1° Settembre 1912-1° Settembre 2021: Buon Compleanno, AC Monza!

1° Settembre 1912-1° Settembre 2021: Buon Compleanno, AC Monza!

La compagine simbolo della Brianza spegne 109 candeline. Una gloriosa storia di alti e bassi, con un sogno da realizzare: la Serie A

stampa articolo Galleria multimediale Scarica pdf

Oggi l’AC Monza “spegne” 109 candeline: la società brianzola è stata, infatti, fondata il 1° settembre 1912.

La lunga storia dei “bagai” (ragazzi) della Brianza è costellata di alti e bassi, di grandi soddisfazioni e di grandi delusioni, ma sempre con un punto cardine: l’identità brianzola, di quel territorio sì vicinissimo a Milano ma con una sua gloriosa storia (la Corona Ferrea è solamente uno degli esempi).

Tra gli alti figurano le quattro affermazioni (record) nella Coppa Italia di Serie C (1973-’74, 1974-’75, 1987-’88 e 1990-’91), il trionfo del 1976 nella Coppa Anglo-Italiana, l’aver contribuito al successo della FIGC nella Coppa delle Alpi 1961 e (soprattutto) il “Turbo Monza” di fine anni Settanta, quando dal 1976 al 1980 il sodalizio brianteo sfiorò la promozione in Serie A per ben quattro stagioni consecutive.

Non vanno dimenticati i bassi (che fanno comunque parte della storia), tra i quali il fallimento dell’estate 2015, che comportò la radiazione e la successiva rinascita in Serie D, preambolo di un alloro: lo scudetto dilettanti del 2016-’17.

Si giunge, quindi, alla storia recente, con l’arrivo (all’inizio della stagione 2018-’19) della Fininvest, col “brianzolo DOC” (già dirigente del “TurboMonza”) Adriano Galliani quale amministratore delegato e i fratelli Paolo e Silvio Berlusconi rispettivamente nei ruoli di presidente e patron: partito dalla Serie C, il club biancorosso conquista le cadetteria al termine dell’annata 2019-’20, sfiorando lo storico balzo in massima divisione nel 2020-’21, cedendo nelle semifinali dei play-off dopo il terzo posto (miglior risultato di sempre) raggiunto nella “regular season”.

Il resto è una storia ancora da scrivere.

O, meglio, un sogno da realizzare: quella Serie A che consisterebbe in un riconoscimento sia per Monza (terza città della Lombardia con 124mila abitanti, alle spalle di Milano -1 milione e 400mila- e Brescia -195mila-) sia per quella Brianza che, pur essendo assai vicina alla metropoli meneghina, ha una sua storia e delle sue particolarità e che consiste in una delle aree più produttive d’Europa.

Giuseppe Livraghi

Fonte della fotografia: Archivio Unfolding Roma Magazine

© Riproduzione riservata

Multimedia