CRONACA ITALIA INGHILTERRA 1 1 RIGORI E ITALIA CAMPIONE

L'Italia vince gli Europei: 1 a 1 al termine dei 90 minuti regolamentari. Ai rigori, Donnarumma protagonista e Wembley si tinge d'azzurro

stampa articolo Scarica pdf

L'Italia è sul tetto d'Europa e ci va al termine di un Europeo straordinario, in cui non ha mai perso, lontana da ogni pronostico, ma ha saputo giocare bene, soffrire e vincere. Ai rigori ha battuto la superfavorita Inghilterra, nel suo stadio, sostenuta da 60000 tifosi. L'Italia di Roberto Mancini e Vialli, di tutto il gruppo, dove chiunque è entrato ha dato il suo contributo fondamentale. Giorgio Chiellini alza la Coppa, la vittoria di tutti: un sogno diventato realtà che hanno cullato i giocatori e tutti i tifosi da casa, nelle piazze, davanti alle tv e quei pochi fortunati allo Stadio.

La Cronaca - 

Inizio in salita perchè dopo due minuti i padroni di casa passano in vantaggio. L'apertura di Kane è perfetta, cross di Trippier e Shaw sul secondo palo la mette dove Donnarumma non poteva arrivare. Una rete che poteva spezzare le gambe all'Italia e galvanizzare gli inglesi. L'Italia non riesce a fare le cose più semplici, impacciate ed impaurita.

L'Italia prova a riorganizzarsi, ma al 22^ rischia di perdere uno dei suoi uomini migliori: Jorginho. Infortunato, stringe i denti e resterà in campo fino all'ultimo secondo, all'ultimo rigore.  

L'Italia resiste agli attacchi inglesi, ma il primo tiro arriva solo al 35^ con Federico Chiesa, uno dei migliori in campo degli azzurri. Fa tutto bene in percussione, arriva fino al limite, tenta il tiro che termina di poco fuori. 

Cresce l'Italia che va vicina al gol anche nel primo minuto di recupero nella prima frazione di gioco: Di Lorenzo crossa in mezzo, si gira bene Immobile, ribattuto il suo tiro, ci prova Verratti ma il primo tempo termina  1 a 0. 

Stessi giocatori in campo nella ripresa, ma spirito diverso. L'Italia ci prova con più convinzione, con Insigne su punizione, poi con un rimpallo su tentativo di Chiesa. Nulla di fatto, ma l'atteggiamento è cambiato e l'Italia ci prova con maggiore precisione. Più pericoloso  nuovamente Chiesa che entra in area e prova il tiro di prepotenza: Pickford ci arriva, nega la rete e gli applausi sono per lui.

Al 54^ doppio cambio per l'Italia: dentro Berardi e Cristante per Immobile e Barella.  

Diverse occasioni e finalmente il gol: un batti e ribatti in area dove sbuca Bonucci che pareggia i conti e rimette seriamente in partita l'Italia. Bonucci e Chiellini, assoluti protagonisti del match e del torneo, trascinano l'Italia.  

E' tutta un'altra Italia che sfiora anche la vittoria nei tempi regolamentari con Berardi e Cristante, manca di precisione, ma non di volontà. Ancora pericolosi gli azzurri con Chiesa che però si fa male alla caviglia e all'87^ è costretto a lasciare il campo a Bernardeschi.

Terminano i 90 minuti sull'1 a 1. Nei supplementari entrano Belotti e Locatelli per Insigne e Verratti. Sono supplementari di tensione, in cui sia l' Inghilterra che l'Italia hanno le loro occasioni, ma tutto, anche i cambi inglesi, sembrano indirizzare il finale ai rigori. 

Ed è così: la Coppa si assegna dagli undici metri. Questa la sequenza che ha portato alla vittoria azzurra: Berardi gol, Kane gol, Belotti parato, Maguire gol, Bonucci gol, Rashford palo, Bernardeschi gol, Sancho parato, Jorginho parato, Saka parato.

Enrica Di Carlo 

© Riproduzione riservata