BELGIO ITALIA 1 2 AZZURRI I VERI DIAVOLI VANNO IN SEMIFINALE

L'Italia batte il Belgio per 2 a 1 grazie alle reti di Barella ed Insigne e va in semifinale dove incontrerà la Spagna

stampa articolo Scarica pdf

L' Italia batte anche il Belgio ed entra tra le migliori quattro d'Europa. Affronterà in semifinale la Spagna che ai rigori ha battuto la Svizzera. I diavoli rossi, i primi del ranking, tenuti in partita da un rigore generoso a fine primo tempo, eliminati dalle reti di Barella e Insigne.

La partita
Nemmeno un minuto e l'errore in fase di interdizione permette a Lukaku di rendersi subito pericoloso. Para a terra Donnarumma. Iniziano bene i diavoli rossi, primi nel ranking Fifa, e ottengono subito un angolo dopo 2 minuti di gioco:  lo batte De Bruyne, in dubbio fino all'ultimo,  respinge di testa Bonucci. L' Italia, dove in difesa è tornato Chiellini e in attacco Chiesa è preferito a Berardi, non è mai pericolosa in area avversaria. Alla prima vera occasione, però, sono gli azzurri a gonfiare la rete con Bonucci. Pochi secondi di gioia, il check è rapido e la sentenza impeccabile: fuorigioco azzurro. Delusione smaltita, squadra riorganizzata  e muro azzurro con Bonucci e Chiellini che respingono di testa i tentativi del Belgio.
Primo giallo della partita per Verratti, ammonito per fallo su Tielemans.
Super intervento di Donnarumma al 21': sinistro potente e preciso di De Bruyne, intervento maestoso del portiere. Ancora ripartenza del Belgio, ancora Donnarumma che con la sua manona nega la rete a Lukaku.


Dagli sviluppi di un angolo, Immobile recupera con Insigne e fa ripartire l'Italia: parte Spinazzola, che serve Chiesa. Buona la manovra, centrale la conclusione dalla sinistra, Courtois  resta fermo e para. È una folata azzurra che porta al solito tiro a giro di Insigne, alto. VANTAGGIO AZZURRO! 

Cresce l'Italia e al 31' trova il gol con Barella. che servito da Verratti penetra in area e scarica un destro potentissimo alle spalle di Courtois! Al 40' ci prova ancora l'Italia con un tiro dal limite dell'area di Chiesa che termina di poco fuori.

RADDOPPIO AZZURRO! Al 42' sale in cattedra Lorenzo Insigne che con il suo tiro a giro incanta Monaco: supera Cortois, pallone imprendibile e 2 a 0 per l'Italia.
Al 46' la decisione che non ti aspetti: rigore generoso concesso al Belgio per un tocco di Di Lorenzo su Doku che era entrato in area, rigore confermato dalla Var e Lukaku dal dischetto non sbaglia. Tiro potente che spiazza Donnarumma e dimezza le distanze.

Secondo tempo 

Buon avvio di ripresa per l'Italia che riparte bene con Chiesa, suo l'assist potente e centrale dove arriva male Immobile che non impatta nel modo giusto. Al 52' intervento ancora di Donnarumma: incursione pericolosa di Doku, che supera troppo facilmente Di Lorenzo, sul cross basso è attento Donnarumma in due tempi.
Al 61' rischio gigante per gli azzurri che soffrono con Di Lorenzo che si fa superare ancora da Doku, De Bruyne serve benissimo Lukaku, salva sulla porta Spinazzola con Donnarumma battuto.
Al 70' occasionissima del Belgio. Chadli, servito da Mertens, appena entrati al posto di Tielemans e Meunier. Cross che scavalca Donnarumma e Lukaku, Hazard è solo sul secondo palo ma non riesce a controllare a un passo dalla porta.
Al 73" cambia Mancini: Immobile non ce la fa più ed entra al suo posto Belotti, dentro anche Cristante per Verratti.Nuovo cambio per il Belgio: Chadli, si fa subito  male, dentro Praet. 


Al 79' si ferma Spinazzola: brutto infortunio per lui che esce in lacrime, in barella. Europeo sicuramente finito per il giocatore che lascia il posto ad Emerson. Al 79' entra anche Berardi al posto di Insigne. Al 89' punizione pericolosa per il Belgio: sul pallone De Bruyne, respinge Berardi, ma viene ammonito e si ripete la punizione. Ci pensa Donnarumma  a saltare più alto di tutti. Al 91' cambio ancora di Mancini: dentro Toloi per Chiesa a difesa del vantaggio negli ultimi minuti.

E' un assalto quello che tenta il Belgio negli ultimi minuti, ma è inutile: l'Italia continua a vincere e vola in semifinale, a Wembley, per incontrare questa volta le furie rosse di Luis Enrique. 

Enrica Di Carlo 

© Riproduzione riservata