LAZIO ROMA 3 -0 Stag 2020-2021

CAPOLAVORO LAZIO.IMMOBILE E DOPPIO LUIS ALBERTO PER UNA LAZIO DA FAVOLA. LAZZARI IMMARCABILE

stampa articolo Scarica pdf

Serviva la vittoria per dare una svolta alla stagione dopo l’ottima Champions, accorciare la classifica, ridimensionare la diretta rivale per un posto dei 4 disponibili per l’Europa che conta e consolidare un morale dopo le buone prestazioni delle ultime partite. Simone Inzaghi è riuscito in tutto ciò, la piazza di Roma sponda biancoceleste vola come il suo simbolo, l’aquila reale.

La Partita

Simone Inzaghi non tocca nulla della Lazio delle ultime uscite, Reina tra i pali, Radu, Acerbi e Luiz Felipe nei tre di difesa, Lazzari e Marusic i quinti con Leiva perno centrale, Milinkovic centro destra, Luis Alberto centro sinistra, Immobile e Caicedo davanti. Fonseca, a specchio, con Dzeko e Pellegrini, Pedro in panchina

Cronaca

Al 3’ subito protagonista Immobile che lancia in velocità Marusic, buona chiusura di Smalling. Lazzari e Marusic sulle fasce sembra essere il tema dominante della partita della Lazio. 8’ Immobile prova con il sinistro appena entrato in area, Pau Lopez blocca a terra. Al 14’ Lazio in vantaggio, Ibanez grave ingenuità con Lazzari, palla in area e Immobile trafigge l’incolpevole Pau Lopez. Risponde subito la Roma con Dzeko ma Reina blocca. 18’ Reina perde palla in area piccola rischiando l’autogol, solo angolo per la Roma. 23’ ancora Lazzari protagonista sulla sinistra, lancio perfetto di Luis Alberto, l’esterno biancoceleste a contatto con Mancini scivola in area, si rialza e serve ancora lo spagnolo che trafigge il portiere della Roma, due a zero per la Lazio. Var in azione per una presunta posizione irregolare di Caicedo davanti a Pau Lopez, Orsato e Mazzoleni optano per la conferma del gol. Lazzari, due assist nel primo tempo per la sua squadra. Al 36’ la Roma potrebbe riaprire la partita, Mkhitaryan lasciato colpevolmente solo in area non c’entra la porta da buona posizione. Ritmi bassi che consentono di andare al riposo la Lazio con il vantaggio di due reti ma con Radu, Acerbi, Milinkovic Savic ammoniti.

Secondo tempo senza cambi nella Lazio, per la Roma dentro Pedro per Veretout. Al 49’ ancora Lazzari protagonista, entra in area ma la difesa della Roma recupera in extremis. La Roma non riesce a reagire, sotto di due gol subisce ancora il pressing laziale. Al 57’ Immobile servito da Luis Alberto impegna Pau Lopez in una parata bassa. 59’ miracolo del portiere della Roma su Milinkovic Savic, da centro area il serbo colpisce a colpo sicuro, ottima risposta in respinta di Pau Lopez. Prova a cambiare Fonseca, fuori Villar dentro Cristante, ma la musica non cambia. Al 61’ Caicedo raccoglie un tiro di Immobile ma ancora una volta Pau Lopez devia in angolo. Fuori Caicedo e Leiva, dentro Akpa Akpro e Escalante. 67’ terzo gol della Lazio, Lazzari ancora devastante sulla fascia, Akpa per Luis Alberto che tutto solo ha il tempo di controllare dal limite d’area e piazzarla nell’angolo basso. Roma distratta e disattenta ancora una volta. Ultimi 20 minuti con Fonseca che prova a cambiare ancora inserendo Pedro e Mayoral, di fatto solo Dzeko al 85’ riesce a rendersi pericoloso con Reina molto reattivo e che concede solo l’angolo alla Roma. Fischia la fine Orsato dopo 6 minuti di recupero.

Una vittoria in un derby ha sempre un sapore speciale, spiace per la mancanza dei tifosi che comunque dalla tv avranno visto la migliore Lazio della stagione come concentrazione e senso tattico. Simone Inzaghi non è partito subito a mille come in altre volte, ha guidato la squadra secondo dopo secondo, gestendo le forze e aspettando l’errore dell’avversario che puntualmente è arrivato. La Roma non si è mai vista, merito della Lazio che ha gestito tutte le situazioni nella migliore maniera possibile, Lazzari imprendibile sulla destra, Marusic costruttivo e attento e un Luis Alberto strepitoso. Immobile non ne sbaglia una, Caicedo lottatore senza fari addosso ma semplicemente efficiente. La difesa anche con molti ammoniti non mai concesso nulla, insomma la partita perfetta nel giorno perfetto, ora bisogna solo pensare a continuare su questa strada, Inzaghi sa come si fa, di certo qualcuno pensava che avesse smarrito la via, stasera c’è la conferma che con o senza firma, lui è il centro di questa bellissima squadra.

GIUSEPPE CALVANO

© Riproduzione riservata