Addio Mandrake!

Ci hai lassato pure te! A Gigi, che brutto scherzo ci hai tirato.

stampa articolo Scarica pdf

Ci hai lassato pure te! A Gigi, che brutto scherzo ci hai tirato. Certo, non è da tutti annassene lo stesso giorno in cui s'è nati: aho 80 anni tondi tondi, sembra quasi che l'hai fatto apposta, l'urtima mandrakata prima d'annattene, un bel saluto dai. Ce lassi qui da soli, in questo triste monno, adesso pure malato de 'sto morbo che ammazza quanno meno te lo aspetti e ce fa rinchiude a casa, mentre fuori er sono dell'ambulanze se fa largo pe' le strade.
Quante cose sei riuscito fà, co' quell'occhi spalancati e quer sorriso sempre acceso che ce rimetteva a monno anche quanno ci avevamo er core rotto. E pensà c'hai iniziato colla musica, cantavi per pagatte l'università, cominciavi quann'era sera e finivi quanno er sole se ritirava ma er teatro non sapevi manco ch'era. Poi piano piano ha cominciato a recità, qualche piccola comparsa, quale ruolo da protagonista e poi la botta de fortuna. Siccome er grandissimo Domenico Modugno aveva litigato co' que furbetto de Renato Rascel, Allelluja Brava gente era rimasto senza un protagonista. E guarda un po', t'hanno chiamato proprio a te e da lì, dal grande palco e dar core dei spettatori, non te ne sei più annato: nemmeno oggi che te stamo qui a ricordà, per quer gran genio ch'eri della teatralità.
Ma condivide er palco coll'altri attori non te bastava, sentivi che dovevi provà da solo, che ce la potevi fà e che er talento ce l'avevi per conquistà tutti. E' così ch'è nato nel '76 quer gran spettacolo de A me gli occhi please. Quanta gente che t'ha visto, quanti teatri pieni zeppi, quanti applausi ma soprattutto quante risate hai fatto fa a ricchi, poveracci, colti ed ignoranti: a tutti ma proprio tutti l'hai fatti divertì. E più crescevi e più imparavi e più sentivi che 'st'esperienza la dovevi da donà, perché ci hai sempre avuto un core grande e mentr'aspettavi li sordi dalla Regione Lazio, coi sordi tua ha finanziato una scola tutta tua e hai portato in scena un sacco de spettacoli co' gente come Brignano, Insinna, Laganà e la Noschese. Quanto amore per Teatro che so' sicuro che vedelli chiusi, 'sti tempi della curtura e dell'echi der passato, che pure pe' questo er core tuo s'è un po' spezzato.
Certo, er cinema non t'ha dato quanto er teatro ma pure là te sei fatto rispettà e chi se lo scorda Mandrake, ma non era roba pe' te e non ci hai avuto er successo che t'aspettavi ma che te frega, se er grande schermo non t'ha dato la fortuna, er piccolo schermo t'ha fatto entrà nelle case de tutti l'italiani: Fantastico 4, Premiatissima, che mattatore delle scene, che affabulatore e trasformista! e poi come scordacce de Il Maresciallo Rocca, quante je piacevi a mi' madre che nun la potevi disturbà quando te stava a guardà.
Grazie Gigi, grazie proprio da tutti noi, anche per il modo in cui ha vissuto:  un signore, tanto sfacciato sul palco quanto riservato nella tua vita privata, no come 'st'influencer d'oggigiorno che te spiattellano su li schermi tutto quello che fanno e poi dentro so' solo voti a rendere. Le barzellette, le canzoni, i monologhi, quei silenzi dove l'occhi, la faccia e quer sorriso trasalito ce facevano restà a bocca aperta e le risate, fino alle lacrime, a facce divertì e a facce passà la malinconia de 'sta vita che un po' mignotta, che va co' tutti ma stavolta a te t'ha detto no.
Oggi te piagnemo come piagnemo tutti li morti nostri.  Facce piagne ancora un po' Gigi, perché domani se faremo 'na risata magari guardandote in quarche vecchio video o vecchio sketch e allora sì che te ringrazieremo, te saremo grati pe' avecce dato tutto te stesso, proprio lì, sui palchi de li mejo Teatri d'Italia, te che della romanità eri forse l'urtimo superstite e sei stato capace de portà Roma e lo spirito de' romani pe' tutto er monno. Ciao Gigi.

© Riproduzione riservata