Seagulls

Seagulls

Noi stessi siamo i primi a cercare di scrivere pezzi le cui melodie rimangano in testa, ma provando a mantenere un certo equilibrio tra fruibilità e cura per la musica.

1150
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

La nostra redazione incontra Francesco Sensi componente del gruppo dei Seagulls; a breve questa giovanissima band sarà protagonista di una agguerrita finale nel contest musicale riservato alle giovani band della capitale: il Maxsi Factor in programmazione il giorno 11 Giugno 2015.

La prima domanda che si pone ad una band finalista in una competizione è: che vinca il migliore oppure che vinca la musica?In questi contesti, arrivare secondo significa soltanto essere il primo degli sconfitti?

Pensiamo che la cosa migliore in un contest (come in ogni altra competizione) sia la vittoria della proposta che la band migliore porta ed esprime. In questo caso soprattutto, per quanto riguarda la musica, non vi sono gruppi vincitori, ognuno infatti ha la possibilità di esprimere la propria arte e, a prescindere dalla vittoria o meno, è questo l'obbiettivo che bisognerebbe tenere a mente.

La seconda i componenti con ruolo e strumento musicale;una mini biografia ciascuno ì!!

Come gruppo ci siamo incontrati quasi per caso, e ognuno ha diverse esperienze e gusti musicali diversi in sintesi la band è formata da: Enrico Del Bono: voce/tastiera/chitarra ritmica ,Francesco Sensi: chitarra solista ,Giulia Consolo: voce/basso,Alessandro Temi: batteria.

In questi giorni sono state trasmesse in televisione due importanti kermesse musicali:in una quella condotta da Paolo Bonolis chimata "Lo spettacolo sta per iniziare"; dove la commistione tra musica classica e pop/rock, invece, si è consumata attraverso viaggi precipitosi da un'epoca all'altra, da un genere all'altro. Più che salti cronologici a ritmo di note, infatti, abbiamo assistito a veri e propri tagadà musicali, dove il fil rouge, a volte, è apparso un po' arrangiato e incastrato a forza, al limite del detournement, con l'ascolto del risultato finale che, però, ha comunque sopperito all'assenza parziale di logicità.Nell'altra invece abbiamo il Wind Music Awards 2015 con oltre 4 ore di musica (decisamente troppe sinceramente...), pubblicità compresa. E un meccanismo che ogni anno si perfeziona ulteriormente nonostante "il bello della diretta" e la varietà e la quantità di esibizioni previste.; ora vi chiedo se siete anche voi di fronte la tv a vedere queste due competizioni,se ancora la musica in televisione funziona,se realmente si può parlare di vendita e dischi nell'era digitale?Voi in quale vi riconoscete meglio tra le due...

Secondo noi, oramai la musica in televisione è solo la proposta di un "prodotto" (o comunque, nella maggior parte dei casi). Pensiamo comunque ci sia una differenza tra musica "commerciale" e una proposta scontata, banale. Noi stessi siamo i primi a cercare di scrivere pezzi le cui melodie rimangano in testa, ma provando a mantenere un certo equilibrio tra fruibilità e cura per la musica.

Reality e banalità vanno di pari passo?

Secondo noi, soprattutto in questi ultimi tempi, tutte le proposte che sono mostrate in televisione sono molto simili tra di loro, non per mancanza di originalità, ma perché si cerca di vendere il più possibile e una volta individuato il format o la formula vincenti si tende a ripeterli per sfruttarli il più possibile.

Ho letto che i fondatori del vostro gruppo studiano al ginnasio citando un articolo del giornale";< A questo mondo non servi più. Imparavi ad amare storia e letteratura e ti facevi bello con le citazioni. Però non ti preparava ai problemi veri. D'ora in poi il classico diventa un liceo come gli altri">..cosa pensate della riforma della scuola voluta da questa politica?

Pensiamo che ciascuno debba aver diritto all'istruzione migliore che lo stato possa offrire (perché un popolo istruito è un popolo libero), quindi riteniamo sbagliato la nascita di scuole di "serie A" ed altre di "serie B".

Se c’è una cosa che in Italia sappiamo fare bene è scrivere canzoni. Su questo non ci piove. È negli anni 60 che ha cominciato a muoversi qualcosa, con i vari Ciampi, De Andrè, Gaber, Guccini,.... Come sta adesso, il cantautorato italiano. Quali sono i vostri autori preferiti?Dell'attuale offerta musicale italiana che opinione avete?

Per quanto ci riguarda, non ascoltiamo molto o ci teniamo informati sul panorama musicale italiano, perché pensiamo che la musica "mainstream" italiana in questo periodo stia attraversando un momento difficile

I vostri testi su cosa si basano....

I nostri testi si basano sulle emozioni che li hanno, perché cerchiamo di trasmettere chi siamo non a parole, ma attraverso la nostra musica.

Parlando di contest musicali: “La vita è troppo breve per avere dei nemici.”Molti artisti nelle proprie canzoni utilizzano temi di forte impatto sociale;secondo un vostro giudizio il messaggio non e strettamente commerciale....

Pensiamo che la parte più importante di una canzone sia proprio il testo, e che la musica sia il mezzo migliore per veicolare un messaggio. È giusto quindi che i testi siano anche critici

Sempre parlando di musica leggo; che suonate anche cover :accettereste "sotto tortura" di suonare una canzone di Albano e Romina!? Tornati alla ribalta grazie ad un ricco contratto commerciale?

Suoniamo cover di canzoni che ci piacciono, non penso faremmo qualcosa "su richiesta" Abbiamo iniziato da pochi mesi a suonare come gruppo in live, e anche se le serate sono gratuite ci piace e diverte davvero, perché lo troviamo come un modo per diffondere la nostra musica e quelli che siamo

Ognuno di voi ha una sua "hit"da cantare sotto la doccia?

Ne cantiamo tantissime ma rimane un segreto tra noi e la doccia...

Jovanotti ha detto una cosa semplice, e cioè che fare piccoli lavori gratis in giovane età può arricchire e perfino piacere, perchè è il primo piede nel mondo del lavoro e degli adulti....?

Abbiamo iniziato da pochi mesi a suonare come gruppo in live, e anche se le serate sono gratuite ci piace e diverte davvero, perché lo troviamo come un modo per diffondere la nostra musica e quelli che siamo, fare nuove esperienze e capire come funziona questa mondo tutto nuovo per noi.

Parliamo di Politica : Per Renzi meglio gli “amici” di Maria che i compagni del pd - il premier sfila la mimetica e si rimette il giubbotto di pelle per andare dalla De Filippi.che rapporto avete voi ,che siete le nuove leve ed i nostri bastoni della vecchiaia ?

Ci interessiamo della situazione politica, ma la nostra musica non è coinvolta...

Voi siete di Roma che cosa amate di questa città;cosa pensate degli scandali di questa amministrazione ? il sindaco chiama "maleducati" i giornalisti che gli chiedono di mafia capitale..

Di Roma amiamo la storia e l'atmosfera..l'amministrazione non è il massimo, ma nonostante tutti i suoi problemi al momento è la migliore che si potrebbe avere.

Parlando sempre della nostra città questa volta di sport:vi piacerebbe riscrivere l'inno di quale squadra calcistica?

No comment !!

Il vostro futuro musicale vi porta via da questo paese?

Pensiamo che per il nostro genere, il percorso musicale che vorremmo fare ci porterebbe all'estero.

Grazie per averci concesso questa intervista.In bocca al lupo per la vostra carriera.


© Riproduzione riservata

Multimedia