LAZIO NAPOLI 1 -0 RECORD E ALTA CLASSIFICA

IMMOBILE TRASCINA LA LAZIO ALLA DECIMA VITTORIA CONSECUTIVA, TERZO POSTO ASPETTANDO JUVENTUS E INTER

stampa articolo Scarica pdf

10 vittorie di seguito, una partita da recuperare e i sogni davvero stanno diventando realtà. La Lazio festeggia nel migliore dei modi i 120 anni di storia, Immobile continua a segnare, Inzaghi le indovina tutte, i tifosi sognano. Il Napoli avrebbe meritato qualcosina in più ma il calcio a volte è crudele, troppe volte la fortuna a voltato la faccia ai biancocelesti, stavolta il popolo laziale deve continuare a credere che questo è l’anno giusto per sognare. Ripetiamo spesso questa parola è non un caso, i tasselli piano piano stanno andando nelle giuste posizioni, ma ora la gente laziale deve solo festeggiare il record delle vittorie e il posto in classica che la Lazio occupa.

Inzaghi mette in campo la solita Lazio, i titolarissimi. Strakosha in porta, Acerbi, Radu e Luiz Felipe i tre centrali, Lulic e Lazzari nei quinti, Milinkovic e Luis Alberto ai lati di Leiva centrale, Caicedo e Immobile in attacco. Gattuso con il suo classico 4 4 2 con Milik e Insigne di punta con Di Lorenzo Manolas coppia centrale di difesa.

Ci vogliono 11 minuti per vedere la prima occasione biancoceleste, Caicedo offre per Immobile ma Mario Rui blocca tutto con un grande intervento. Squadre corte ma la Lazio prende campo con il passare dei minuti sempre di più. 25’ Caicedo ruba palla dentro l’area avversaria e calcia, Fabian Ruiz rimedia. 27’ Insigne scappa sulla sinistra, Lazzari gli appoggia il braccio e il napoletano cade, fallo dal limite e ammonizione Lazzari. Da annotare che per un identico fallo nel secondo tempo Manolas non verrà ammonito. Insigne calcia la punizione direttamente in porta e Strakosha devia in angolo. 38’ammonito Manolas per fallo su Immobile. 42’ tiro di Milinkovic respinto da Ospina. Dopo due minuti l’arbitro Orsato fischia la fine del primo tempo.

Il secondo tempo si apre con un contatto in area tra Immobile e Manolas, Orsato lascia correre. 51’ si vede Milik, ma il suo destro è debole. 51’ contropiede magistrale di Luis Alberto ma il suo tiro colpisce Manolas. 52’ Immobile ma Ospina blocca facile. 53’ la trattenuta di Manolas non è da giallo su Immobile, Orsato non usa lo stesso metro di giudizio, sarebbe stato il secondo giallo. 64’ dentro Cataldi per Caicedo, mossa di Inzaghi per spostare Milinkovic più vicino alla porta. 67’ palla gol per il Napoli, Zielinski con un tiro a giro prende in pieno il palo alla sinistra di Strakosha, occasione d’oro per i ragazzi di Gattuso. Risponde subito la Lazio, contropiede di Leiva per Luis Alberto, Hysaj salva in calcio d’angolo. 75’ Insigne con un tiro di forza impegna Strakosha in tuffo basso. 81’ Berisha in campo per Lucas Leiva. 82’ il gol che decide la partita, Immobile in pressione su Ospina, errore del portiere che perde palla per l’attaccante laziale che defilato centra la porta senza nemmeno guardarla, Di Lorenzo prova a respingere sulla linea ma non riesce a salvare la porta del Napoli. 86’ ci prova ancora Immobile ma Ospina respinge bene. al 90’ Insigne prova con destro al volo, Strakosha risponde presente e salva tutto, porta inviolata, risultato e vittoria.

Ora la Coppa Italia, un trofeo sempre caro a Inzaghi. Sarà una Lazio B, una Lazio diversa ma per il mister biancoceleste ce la metterà tutta per passare il turno. Sabato di nuovo in campo per la prima di ritorno della seria A, un trittico in casa iniziato bene e che può migliorare andando già con la mente al derby. Ma come direbbe il mister, ora testa alla Cremonese, per l’altro c’è tempo.

Sognando a occhi aperti.

GIUSEPPE CALVANO

Foto EMANUELE GAMBINO

© Riproduzione riservata