LAZIO BAYERN MONACO 1 -4 Ottavo Finale Andata Champions League

DUE ERRORI INDIVIDUALI SPIANANO LA VITTORIA DEI TEDESCHI. CORREA IN GOL, SI SALVANO MILINKOVIC E MARUSIC, MALE MUSACCHIO E PATRIC

stampa articolo Scarica pdf

Due errori gravi spianano la strada alla vittoria tedesca del Bayern sulla Lazio, errori pesanti di Musacchio e Patric che stravolgono qualsiasi piano tattico preparato alla vigilia. Regalare due gol ai campioni del mondo non era proprio il massimo se si voleva provare a giocare la partita della stagione, la Lazio ha poca esperienza internazionale e tutti i limiti sono venuti fuori nella serata meno opportuna. Il Bayern non ha fatto nulla di grandioso, stupefacente, si è limitato a fare il suo e contro la Lazio è bastato, ripartenze veloci, uno contro uno quasi sempre vincenti e giocate mai banali ma essenziali. Immobile dopo un primo tempo in ombra ci ha provato ma senza trovare la via della rete, Luis Alberto si è dannato ma gli errori individuali hanno creato il solco tra i tedeschi e la Lazio. Milinkovic e Marusic i migliori in casa Lazio, Marusic addirittura da centrale, il montenegrino è cresciuto molto in questa stagione e gli va riconosciuto l’impegno e dedizione.

cronaca

Simone Inzaghi ha scelte obbligate in difesa e conferma i soliti fedelissimi dalla cintola in su. Reina in porta, Musacchio, Acerbi e Patric nei tre di difesa, Leiva perno centrale con Milinkovic e Luis Alberto ai lati, Marusic e Lazzari i quinti con Immobile e Correa di punta. Flick con il tridente pesante Lewandowski, Coman e Sane.

Lazio nervosa e impaurita fin dal primo minuto, Lazzari regala un calcio d’angolo al primo minuto senza pressione tedesca. Bayern sulla sinistra della Lazio trova varchi a ripetizione ma il primo gol arriva su errore di Musacchio sulla destra al 9’, retropassaggio corto su Reina, si avventa Lewandowski che salta il portiere laziale e deposita in rete. Lazio per qualche minuto in balia completa dei tedeschi, riesce a rialzare la testa al 18’ quando chiede un rigore per un fallo su Milinkovic di Boateng, sembra fallo del tedesco ma l’arbitro israeliano Grinfeld dice di no. 24’ raddoppio Bayern, Musiala da centro area dopo un’azione stile rugby dei tedeschi batte Reina non proprio ben piazzato, di destro rasoterra. Fuori Musacchio per Lulic, Marusic scala centrale di difesa nel centro sinistra. 39’ si vede Immobile con un tiro da dentro l’area ma ribattuto dal muro tedesco. Sanè al 42’ porta a tre le reti del Bayern, Coman a campo aperto si libera di Patric e corre verso Reina, il portiere respinge ma Sanè tutto solo deposita in rete il terzo gol. Un minuto di recupero e primo tempo finisce con la Lazio sotto di tre gol.

Il secondo tempo si apre con il quarto gol dei tedeschi, Sanè sfugge via sulla sinistra, Patric annaspa e non respinge, Acerbi per anticipare Davies deposita nella propria porta. Inizio da incubo per la Lazo. Al 49’ Luis Alberto in verticale per Correa, slalom tra i difensori tedeschi e Neuer battuto da un destro angolato. Fuori Leiva e Patric, dentro Escalante e Hoedt. 63’ ci prova Immobile con un potente destro dal limite ma Neuer blocca. Non succede più nulla fino al 94’, tedeschi in controllo e Lazio piena di cambi che nemmeno osa più.

GIUSEPPE CALVANO

FOTO EMANUELE GAMBINO 

© Riproduzione riservata