repertorio come “Bang Bang”, fino ad una hit italiana per terminare in bellezza.

La seconda parte dello spettacolo che riparte dopo una breve pausa, vede le performer nello stesso ordine di apparizione, con numeri ancora più ritmati e d’effetto, dalla coreografia acrobatica iniziale in total black di Nina Noir, a Miss Adelaide in formato fiammante e sfacciata cowgirl, tutta di rosso vestita e svestita.

Danza del ventre sempre più coinvolgente e sensuale per Valentina Leyla anche lei di nero scintillante abbigliata e una Miss Behave che ricorda una Venere del Botticelli, tra reti e conchiglie nei punti strategici.

Il numero di chiusura è lasciato alla splendida padrona di casa, Holly’s Good, che esce in uno splendido costume, creato appositamente per questa serata da Damiano Moretti, una profusione di piume, lustrini, cristalli e un infinito strascico bluette, come solo una regina assoluta può indossare.

Un numero sensualissimo, che strappa applausi al pubblico presente già dall’ingresso sul palco, ma che arriva all’apoteosi con il classico ed incredibile tassel-twirling finale, perché di campionessa mondiale stiamo parlando!

Prossima data in calendario, il 30 giugno, sempre al Kill Joy.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata