MACRON RENDE OBBLIGATORIA LA VACCINAZIONE PER I SANITARI

MACRON RENDE OBBLIGATORIA LA VACCINAZIONE PER I SANITARI

Medici , infermieri ma anche i caregiver ed i pompieri che non risulteranno vaccinati in Francia al ​​15 settembre , non potranno più lavorare e non saranno più retribuiti

stampa articolo Scarica pdf

Il presidente francese Macron segue l’ Italia nel protocollo nazionale di controllo della diffusione del virus covid19 , inasprendo le norme e dichiarando ai media che il prossimo 12 luglio introdurra’ la legge che finalmente obblighera’ il personale sanitario alla vaccinazione .

Queste le sue parole : “Per il personale infermieristico e non infermieristico di ospedali, cliniche, case di riposo, strutture per persone con disabilità, per tutti i professionisti o volontari che operano a contatto con persone anziane o deboli, anche domiciliari, sarà resa obbligatoria la vaccinazione” .

“Tutti questi professionisti a contatto con persone vulnerabili  avranno due mesi per vaccinarsi e questa prescrizione riguardera’ non solo medici e infermieri ma anche badanti , i cosiddetti caregiver e vigili del fuoco”. 

"Dal 15 settembre saranno operativi i controlli e le sanzioni", ha chiosato, riferendosi al preannunciato disegno di legge in arrivo con una convocazione del Parlamento in sessione straordinaria il 21 luglio prossimo a Parigi.

"Dobbiamo muoverci verso la vaccinazione di tutti i francesi perché è l'unico modo per tornare alla vita normale" , ha continuato il presidente francese, preannunciando una "nuova corsa di velocità"  contro la diffusione della variante Delta del virus. 

Tale obbligo, più ampio del previsto, pare sia stato accolto positivamente da gran parte della comunità medica, che si era espressa a suo favore. In un testo firmato al termine di un incontro con il ministro della Salute, Olivier Véran, il 7 luglio, una quindicina di ordini delle professioni sanitarie, in particolare medici e infermieri, federazioni sanitarie e istituti medico-sociali, si erano infatti espressi per il "voto di una legge il prima possibile sull’ obbligo vaccinale" .

"Difendiamo l'obbligo dall'inizio della campagna per gli operatori sanitari e per tutti coloro che si prendono cura delle persone cosiddette fragili" , ricorda Frédéric Valletoux, capo della Federazione ospedaliera francese. 

Valletoux va anche oltre , sostenendo l'estensione di questo obbligo a tutte le professioni : "Questo consentirebbe di accettare meglio questo obbligo ed evitare un effetto penalizzante per i medici e infermieri "

Nelle strutture ricettive per anziani non autosufficienti , le Ehpad corrispondenti alle nostre Rsa, l'obbligo di vaccinazione e’ visto con sollievo . 

"È una liberazione", afferma Marie Prat, coordinatrice presso la casa di cura Les Cèdres, a Malataverne (Alta Loira). "È la speranza di un ritorno a una vita normale per i nostri anziani. Da tre residenti contaminati, siamo tenuti a chiudere la casa di cura agli estranei. E un badante contaminato equivale ad un impiegato assente, quando già abbiamo una forte carenza di personale. "

Di Cristian Coppotelli


© Riproduzione riservata