FIORENTINA LAZIO 2 - 0 Stag 2020-21

LAZIO, LA CHAMPIONS SI ALLONTANA BATTUTA D’ARRESTO DEI BIANCOCELESTI AL FRANCHI, DECIDE DOPPIETTA DI VLAHOVIC.

stampa articolo Scarica pdf

Una Fiorentina che non t’aspetti, tutta grinta e cattiveria agonistica contro una Lazio femmina, poco reattiva e molto nervosa e il risultato finale non sbaglia, Fiorentina 2 Lazio 0. La Champions diventa per ora un miraggio, servirà molta fortuna per cercare di riagganciarsi al treno per l’Europa che conta. La Fiorentina trova una vittoria che la mette al riparo da sorprese riguardo alla zona salvezza.

Cronaca

Inzaghi con il solito 3 5 2, Reina tra i pali, Radu, Acerbi e Marusic nei tre di difesa, Milinkovic, Leiva e Luis Alberto a centrocampo, Lazzari e Lulic i quinti e Immobile e Correa di punta. Iachini a specchio con Vlahovic punta centrale e Caceres a tutto campo in marcatura su Luis Alberto.

Lazio subito avanti ma la palla buona per andare in rete è della Fiorentina la 3’ con Bonaventura che di testa non trova la porta su assist di Ribery. 11’ occasione d’oro per Correa, Radu lungo per Milinkovic, sponda del serbo per l’argentino tutto solo in area, destro con Dragowski che riesce a deviare con una mano, c’è da dire che Correa poteva essere più convinto nel colpire il pallone. La Lazio tiene il pallone e la Fiorentina è sempre pronta nelle ripartenze. 24’ Radu su corner di Luis Alberto non trova la porta di testa. 26’ Radu per Immobile che di destro colpisce il palo, tutto fermo per fuorigioco del napoletano. 32’ Fiorentina in vantaggio, Castrovilli sfonda a sinistra e serve Biraghi sul fondo, palla bassa al centro e Vlahovic tutto solo deposita in rete con difesa laziale colpevole anche se i giocatori della Fiorentina hanno goduto di un rimpallo a inizio azione. 36’ risponde Milinkovic di testa ma Dragowski respinge ancora. A tempo quasi scaduto Lazzari per Milinkovic di testa, palla alta sopra la traversa. Maresca fischia la fine del primo senza recupero.

Secondo tempo senza cambi, Milinkovic subito per Correa che trova Immobile, il napoletano non trova il tempo di colpire verso la porta. Partita che si incattivisce e giocatori della Fiorentina che restano a terra per molto tempo dopo ogni contrasto. 62’ Pezzella di testa su cross di Biraghi che finisce poco a lato della porta di Reina. Cambi nella Lazio, dentro Muriqi, Cataldi, Pereira e Luis Felipe per Luis Alberto, Lulic, Lazzari e Leiva. 65’ Reina mura Vlahovic dopo una ripartenza veloce con Castrovilli. Lazio quasi sparita dal campo, nervosa e incapace di reagire allo strapotere viola nelle ripartenze, nei contrasti e nella voglia di arrivare ai tre punti. Cartellini gialli a Pereira, a Luiz Felipe, ad Akpa Akpro appena entrato. Gioco spezzettato e nessun segno di reazione della squadra di Inzaghi. 81’ ci prova Immobile che non arriva di un soffio su un cross di Pereira. 89’ il raddoppio della Fiorentina che chiude i giochi, corner di Pulgar per un Vlahovic incontenibile che di testa beffa Reina per la seconda volta. Partita finita con qualche minuto d’anticipo per Pereira che prende il secondo giallo per un fallo da dietro a centrocampo. Maresca opta per 6 minuti di recupero che però non fanno cambiare il risultato finale.

La Champions per la Lazio non è titoli di coda, almeno fino a quando la matematica non dirà il contrario Simone Inzaghi e la sua squadra non molleranno. Questa partita potrebbe lasciare strascichi ma il match di mercoledì contro il Parma è arriva presto e potrebbe scacciare via subito la delusione della sconfitta di stasera aspettando cosa succederà negli scontri degli avversari. La rincorsa parte da lontano, ci può stare di incontrare una Fiorentina quasi disperata bisognosa dei punti per la salvezza e lasciare il campo sconfitti, ma i conti facciamoli alla fine.

GIUSEPPE CALVANO

Foto di Emanuele Gambino

© Riproduzione riservata