FELIPE CAICEDO, ENIGMA IN CASA LAZIO

DA RUOTA DI SCORTA A UOMO MERCATO O PRIMO RINFORZO PER IL MERCATO DI GENNAIO?

stampa articolo Scarica pdf

Felipe Caicedo, tutto tranne che la normalità. Nella scorsa stagione fu il primo a parlare di scudetto alla cena di Natale con la squadra, aveva già capito che la Lazio da li a poco sarebbe stata devastante in campionato fino ad arrivare allo stop per il lockdown a un punto dal primo posto. Era l’uomo di scorta, decisivo negli istanti finali delle partite, sempre pronto e mai una polemica ma, anche determinante, quando gioca dall’inizio, vedi Frosinone l’anno passato o Fiorentina in questa stagione. Quest’anno ha anche la concorrenza di Muriqi come aggravante di una situazione ovviamente non creata da Caicedo, ma spiegata bene dal Direttore Sportivo Tare più volte: Caicedo era in partenza per gli Emirati, contratto pronto e solo da firmare ma qualcosa all’ultimo secondo è andato storto e Muriqi era stato già bloccato. La situazione non è delle migliori, in tanti per due posti in attacco, dove uno è occupato dalla scarpa d’oro Ciro Immobile, quindi in realtà ne rimane uno solo, Correa, Muriqi, Caicedo e Pereira in lotta per una maglia partita dopo partita.

Caicedo è finito più volte nel mirino delle polemiche, ovviamente soltanto sui mass media perché ufficialmente dal mondo Lazio original non è mai trapelato niente. Si conoscono bene gli ambienti delle grandi squadre, qualcosina sfugge sempre dai canali ufficiali e più di una volta Caicedo è finito al centro di discussioni dove si diceva e si scriveva che Felipe avrebbe chiesto al proprio allenatore di più, qualche rassicurazione per giocare più partite, altrimenti sarebbe andato via. L’esultanza dopo il gol di mercoledì alla Fiorentina toglie parecchi dubbi, Felipe Caicedo sta bene alla Lazio e alla Lazio interessano ancora le prestazioni dell’attaccante, il far veder a tutti il logo della prima squadra della capitale è stato emblematico.

Poi c’è l’aspetto economico che nel calcio come nella vita reale non è mai in secondo piano. Se arrivasse l’offerta giusta, congrua, Felipe Caicedo lascerebbe la Lazio. Si mormora Fiorentina, addirittura l’Inter, ma Tare non mollerà mai se non per una quaSimonedi denaro molto alta, specialmente ora che Felipe segna a ripetizione ogni qual volta viene impiegato da Simone Inzaghi.

E già perché Inzaghi non farebbe mai a meno del proprio attaccante di scorta, l’uomo da mettere a difese stanche, l’uomo che non fa mai polemiche ed è parte integrante del gruppo se non fondamentale per la cementificazione dello stesso. Ecco perché pensiamo che difficilmente Felipe Caicedo lascerà la Lazio, se si pensa poi che a gennaio le risorse economiche sono sempre meno la probabilità che l’equadoregno resti a Roma sono elevate.

GIUSEPPE CALVANO

Foto Emanuele Gambino

© Riproduzione riservata