X HOURS

X HOURS

L’idea di fare serate su serate come gli artisti di una volta ci affascina, ma se a queste non si affiancano tanta pubblicità e attività online, non è facile essere notati.

1145
stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Altra giovane band presente nella nostra redazione di Roma,di chi parliamo oggi....di un'altra  finalista del contest musicale MAXSI FACTOR III - High School Band Contest. Finale che si disputerà tra qualche giorno qui nella capitale.

Degli X HOURS, cinque ragazzi uniti da pochissimo tempo ma molto determinati, guidati da un batterista sopra le righe e da una delle voci più soul di Roma ; tutto questo lo troviamo scritto nella pagina ufficiale della kermesse canora.

Allora ragazzi,sono parole veritiere queste;oppure tra di voi avete un manipolatore di menti....

No No ,la definizione è gratificante, ma non possiamo essere noi a giudicarci in tal modo. Preferiamo ascoltare i giudizi della giuria e di chi ci ascolta, noi pensiamo a suonare e a far divertire!

Presentazione veloce e ruolo?

Iniziamo con i fondatori del gruppo, Eugenio alla Batteria (e, occasionalmente, alla voce, anche preferisce lasciare il compito alla voce vera!), Leonardo alla chitarra e – rullo di tamburi – la nostra Rita! Abbiamo inoltre Lorenzo alla chitarra, Michele al basso e Matteo alle tastiere!

Il nome del vostro gruppo si chiama X HOURS come gli altri finalisti avete scelto un nome inglese...scusatemi ma un bel nome italiano è da sfigati?

Crediamo non ci sia alcuna differenza qualitativa; ma la cultura anglosassone fa parte della nostra quotidianità (talvolta per motivi di studio), ed è una cosa venuta piuttosto naturale. Per esempio, anche l’uso della parola “factor” come nome di questa manifestazione rende molto più diretto ed esplicita il contenuto di questa, piuttosto che utilizzando il termine “fattore”

Odiate le domandi banali da parte degli addetti alla comunicazione?

In un ambiente nuovo in cui ci stiamo inserendo, nessuna delle domande è banale, anzi ci divertiamo sempre molto!

Con quali armi anzi con quali "pezzi" volete vincere?In caso di vittoria andrete al Divino Amore?Come partite.... Chi temete maggiormente?

Siamo un gruppo che (nel caso non si fosse visto) punta molto a mettere in risalto la parte vocale, ma mettiamo anche molta cura in accortezze strumentali, ed ora, con il recente arrivo di Matteo, stiamo maturando sempre più. Diciamo che se ci sono stati gruppi arrivati in finale come noi, tutti devono temere tutti, credo siano tutte band degne di nota e che possono sorprenderci. Ci ne sono alcune che abbiamo già visto dal vivo perciò sabbiamo come sono, altre invece avremo il piacere di ascoltarle il giorno della finale.Un pellegrinaggio al Divino Amore è già nella nostra lista di cose da fare dopo la serata INIT!

(Anthony Clifford Grayling) cita: Ci vuole solo coraggio, o forse buon senso, per capire che le lezioni migliori sono di solito le più dure; e che spesso fra queste ultime c’è la sconfitta. Se dovesse succedere...non mi dite che vi recate tutti su di un noto ponte dei castelli romani...

"Le sconfitte, come le critiche, sono uno dei mezzi più importanti per crescere, sia moralmente che musicalmente". Se subiremo una sconfitta, guardando il lato positivo, sarà anche un punto di partenza per migliorarci sempre di più!"

Parliamo anche con voi di reality come trampolino di lancio di una band ma in questo caso : credete che all'apice della tecnologia l'unico modo di emergere sia solo questo?

Abbiamo constatato che ognuno all’interno del nostro gruppo ha opinioni diverse su questo ambito;quello su cui siamo d’accordo è sicuramente che, se un artista è veramente talentuoso, non ha bisogno di apparire sullo schermo, per fingere di sottostare a delle regole che vengono in realtà trasgredite.

Disgustate un programma come "Amici"?

C’è chi non ne conosce nemmeno le regole, qui nel gruppo! “Disgustare” è una parola forte, è uno dei tanti sbocchi da cui un gruppo può emergere. Sinceramente noi ne preferiamo altri, magari puntiamo ad obbiettivi che si raggiungono con più fatica ma che danno anche molte soddisfazioni. Ciò non toglie nulla però (magari andrà a finire che andremo a parteciparvi, chissà!)

"Una questione cruciale è se gli artisti siano in grado di vendersi da soli meglio di quanto possano fare le loro etichette. Sicuramente un contratto con una major aiuta a passare nelle radio, sui canali musicali e in televisione"in futuro vi piacerebbe lavorare con una grande major musicale oppure intraprendere la carriera indipendente grazie alla rete?

Difficile a dirsi. Il massimo sarebbe una buona visibilità grazie alla rete, gratificata da una label che ti nota e crede in te. Sicuramente sarebbe una bella cosa collaborare e andare avanti con un’etichetta, ma crediamo che se un artista non sa vendersi da solo, è difficile che sappiano farlo queste per lui.

A livello di social: quanto è importante un clik/mi piace?

Molto. Oggigiorno è l’unico modo per raggiungere tanta visibilità. L’idea di fare serate su serate come gli artisti di una volta ci affascina, ma se a queste non si affiancano tanta pubblicità e attività online, non è facile essere notati.

Parliamo di Giovanni Moroder è di una seconda vita per un musicista con la "M" maiuscola;iniziata poco dopo la pubblicazione di Questo produttore e compositore, ha ricevuto l’inaspettato omaggio di una traccia interamente dedicata alla sua vita, raccontata in un brano appositamente costruito dal duo francese; riproponendo il suo sound inconfondibile , creato attraverso i sintetizzatori nel lontano 1975. Adesso arrivo alla domanda. per l’uomo che invento’ la discomusic - è stato offerto d rifare l’inno d’Italia: “ora sono pronto a riprovarci se mi chiama Renzi”Vi chiedo se vi fosse fatta la stessa proposta vi piacerebbe riscrivere il nostro inno ?Con quale stile/armonia ?

Non a tutti piacerebbe un Inno d’Italia Rock/Soul. Sicuramente sarebbe gradevole da sentire, e sicuramente ognuno di noi si divertirebbe a metterci del suo! Un’occasione del genere dimostrerebbe che noi non viviamo alcun conflitto tra interesse per la cultura anglosassone e amore per la nostra nazione. Se ci venisse fatta una tale proposta, ci proveremmo senza pensarci su!

Parlando di contaminazioni quali apprezzate unite al vostro sound?Quali non riuscite proprio a accettare nei vari contesti musicali?

Apprezziamo molto l’influenza del classic rock e del Funk (un po’ nello stile RHCP) e, ovviamente, una voce che trasporta, tipica di stili rappresentati, ad esempio, da Amy Winehouse. Suoni talvolta distorti e potenti creano un bell’impatto fra le due dinamiche!

Il rapporto con il rap ? L'ennesimo fuoco di paglia che però in questo momento è sulla breccia ?

E’ un genere come tutti gli altri, da rispettare. Da seguire se c’è interesse. E’ vero che c’è stata una notevole espansione ultimamente, ma supponiamo che se ha avuto tanto seguito, è un successo meritato.

Vi piacerebbe inseguire la carriera di quale gruppo musicale;Sia straniero che italiano ?

Difficile a dirsi. Puntualmente in ogni gruppo (o artista) c’è un aspetto che ci fa allontanare dal voler seguire la sua scia.. dovrebbe essere un mix tra vari gruppi! Ad ogni modo imitare la carriera di qualcuno non ci attira, andremo per la nostra strada e vedremo dove ci porta!

Yeah Yeah Yeahs,Franz Ferdinand,Arctic Monkeys Hard-Fi , Babyshambles,Editors ,Interpol, Kaiser ,chiefs Maximo Park;sono solo una minima parte dei gruppi che ascoltavo qualche anno fa;quali di questi sono stati sopravalutati,quali tra questi vi hanno influenzato...?Quali di questi hanno meritato una giusta disgrazia e sfortuna?

Non conoscevamo bene alcuni di questi gruppi, perciò ci siamo documentati sul web. Ad ogni modo, quello che ci è piaciuto di più, nonché quello che conoscevamo meglio, restano gli Artic Monkeys, e ammettiamo che hanno un successo più che meritato, grazie alla loro originalità strumentali.

Essendo di Roma non possiamo non parlare di alcuni incresciosi fatti accaduti nella nostra città;a proposito dei fratelli rom che hanno falciato nove passanti uccidendone una cinque giorni per trovarli e appena due per liberarli...che idea vi siete fatti?

Fermo restando che avremmo detto lo stesso se i colpevoli fossero stati di nazionalità italiana, forse, dopo tante (troppe) parole bisognerebbe rinnovare le leggi e garantire la certezza della pena che, di fronte a questi fatti, sembra sempre troppo leggera.

Dopo accoltellamenti al derby, scandalo calcioscommesse che investe dilettanti e teste di serie e le mazzette alla Fifa: un commento ?

Che dire? Qualsiasi persona di buon senso penserebbe che il “marcio” che viene fuori da queste situazioni dovrebbe essere punito, una volta per tutte.

Arriva L'estate romana ,quale dei tanti concerti programmati vi interessa di più per il vostro gusto musicale?

Abbiamo gusti decisamente disparati: “Dream Theatre”, “Mumford and Sons”, “Linkin Park”.. senza tralasciare un po’ di buon jazz al “Villa Celimontana Jazz Festival”!

Qualche ringraziamento magari a chi vi ha denigrato.....

Grazie a tutti, sul serio. Applausi, consigli, critiche.. ci servono a crescere, musicalmente e moralmente, e ci serviranno sempre.

I progetti per il futuro vi portano fuori da questo paese?

Sinceramente? Lo speriamo tanto. L’idea è quella di fare qualcosa di grande, sperando di trovare qualcuno che creda davvero in noi, fiduciosi di non deluderlo! Ma chi può dirlo!

Dopo quest'intervista odierete i giornalisti?

Facciamolo ancora!

Grazie ragazzi gentilissimi in bocca al lupo per la finale.

© Riproduzione riservata

Multimedia