Jodiel David Moresco

Jodiel David Moresco

Non credo nelle scuole di moda per i frutti che a fine anno danno. Oggi non bisogna soltanto saper disegnare altrimenti nessuno può mettersi in commercio.

2831
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

A tu per tu con uno stilista che va oltre gli schemi che la vita ci impone di seguire. La sua passione colpisce tutti.L'art magazine UnfoldingRoma nella figura della nostra brava e bella redattrice Antonella Antonino incontra all'interno del suo negozio nei pressi di campo dei Fiori lo stilista Jodiel David Moresco.Anche le sue creazioni e il suo modo di esporli non hanno uno schema preciso. Ogni suo capo trasmette un messaggio ben chiaro...sono stata la sua modella per un giorno dando spunto alla sua creatività anche nel creare outfit pazzeschi con pezzi anche in contrasto tra di loro

Tre parole per definirsi!

Non mi posso definire.

Preferisce che si parli del suo lavoro o della sua passione?

Preferisco parlare della mia passione.

Ricorda il suo primo capo che ha creato?

No!!!

Ci svela come nasce la sua collezione? A cosa si  ispira?

Non ho regole anche quando faccio una collezione, a volte quando finisco mi capita che all’ultimo momento cambio tutto perché mi viene in mente altro.

Quali sono i tessuti che preferisce per le sue creazioni?

Viscosa sicuramente !!

Cosa ne pensa in merito agli stilisti che utilizzano le pellicce degli animali? È a favore oppure no?

Non sono animalista, gli animali oggi sono fatti per coprirsi, non per giochi. Quando  verrà il messia (Unto) allora si tornerà allo stato iniziale non potremo più mangiarli.

Cosa vorrebbe trasmettere con la sua collezione?

Con le mie collezioni vorrei trasmettere dei messaggi che non sono la moda,altrimenti passano.

Il pezzo che ha creato che sente più suo?

Sempre l’ultimo.

Cosa non deve mancare mai nel guardaroba di una donna.

Il fascino.

Quali sono gli errori che si fanno quando ci si veste?

Errori nessuno, manca chi ci cura.

Preferisce una donna con tacco o con sneakers?

Preferisco personalità.

C’è un personaggio televisivo che le piacerebbe vestire?

Mi piacerebbe vestire la Pausini.

Cosa pensa sia necessario oltre alla visibilità?

La visibilità è la base per poter dire la tua.

Il web e i social stanno diventando sempre più presenti nel mondo della moda. Cosa ne pensa? Ha mai sentito parlare delle fashion blogger?

Il web e i social stanno diventando sempre più presenti nel mondo della moda, come le fashion blogger. Però come ogni cosa usato bene e con talento dà i suoi risultati.

Durante una nostra chiacchierata lei mi  ha detto che non crede nelle scuole di moda? Vuole dirci il perché?

Non credo nelle scuole di moda per i frutti che a fine anno danno. Oggi non bisogna soltanto saper disegnare altrimenti nessuno può mettersi in commercio.

A quali aspetti, oggi, punta il marketing della moda?

Non lo so.

Tutti scappano oggi dal nostro Paese. Cosa la lega qui a Roma?

Mi lega a Roma il made in Italy, e Roma, che ritengo insieme a Gerusalemme, sono le città più belle al mondo.

Nella sua ultima sfilata la sua collezione è stata indossata da ragazze giovanissime e tutte diverse tra loro, Vuole dirci il perché?

Mi deve colpire la personalità di una ragazza.

Quest’anno Armani ha festeggiato i suoi 40 anni del suo marchio. Come si vedi tra 10 anni

Tra 10 anni mi vedo in una fattoria.

Quali sono i suoi progetti per il futuro?

Non ho progetti per il futuro. Raccolgo la manna ogni giorno.

Cosa si sente di dire agli stilisti che vogliono intraprendere la sua strada?

Agli stilisti che vogliono prendere questa strada consiglio che non basta essere solo stilisti.

Qual è il saluto che vuole mandare ai lettori di Unfolding Roma?

Buona Fortuna.Grazie sei stato veramente gentile nel farti intervistare dal nostro magazine.

Antonella Antonino


© Riproduzione riservata

Multimedia