Ma Il Cielo è Sempre Più Blu - Molte Anime, Molte Storie, Molte Vite

Ma Il Cielo è Sempre Più Blu - Molte Anime, Molte Storie, Molte Vite

Il tentativo di suicidio di un uomo da un cornicione dà il via a un confronto di riflessione su storie di vita

stampa articolo Scarica pdf

Al Teatro Marconi è in scena un nuovo spettacolo con la regia di Claudio Boccaccini, Ma il cielo è sempre più blu, una commedia di Steve Karenne divertente e con una piccola dose di poesia e saggezza.


"C'era una volta una piazza ...

ci passò una puttana,

un professore, un'artista,

una suorina, una snob fina fina,

ci passò un avvocato

e un milite prostrato,

un meccanico, un mammone,

una donna doppio nome,

fruttarola con il dottore

ci passarono le ore, c'eri tu ...".


Un giovane uomo mammone (Marco Cavallaro), un Colonnello (Maurizio D’Agostino), l’avvocato (Felice Della Corte), un elettrauto (Fabrizio Gaetani), l’artista (Caterina Gramaglia), una suora (Vanina Marini), una donna dal nome doppio (Silvia Mazzotta), la prostituta (Francesca Nunzi), la barbona (Tiziana Sensi), un professore (Tonino Tosto) e una fruttivendola (Marina Vitolo) arrestano per un momento le loro vite, procrastinando i propri impegni quotidiani, attirati da un uomo su un cornicione.


L’evento, inatteso e improvviso, prima scatena curiosità, poi subito paura e disperazione, fino a che ognuno vive e metabolizza la situazione riportandola alla propria vita, di cui, senza remore, mette a conoscenza gli altri.


Racconti di vita, segreti, grandi o piccoli, dolori, tristezze, paure: il gruppo diviene punto di incontro e sfogo per persone che, forse, avevano bisogno di staccare dagli impegni di tutti i giorni per potersi sfogare liberamente.

Una vera e propria catarsi che porterà a simpatie che nella frenesia della quotidianità sarebbero risultate improbabili, mentre le solitudini si annullano nel confronto e nella riflessione sulle storie delle varie vite.


Poi, tutto sembra passare come è arrivato: la vita di tutti i giorni riporta ognuno alle proprie attività e pensieri.


Ma il cielo è sempre più blu è uno spettacolo corale molto divertente, ma anche impegnato, interpretato da un gruppo di artisti che ben rappresentano le differenze e i punti di unione dei personaggi.


La regia di Claudio Boccaccini, sempre ben bilanciata tra attacco e ritirata, accesso e pausa, consente allo spettatore di poter assumere un doppio punto di vista: “entrare” nella piazza e vivere l’esperienza da dentro, oppure essere come l’uomo sul cornicione che dall’alto vede il movimento in piazza, sente le voci e le urla arrivargli da lontano e si chiede: “quelli là sotto, cosa staranno dicendo?”



Ma il cielo è sempre più blu

Di Steve Karenne

Regia Claudio Boccaccini

Compagnia Ass. Cult. Pex

Con Silvia Brogi, Marco Cavallaro, Maurizio D'Agostino, Felice Della Corte, Fabrizio Gaetani, Caterina Gramaglia, Vanina Marini, Silvia Mazzotta, Francesca Nunzi, Tiziana Sensi, Tonino Tosto, Marina Vitolo

Scene Alessandro Chiti

Costumi Lucia Mirabile

Aiuto Regia Andrea Meloni

Assistente Regia Andrea Goracci

Tecnico luci e fonica Carlo Galleasso


Flaminio Boni

© Riproduzione riservata