Un Volo A Metà Di Nome Jeremie Boga

Breve "scheda" dell'attaccante del Sassuolo

stampa articolo Scarica pdf

Jérémie Boga è nato a Marsiglia (Francia) da genitori ivoriani, trasferendosi in Inghilterra nel 2009, all'età di 12 anni.

Calcisticamente cresciuto nelle giovanili del Chelsea, durante la stagione 2014-2015 viene chiamato sporadicamente in prima squadra.

Dopo vari prestiti, il 21 luglio 2018 viene acquistato dal Sassuolo per circa quattro milioni di euro, firmando un contratto quadriennale.

Debutta il 12 agosto seguente nella partita di Coppa Italia vinta per 5-1 contro la Ternana, subentrando a Federico Di Francesco al 75º minuto di gioco.

Sette giorni più tardi esordisce anche in Serie A, nella vittoria interna (1-0) contro l'Inter.

Il 16 marzo 2019 mette a segno la sua prima marcatura nella partita persa per 3-5 contro la Sampdoria. Si ripete in altre due occasioni durante la stagione, collezionando 25 partite e tre reti.

L'anno successivo diviene titolare fisso dei neroverdi, fornendo ottime prestazioni e trovando la via del goal anche contro squadre blasonate come Inter, Juventus e Roma: finisce il campionato 2019-2020 con 34 partite giocate, 11 goal e 2 assist.

Super corteggiato da molte squadre nel calciomercato anche in tale stagione, il francese ha sicuramente ricevuto i complimenti di allenatori, compagni e addetti ai lavori ma come l'anno precedente resta ancora nella sua Sassuolo: per scelta o per forza? Questo è il dilemma...

Gioca prevalentemente come ala offensiva su entrambe le fasce (il più delle volte su quella di sinistra, essendo abile nel rientrare con il destro), ma grazie alla sua duttilità in campo può agire anche come seconda punta o da trequartista. Fa della velocità, del dribbling e della tecnica individuale i suoi punti maggiori di forza, distinguendosi anche per la visione di gioco e la qualità nei passaggi, senza dimenticare che dispone di un ottimo tiro sia dalla breve che dalla media distanza.

Il vero tassello mancante per questo quadro è forse la caratteristica che differenzia un ottimo prospetto da un campione: la continuità di rendimento .

Nella passata stagione, il ragazzo non ha mai dato l'impressione di superare quel difficile gradino che porta nell’Olimpo, in quanto con le sue 27 presenze, ha ottenuto la miseria di 4 sole reti: un po’ poco, se si pensa ai 71 goal realizzati della squadra sassolese.

Prospetto sicuramente potenziale e futuribile, ormai marchio di casa come la maggior parte degli acquisti del DS Giovanni Carnevali: vedremo se riuscirà a sbloccare le statistiche ed a convincere soprattutto se stesso di quello che potrebbe essere.

Fabio Semprini Cesari

Fonte della fotografia: Emanuele Gambino (Unfolding Roma Magazine)

© Riproduzione riservata