Rinviata La Discussione Sulla Legge Contro L'Omofobia

Rinviata La Discussione Sulla Legge Contro L'Omofobia

La protesta delle associazioni nella voce di Valerio Colomasi Battaglia, presidente del Circolo Mario Mieli

stampa articolo Scarica pdf

Nella giornata in cui gran parte delle piazze di Italia sono riunite a sostegno della legge contro l'omofobia, richiesta a gran voce da Alessandro Zan, Monica Cirinnà e dalla comunità LGBTQI+ tutta, i lavori subiscono ancora rallentamenti.

Dal Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli di Roma, giunge la dichiarazione a riguardo. «È gravissimo che, ancora una volta, il Parlamento rinvii la discussione della legge contro l'omotransfobia. Siamo perfettamente consapevoli della situazione sanitaria e sociale drammatica attuale, la viviamo tutti i giorni sulla nostra pelle, eppure continuiamo a fare il nostro dovere nei confronti della collettività - commenta il presidente del Circolo Mario Mieli, Valerio Colomasi Battaglia, che continua dicendo - Perché il Parlamento non è in grado di farlo? Chiediamo al Presidente Roberto Fico di prendere i provvedimenti idonei ad assicurare il funzionamento della Camera dei Deputati nonostante la crisi e di portare il ddl Zan all'esame dell'Assemblea subito. Crediamo che i parlamentari siano perfettamente in grado di assumersi le proprie responsabilità nei confronti dei cittadini e delle cittadine: è il momento che lo facciano!», conclude Colomasi Battaglia dopo la notizia che il Presidente della Camera ha accolto la richiesta di rinviare la Legge Zan.

Articolo di Roberta Savona 

© Riproduzione riservata