SERIE A 2019 2020 ROMA INTER 2-2

ALL'OLIMPICO TANTI GOL E POCO GIOCO.

stampa articolo Scarica pdf

FORMAZIONI UFFICIALI:

ROMA (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Ibanez, Kolarov; Bruno Peres, Diawara, Veretout, Spinazzola; Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko. Allenatore: Fonseca

INTER (3-4-1-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Candreva, Barella, Gagliardini, Young; Brozovic; Sanchez, Lautaro. Allenatore: Conte

ARBITRO: Di Bello di Brindisi

LA PARTITA:

La gara dell’Olimpico inizia su ritmi piuttosto compassati con lunghi fraseggi che coinvolgono i settori difensivi di entrambe le parla. La prima azione è della Roma che riesce a recuperare palla approfittando di un errore di Bastoni, con Mancini che arriva sul fondo e crossa ma De Vrij è bravo a chiudere in angolo. Sugli sviluppi del tiro della bandierina clamoroso errore in uscita di Handanovic ma per fortuna dei nerazzurri Mancini manca l’impatto col pallone. Al 15º sugli sviluppi della prima azione offensiva i nerazzurri conquistare un calcio d’angolo che viene battuto da Sanchez bravo a trovare lo stacco imperioso di De Vrij e infila la palla alle pale di Pau Lopez. Aver sbloccato il risultato sembra dare buona fiducia all’Inter che nei minuti successivi alza la pressione nel tentativo di recuperare palla in zona offensiva. Al 26º è proprio Sanchez a mettere grande pressione su Ibañez sfiorando lo scippo in piena area ma il centrale giallorosso si salva. Pochi istanti dopo arriva la più clamorosa delle occasioni fallite dall’Inter che libera al tiro Brozovic da distanza ravvicinatissima ma il croato gestisce in maniera irritante questa clamorosa occasione passando di fatto la palla a Pau Lopez. I tentativi della Roma nascono principalmente sulla fascia di competenza di Bruno Peres che è sempre particolarmente propositivo e mette costantemente in difficoltà Young non impeccabile quando si tratta di offrire copertura difensiva. Al 37º ci prova Brozovic che dopo una percussione centrale calcia dalla distanza ma la difesa giallorossa riesce a murare efficacemente. Prima del 40º il gioco si ferma per qualche minuto per l’infortunio occorso a Gagliardini che nel contrasto con Diawara rimedia una brutta botta alla testa. Come spesso succede dopo alcune buone occasioni gettate alle ortiche l’Inter viene punita con il gol del pareggio subito negli istanti finali della prima frazione quando la protezione palla di Dzeko apre lo spazio per l’arrivo sul fondo di Spinazzola che prova a calciare verso la porta e trova la benevola deviazione di De Vrij che manda la palla nella propria porta. Per l’Inter si tratta in qualche modo di una doppia clamorosa beffa vista la vicenda di mercato che aveva coinvolto lo stesso Spinazzola durante il mercato di gennaio nello scambio con Politano, poi saltato per via della scelta dei nerazzurri non convinti dallo stato fisico dell’ex giocatore di Juventus ed Atalanta. Da registrare le proteste dei nerazzurri per il fallo subito da Lautaro Martínez ad inizio azione.

La prima occasione del secondo tempo per la Roma arriva al 49º con un tiro da posizione decentrata di Veretout che approfitta di una buona protezione palla di Dzeko per scagliare la conclusione verso la porta ma il tutto si conclude con un nulla di fatto. Al 52º contropiede dei nerazzurri che liberano Lautaro al tiro il quale batte Pau Lopez con un diagonale ma il tutto viene poi annullato per millimetrico fuorigioco di partenza dell’attaccante argentino. Al 57º la Roma passa in vantaggio sugli sviluppi di una percussione centrale in cui la difesa nerazzurra risulta imbarazzante e gli attaccanti della Roma piuttosto fortunati con Dzeko e Mkhitaryan che disturbandosi di fatto si trovano in posizione di poter calciare verso la porta di Handanovic che in questo caso non può nulla. A questo punto comincia da una parte dall’altra una girandola infinita di cambi. L’Inter prova una reazione di nervi che inizialmente è piuttosto sterile e di fatto non si segnalano occasioni significative da entrambe le parti per modificare il punteggio. All’81º ci prova con un tiro dalla distanza Nicolò Barella ma la conclusione viene murata dalla retroguardia giallorossa. Al 86º tentativo di ripartenza veloce di Moses che è bravo a contestare un tentativo di rinvio di Spinazzola che commette poi una clamorosa ingenuità sull’esterno nigeriano abbattendolo in area e l’arbitro Di Bello decreta il calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Lukaku, entrato da pochi minuti, che spiazza Pau Lopez. Risultato che dunque torna in equilibrio con un punteggio che però non serve certamente all’Inter ,che dunque prova a spingere negli ultimi minuti con più convinzione ma in realtà nessuno sporca ulteriormente i guantoni di Pau Lopez. Finisce dunque con un risultato inutile questa partita che chiude definitivamente le ambizioni di rimonta scudetto dell’Inter e che non sposta gli equilibri di classifica della Roma. Ancora una volta dunque per i nerazzurri una grande occasione persa e una determinazione non sufficiente messa sul campo per larghi tratti della gara.

FEDERICO CESTE

© Riproduzione riservata