The Eyes Of Tammy Faye Apre Le Festa Del Cinema Di Roma 2021

The Eyes Of Tammy Faye Apre Le Festa Del Cinema Di Roma 2021

Il biopic su Tammy Faye del regista Michael Showalter, coprodotto dall’attrice Jessica Chastain, apre sedicesima Festa del Cinema di Roma.

stampa articolo Scarica pdf

Ad aprire la sedicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, lo scorso 14 ottobre il film americano The Eyes of Tammy Faye del regista Michael Showalter, coprodotto dall’attrice Jessica Chastain, tratto da una storia tristemente vera.

Ed è proprio la splendida attrice, quanto mai irriconoscibile, ad interpretare magistralmente Tammy Faye telepredicatrice evangelista e cantante affermata, che nel corso degli anni ’70 e ’80, insieme al marito, Jim Bakker (interpretato da Andrew Garfield) - entrambi di umili origini - crearono la più nota rete televisiva di trasmissioni religiose al mondo ed un parco a tema.

Un impero quello di Tammy Faye e del subdolo marito Jim Bakker che cadrà rovinosamente a causa di frodi finanziarie, infidi rivali (tra i quali spicca per odiosità, bigottismo ed omofobia un perfetto Vincent D’Onofrio) tradimenti e scandali, che all’epoca scatenarono un vero e proprio affare di stato evangelico. Perché come ha dichiarato il Direttore della Festa del Cinema di Roma, Antonio Monda “Dietro ogni moralista c’è un delinquente”.

Poco importa se in Europa e in Italia di tutto ciò se ne sia avuta una minima rilevanza, il dato di fatto è che Jessica Chastain in questo film è assolutamente perfetta, in tutto, una interpretazione potente, convincente, nella quale l’attrice si cimenta anche nel canto, in maniera impeccabile.

Con una voce in falsetto che la rende uguale alla sua passione Betty Boop, cotonature di capelli e cambi di colori infiniti, ciglia finta, rossetti e contorni labbra fiammanti, ma, soprattutto, un trucco occhi marcatissimo, quasi caricaturale, la Chastain sembra essere praticamente un’altra persona rispetto all’attrice che abbiamo avuto già il piacere di apprezzare in Zero Dark Thirty (con cui ha vinto nel 2013 un Golden Globe come miglior attrice in un film drammatico) e nella mini-serie HBO “Scene da un Matrimonio”.

La Chastain è sempre perfetta nella parte: dai primi approcci con la religione, agli albori del successo, fino al tremendo declino, tra lusso sfrenato, show televisivi, canzoni, psicofarmaci e depressione, inframmezzati dalla nascita dei due figli.

Come la stessa ha dichiarato in conferenza stampa: "ha dovuto studiare ben sette anni per questa parte, forse la mia più grande sfida come attrice", e ha voluto conoscere i figli dei due protagonisti, anch’essi predicatori, per conoscere la storia vera di Tammy Faye, poi ne ha comprato i diritti ed infine ha aperto una casa di produzione, non solo per interpretarlo, ma anche per realizzare il biopic.

Un’attrice determinatissima, attivista e femminista convinta che è stata la protagonista indiscussa del primo degli Incontri Ravvicinati della Festa del Cinema di Roma 2021 e del primo sfavillante e scintillante red carpet capitolino, nel quale ha ammaliato tutti con un total look Gucci.

Un film che consiglio ed una interpretazione di Jessica Chastain di cui sentiremo sicuramente parlare, magari per una nuova candidatura agli Oscar.

Articolo di Stefania Vaghi

© Riproduzione riservata