SPAGNA : INCOSTITUZIONALE IL LOCK DOWN . MANCA IL SI DEL PARLAMENTO

SPAGNA : INCOSTITUZIONALE IL LOCK DOWN . MANCA IL SI DEL PARLAMENTO

La Corte Costituzionale spagnola ha dichiarato illegittime le misure approvate dal Governo nel marzo dello scorso anno per l’ emergenza sanitaria

stampa articolo Scarica pdf

La Corte Costituzionale spagnola si e’ pronunciata sul ricorso del partito di opposizione “Vox” , stabilendo che per obbligare al confinamento l'intera popolazione è necessario dichiarare lo “ stato di eccezionalita’ ”, cosa che può essere fatta solo dal parlamento, su proposta dell'Esecutivo. 

La dichiarazione di incostituzionalità del decreto , comunque , non produrra’ responsabilità patrimoniali in capo alla Spagna per le attività di società e imprese che si sono dovute fermare a causa del lockdown tuttavia i cittadini spagnoli potranno essere rimborsati dell'importo delle sanzioni a loro eventualmente inflitte per aver infranto il confinamento.

La sentenza , approvata con un solo voto in maggioranza, quindi , dichiara parzialmente incostituzionale il decreto sullo stato di emergenza e segna una linea di condotta per il futuro, in quanto il governo dovrebbe passare dai voti del congresso per far passare eventuali nuove misure restrittive della libera circolazione delle persone.

Forti le reazioni del mondo politico spagnolo , con in testa il ministro della Giustizia, Pilar Llop, che ha difeso le misure antipandemia : "il confinamento ha salvato 450.000 vite . Questa sentenza ci lascia interdetti ".

La Llop ha dichiarato , inoltre , che il governo ha dichiarato lo stato di allarme il 14 marzo 2020 : “Solo tre giorni dopo che l'Organizzazione mondiale della sanità aveva dichiarato la pandemia , vista l'estrema emergenza sanitaria e la velocità di diffusione della malattia. Il dovere del governo era quello di adottare misure immediate, urgenti e proporzionate", ha aggiunto.

Il ministro ha comunque assicurato che il governo "rispettera’ i criteri della Corte" , ma ritiene che l’ azione dell’ esecutivo sia comunque stata : “ conforme ai parametri costituzionali, come sostenuto da cinque magistrati della stessa Alta Corte " (su 11 n.d.r.) 

"Siamo di fronte a una decisione senza precedenti poiché tutti i Paesi intorno a noi hanno fatto ricorso a misure simili, all'interno dei rispettivi codici, per combattere la pandemia" conclude. 

Fonti governative ricordano , inoltre , che la Corte costituzionale si è pronunciata dopo il ricorso presentato da Vox , una formazione politica che, tra l'altro, aveva votato a favore dello stato di allarme quando è stata presentata per la prima volta al Congresso".

Di Cristian Coppotelli

© Riproduzione riservata