Milan 1 - 2 Sassuolo 21.04.2021

Un grande Raspadori guida la rimonta neroverde

stampa articolo Scarica pdf

Il Milan torna a giocare in campionato, ma sullo sfondo rieccheggia ancora il botto della SuperLega del quale avrebbe voluto fare parte, facendo chiedere in quali condizioni si presenteranno i giocatori in campo, dove trovano di fronte un Sassuolo agguerrito dopo le pesanti dichiarazioni lasciate ieri da Mister De Zerbi.

Oltre a tutto questo, Pioli deve rinunciare per infortunio a tre titolari come Zlatan Ibrahimovic, Bennacer e Theo Hernandez, trovandosi costretto a inventare la formazione. In attacco è confermato il quartetto schierato contro il Genoa, nonostante le brutte prove di Calhanoglu e Leao, mentre a centrocampo è Meité a prendere posto affianco a Kessié. In difesa, dove torna il recuperato Calabria, a sinistra parte Dalot dal primo minuto. Formazione a specchio per De Zerbi, che sceglie Defrel come prima punta, con alle spalle Berardi, Djuricic e Boga.

Nel primo quarto d'ora, a gestire maggiormente il possesso di palla è il Sassuolo,  anche per merito dell'atteggiamento attendista dei rossoneri, che vista l'assenza di un vero centravanti di peso preferiscono sfruttare la velocità d'inserimento dei propri uomini offensivi. In queste fasi, sono i nero-verdi ad andare vicino alla rete con Boga, che smarcato da Djuricic può andare alla conclusione da buona posizione, ma trova l'opposizione di Donnarumma.

Col passare dei minuti, i rossoneri provano a farsi vedere con maggiore costanza dalle parti di Consigli: il primo a provarci è Leao, con una buona discesa sulla destra che costringe Kyriakopoulos a rifugiarsi in calcio d'angolo. É la prima avvisaglia dell'imminente goal, che arriva alla mezz'ora con Calhanoglu, che con un potente tiro a giro va a chiudere una bella azione iniziata da Dalot e rifinita da Saelemaekers. La risposta sassolese arriva nel finale di frazione, con un forcing che porta i neroverdi ad andare vicinissimi al goal con Berardi, che può andare al tiro dalla breve distanza e costringe Donnarumma alla gran parata.

Nella ripresa, nonostante il passivo, la squadra di De Zerbi entra in campo con un atteggiamento più prudente, che induce il Milan a farsi sotto e a prendere in mano le redini del match. Nel primo quarto d'ora, i rossoneri mettono insieme due nitide occasioni da rete: la prima è una conclusione dal limite dell'area di Saelemaekers, la seconda con un destro a colpo sicuro di Calhanoglu, ma entrambi devono arrendersi di fronte agli interventi strepitosi di Consigli.

A questo punto l'allenatore degli ospiti effettua dei cambi offensivi per provare a raddrizzare la situazione e Pioli risponde prima allargando Leao, per sfruttarne meglio le caratteristiche, poi inserendo Krunic e Mandzukic per difendere il risultato, ma gli va male: la sua squadra, infatti, non fa in tempo nemmeno a digerire il nuovo assetto prima di subire il goal del pareggio. L'azione nasce dai piedi di Tolijan, che si disfa si Dalot e mette un cross che, deviato, finisce sui piedi del neo-entrato Raspadori che insacca e riporta in equilibrio il match.

Dopo il pareggio, il Milan pare perdere completamente ogni punto di riferimento e quando mancano sette minuti alla fine subisce addirittura la rete che ribalta il risultato. Berardi è bravo e farsi avanti sulla fascia e a servire il giovane attaccante italiano, che salta Tomori e supera Donnarumma con la complicità del palo. Pioli prova gli ultimi tre cambi disperati, ma serve a poco: la sua squadra si getta in avanti fino alla fine del recupero, ma la difesa ospite è brava a contenere ogni azione. Arrivano dunque zero punti per i rossoneri in una partita fondamentale per la lotta Champions, col rischio che già domani l'Atalanta effettui il sorpasso in classifica.

FORMAZIONI UFFICIALI:

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria (86' Kalulu), Tomori, Kjaer, Dalot; Meité (86' Diaz), Kessié; Saelemaekers (86' Castillejo), Calhanoglu (73' Krunic), Rebic (73' Mandzukic); Leão. All. Pioli

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Müldür (63' Tojan), Marlon, Ferrari, Kyriakopoulos; Obiang (72' Maxime), Locatelli; Berardi, Djuricic (63' Traoré), Boga; Defrel (64' Raspadori). All. De Zerbi

 Matteo Tencaioli

© Riproduzione riservata