LAZIO SAMPDORIA 1-0 Stag 2020-2021

LUIS ALBERTO SEGNA IL GOL VITTORIA, BENE MILINKOVIC E MUSACCHIO, MALE MURIQI. VITTORIA IMPORTANTE PER LA ZONA CHAMPIONS LEAGUE

stampa articolo Scarica pdf

Era una partita da vincere ed è stata vinta. Si poteva, certo, soffrire di meno ma oggi contava troppo il risultato. Immobile un pochino spuntato, Muriqi inguardabile, abile di più come difensore che come attaccante, da rivedere il kossovaro, Milinkovic e Luis Alberto stratosferici. Lo spagnolo ha illuminato il primo tempo segnando anche il gol vittoria, il serbo è uscito nella ripresa quando c’era da prendere in mano la partita e cercare di portarla a termine in maniera positiva. La Lazio ha sofferto troppo ma alla fine la vittoria è giusta, di misura si potrebbe dire restringendo in una sola parola.

cronaca

Inzaghi conferma le indiscrezioni uscite il giorno prima di Lazio Sampdoria, Reina in porta, Musacchio centro sinistra, Acerbi centrale e Patric centro destra, capitan Lulic e Marusic i quinti, Leiva perno centrale con accanto Luis Alberto e Milinkovic Savic, Immobile e Correa di punta. Muriqi e Caicedo pronti all’occorrenza con Pereira fermato per problemi gastro intestinali. Nella Samp invece mister Ranieri sceglie Quagliarella accanto all’ex di turno Keita con Ramirez a supporto.

Parte subito forte la Lazio, Luis Alberto si mostra in giornata di grazia e tenta per due volte il passaggio assist in verticale per Correa e Immobile senza però trovare il varco giusto. 13’ Reina rischia il palleggio su Quagliarella, per poco il doriano non realizza il vantaggio per la sua squadra. 22’ Luis Alberto dialoga con Correa e calcia verso Audero, grande risposta del portiere doriano. 24’ gol della Lazio, su ripartenza Milinkovic trova lo spagnolo in area, sterzata per evitare il difensore e palla dove Audero non può arrivare sotto il sette, Luis Alberto per il vantaggio laziale. 25’ ancora la maglia numero 10 in evidenza, Audero fuori dai pali e Luis Alberto tenta il pallonetto senza successo. 28’ finalmente si vede Immobile, servito da un onnipresente Luis Alberto in area colpisce al volo di sinistro senza però trovare la porta. 32’ ancora Immobile, lancio di Acerbi in area, sinistro potente dove Audero ci mette i pugni, Correa non riesce nel tap-in vincente anche grazie a un recupero strepitoso di Yoshida. 34’ errore di Acerbi, per non dare corner alla Sampdoria rimette un pallone dentro ma Quagliarella ben appostato spedisce alto. 37’ punizione di Milinkovic di poco alta, 43’ Quagliarella per Ramirez ma Marusic con un grande intervento blocca tutto.

Un minuto di recupero e Massa fischia la fine del primo tempo.

Secondo tempo e 2 cambi per la Sampdoria, dentro Bereszynski e Jankto. 48’ ci prova Immobile su cross di Lulic ma palla fuori di molto, 54’ Quagliarella vicino al pareggio di testa ma palla a lato di poco. Cambi per Simone Inzaghi, dentro Escalante, Akpa Akpro e Muriqi per Luis Alberto, Lulic e Levia. 67’ Muriqi ha sul destro la palla per chiudere la partita, Marusic crossa in area dove il kossovaro tutto solo incespica con il pallone e invece di buttarla dentro a porta vuota la respinge da grande difensore. Lazio sfilacciata e incapace di ripartire, quelle poche volte che ci riesce cade nella trappola del fuorigioco. 83’ la Sampdoria chiede un rigore per un presunto fallo di Musacchio su Quagliarella, Massa dice di no. Sampdoria in avanti costantemente fino al 94 esimo senza però trovare lo spunto vincente, tanta sofferenza per la Lazio ma nessuna palla gol concessa, anzi, Milinkovic poteva fare il 2 a 0 al 92esimo ma la difesa doriana sbroglia.

Tre punti fondamentali nella corsa Champions League, negli scontri diretti qualcuno perderà punti e la Lazio ne approfitta comunque vadano a finire Atalanta Napoli e il derby Milan Inter. Ora sotto con la Coppa delle grandi orecchie, martedì sera c’è da giocare una partita importante della storia della Lazio ma senza troppe pressioni, tutto ciò che arriverà sarà buono, alla fine è sempre undici contro undici anche se dall’altra parte ci saranno i campioni del mondo.

GIUSEPPE CALVANO

Foto Emanuele Gambino

© Riproduzione riservata