Improvvisa E Prematura Scomparsa Della Giornalista Paola Guerci

Improvvisa E Prematura Scomparsa Della Giornalista Paola Guerci

Lutto nel mondo del giornalismo: si spegne a soli 52 anni la nota giornalista e conduttrice Paola Guerci

stampa articolo Scarica pdf

Paola Guerci non ce l’ha fatta. Aveva subito un intervento neurochirurgico a Milano, durante il difficile periodo del lockdown e, purtroppo, al suo rientro a Roma, il suo quadro sanitario si è aggravato al punto che questa mattina si è spenta lasciando sgomenti ed increduli amici e colleghi.

La popolare giornalista e conduttrice radiofonica, fondatrice del magazine PinkItalia, aveva mosso i primi passi nel mondo dell’editoria sin da giovanissima al “Popolo”, fino alla collaborazione con “Radio Vaticana”, “Il Tempo” e, negli anni ’90, con “La Discussione”. Dal 2015 era conduttrice del programma radiofonico “La città delle donne”, un format tutto al femminile in onda su Radio Roma Capitale e sui canali digitali di Radio Rai. Una carriera giornalistica di successo alla quale aveva da tempo abbinato l’impegno politico: Paola Guerci è stata infatti Consigliere del II Municipio e, nel 1999, Assessore Provinciale alla Cultura e alle Politiche Giovanili della Provincia di Roma con il Centrodestra e Presidente dell'IPAB S.Maria in Aquiro.

Instancabile lavoratrice, seria, affidabile e stimata da tutti, Paola portava avanti con responsabilità ed autorevolezza anche l’impegno civile, organizzando convegni, incontri e dibattiti per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei femminicidi e del ruolo della donna in alcuni contesti sociali e spesso denunciando anche attraverso PinkItalia, il magazine femminile da lei fondato nel 2011 e divenuto poi il canale donna di QN – Quotidiano Nazionale portale web delle testate giornalistiche Il Giorno, La Nazione, Il Resto del Carlino.

Entusiasta ed innamorata del suo lavoro, Paola si era descritta così sul suo magazine PinkItalia: “Paola Guerci Appassionata di new media! Ottimista e gioviale, il bicchiere per me è sempre mezzo pieno! Mamma orgogliosa di Egeria! Il mio sogno nel cassetto? Non ve lo posso dire”. Paola Guerci lascia la figlia Egeria, giovane militare in carriera ed i familiari, gli amici ed i colleghi, tutti attoniti dinanzi alla notizia della sua troppo prematura scomparsa.

Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d'Italia e vicepresidente della Camera, ha voluto ricordarla così sulla sua pagina Facebook: “Cari ragazzi, amici e gente nostra, Paoletta Guerci ci ha lasciati. Così, senza dire niente a nessuno, senza permetterci un saluto, un bacio, un abbraccio, una mezza parola di conforto. Senza che ci potesse compatire con uno di quei suoi sorrisi dolci e ironici. Era brava, umana, affettuosa, talentuosa e noi abbiamo solo il compito di custodirne la memoria e parlare di lei, di ciò che ha fatto, provando a proseguirne l’impegno nell’associazionismo, le pari opportunità, la comunicazione su cui aveva idee magnifiche che il tempo non le ha consentito di sviluppare come avrebbe meritato. I suoi amici soffriranno molto perché quando si perde l’amore di una persona che sapeva darne a piene mani si resta storditi a lungo. Un pensiero va a sua figlia Egeria, che Paola ha avuto la gioia di poter vedere con una divisa indosso, come desiderava. Facciamoci forza e preghiamo per lei e per la sua famiglia. Essere fedeli alla propria natura e sfuggire alla mediocrità quotidiana è l’unico antidoto per non avere rimpianti, l’unica cosa che davvero conta nella vita. Il resto è deliro di onnipotenza e atti di volgare presunzione. Fermiamoci oggi in un angolo della città e dedichiamole un saluto. Ciao Paola”.

Gli ha fatto subito eco la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni che sul suo profilo Twitter ha scritto: "Con grande tristezza ho appreso della scomparsa prematura di Paola Guerci, donna tenace e perbene, giornalista sempre attenta al sociale. Se ne va una persona coraggiosa e apprezzata da tutti, che ha sempre portato avanti con orgoglio le proprie idee. Condoglianze alla famiglia”.

Buon viaggio Paola.

Di Erika Gottardi

© Riproduzione riservata