Milan 4 - 1 Cagliari 29.08.2021

Giroud si presenta ai nuovi tifosi con una doppietta

stampa articolo Scarica pdf

Prima in casa della stagione per il Milan, che contro il Cagliari prova a dare continuità alla vittoria di Genova e riscattare la brutta prova della penultima giornata dello scorso campionato, quando il pareggio interno privo di reti fece pensare al peggio in vista della lotta per un posto in Champions League, poi guadagnato andando a prendere it tre punti a Bergamo contro l'Atalanta.

Formazione invariata per Pioli, che conferma l'undici vincente lunedì scorso in attesa di qualche rinforzo dal mercato e il rientro degli infortunati.  Difesa a tre per Semplici, che in attacco si affida alla coppia di veterani formata da Joao Pedro e Pavoletti, supportata dal centrocampo a tre formato da Strootman, Marin e Nandez, con quest'ultimo che resta al suo posto nonostante le molte voci di mercato che lo riguardano.

Ritmi altissimi fin dalle prime battute, con Giroud che dopo due minuti scalda le mani a Radunovic, costretto a deviare in angolo un suo colpo di testa e poco dopo è lo stesso francese a liberare Leao da solo davanti al portiere con un colpo di tacco, ma il portoghese non trova il tempo giusto per calciare in porta e spreca tutto. Sono i prodromi del vantaggio rossonero, che arriva grazie ad una punizione col contagiri di Sandro Tonali, che pesca l’angolino dove il sostituto di Cragno non riesce ad arrivare.

La squadra di casa non fa in tempo ad esultare che il Cagliari trova il pareggio: Joao Pedro trova l’imbucata per Deiola, che approfitta di un momento di disattenzione della difesa per battere Maignan. Ci si potrebbe aspettare un contraccolpo per il Milan, che invece ha la fortuna di passare nuovamente in vantaggio con un tocco fortunoso di Brahim Diaz che devia in porta una conclusione di Leao destinata a spegnersi sul fondo. La squadra di Pioli gioca a memoria e penetra nella difesa avversaria come un coltello nel burro, trovando altre due reti prima della fine della duplice fischio, entrambe con Giroud. La prima arriva dopo una bella azione del numero dieci rossonero, che trova il compagno con un filtrante perfetto che gli spalanca la porta. La seconda è su rigore, calciato molto bene dal francese che trasforma nonostante Radunovic avesse intuito la direzione del pallone. Si va quindi negli spogliatoi sul risultato di 4-1.

Come prevedibile, nella ripresa i ritmi calano e con loro le emozioni, anche se gli spettatori non smettono mai di incitare il Milan, tirando fuori tutto quello che avevano tenuto dentro nell’ultimo anno e mezzo. Lato Cagliari si segnala un colpo di testa di Pavoletti, mentre i rossoneri provano ad arrivare in porta con azioni manovrate, senza dannarsi troppo, ad eccezione di uno scatto di Leao a metà frazione, che prova a mandare in porta Giroud proprio all’ultimo pallone giocabile, prima di essere sostituito da Rebic e dare inizio alla girandola dei cambi.

FORMAZIONI UFFICIALI:

Milan (4-2-3-1): Maignan; Calabria, Kjaer, Tomori, Theo Hernandez; Tonali (68’ Bennacer), Krunic, Saelemaekers (68’ Florenzi), Brahim Diaz (85’ D. Maldini), Leao (68’ Rebic); Giroud (91’ Castillejo). All. Pioli.

Cagliari (3-5-2): Radunovic; Ceppitelli (64’ Zappa), Godin, Carboni; Nandez, Deiola (85’ Pereiro), Strootman (75’ Farias), Marin, Dalbert (75’ Lykogiannis); Joao Pedro, Pavoletti (85’ Ceter). All. Semplici.

 Matteo Tencaioli

© Riproduzione riservata