INZAGHI: LA LAZIO DEVE CREDERCI

NON BISOGNA NASCONDERSI, CI MANCA DAVVERO POCO PER LOTTARE PER LO SCUDETTO

stampa articolo Scarica pdf

Un Simone Inzaghi raggiante ma tranquillo nella conferenza stampa post Lazio Napoli. Complimenti ai ragazzi oramai sono d'obbligo, ma subito dopo si sofferma al pizzico di fortuna che non deve mai mancare e che deve riuscire a coinvolgere tutta la rosa per raggiungere gli obbiettivi preposti. L'inserimento di Berisha nella partita di oggi secondo noi va proprio in quella direzione, più i giocatori sono coinvolti più si rema tutti nella stessa parte. La Coppa Italia arriva proprio al momento giusto, la Cremonese non troverà una Lazio ancora in festa per le vittorie e per i 120 anni di storia, troverà una squadra concentrata su un altro obbiettivo stagionale, 

Per lo scudetto dichiara che manca davvero poco per essere competitivi, oltre il pizzico di fortuna bisogna non avere infortuni gravi e squalifiche derivanti da cartellini arrivati per proteste. ricorda come l'anno passato si sia persa la Champions per gli infortuni di Luis Alberto e Immobile nella parte finale del campionato, stavolta vuole una storia con un finale diverso.

per il mercato ha ribadito che la società è vigile e c'è un confronto giornaliero, se capiterà l'occasione Tare non se la farà scappare.

Alla domanda sulla possibilità di essere campione d'inverno ha ribadito che la partita più importante per ora è quella di martedì con la Cremonese, la Coppa Italia è importantissima e si dovrà interpretarla nel migliore dei modi.

Hanno provato ad accostare Luis Alberto a Roberto Mancini, visto anche la maglia celebrativa dei 120 anni, Inzaghi glissa replicando che sono due grandi campioni. 

Al record delle 10 vittorie consecutive Simone Inzaghi ci tiene  tantissimo, mette la firma su una conquista scrivendo una pagina di storia biancoceleste.

GIUSEPPE CALVANO 

© Riproduzione riservata