Milano Hanno Brillato Le Stelle Del Giacinto Facchetti Awards

Milano Hanno Brillato Le Stelle Del Giacinto Facchetti Awards

Anche il romano Lorenzo Vanni tra i calciatori del Giacinto Facchetti Awards

stampa articolo Scarica pdf

Tra le stelle che hanno brillato al "Giacinto Facchetti Awards", c'era anche una stella romana: Lorenzo Vanni. Non solo calciatori al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano per la consegna dell'ambito premio in ricordo dello storico capitano dell'Inter, assegnato a personalità che si sono distinte per doti atletiche e fair play.

L'appuntamento è stato il 20 settembre 2021 al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, alla Sala Puccini. La serata, organizzata da Eros Pogliani e Nadia Bravo, ha visto assegnare premi a varie categorie: Campioni (Ruud Gullit

Lothar Matthaus, Cristian Chivu , Samuel Eto’o , Vittorio Brumotti) Dirigenti sportivi, Atleti olimpici (Marcell Jacobs , Federica Cesarini ) Calciatori in attività (Tommaso Augello Mattia Agnese), Allenatori (Paolo Camossi, Paolo Nicolato ), Manager sportivi (Marcello Magnani e Claudio Vigorelli ) e Giornalisti. Il premio Sportivo per sempre è andato a Filippo Magnini, quello per la sezione Spettacolo a Enrico Ruggeri e quello per la Letteratura a Lorenzo Vanni.

Filippo Magnini ha qui incontrato un suo idolo: "Sono interista di famiglia, per cui è un onore essere qui. Ho i ricordi di mio nonno, che ha tramandato a mio padre il suo essere interista, mio padre lo ha tramandato a me. Il mio idolo era Matthaus che oggi è qui".

Il premio per la letteratura è andato ad un famoso imprenditore romano, che ha appena presentato il suo primo libro, Lorenzo Vanni, autore de “Il Sano de-mente”. “Ringrazio la famiglia Facchetti e l’organizzazione dei Giacinto Facchetti Awards, in special modo la signora Nadia Bravo, per aver deciso di assegnarmi l’ambito premio. Ricevere detto premio a Milano, davanti a un parterre di grandissimi campioni dello sport e non solo, è stato per me un onore e un’ emozione davvero indescrivibile, che mi ha dato la certezza di aver realizzato uno scritto innovativo e gettato le basi per la creazione di nuove opere da “In-Te-Leggere...”, senza spazio e senza tempo.

Non abbiano chiesto a Lorenzo Vanni per chi tifi... Lo spirito della serata è stato quello del grande campione Giacinto Facchetti, campione nello sport e nella vita. Considerato un innovatore del ruolo di terzino, per via della sua costante partecipazione al gioco d’attacco, Facchetti è ritenuto uno dei migliori giocatori nella storia del calcio italiano. Ha indossato la maglia dell'Inter dal 1960 al 1978, collezionando 634 presenze e 75 reti vincendo nove trofei, sia a livello nazionale, con quattro campionati e una Coppa Italia, che internazionale, con due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali. Capitano della nazionale italiana dal 1966 al 1977, si è laureato campione d’Europa nel 1968, unico successo dell’Italia nella competizione. Con la maglia azzurra ha preso parte anche a tre edizioni del Campionato del mondo (Inghilterra 1966, Messico 1970, Germania Ovest 1974) laureandosi vicecampione nel 1970 e totalizzando 94 presenze; tra il 1971e il 1981 è stato il recordman per numero di partite disputate con la maglia azzurra.

Giacinto Facchetti Awards 2021, organizzato da Eros Pogliani con NB Management, si svolge con il patrocinio del Parlamento della Legalità Internazionale.

Il Parlamento della Legalità Internazionale è un movimento culturale, interconfessionale e interreligioso che trova le sue radici nella “sete” di Verità e Giustizia a partire dalle stragi di capaci e via D’Amelio, che vede tra i suoi fondatori Rocco Chinnici. Nato anche per volere del giudice Antonino Caponnetto, il Parlamento della Legalità Internazionale ha come obiettivo e finalità quello di dialogare principalmente con il mondo scuola e società civile affinché chiunque, a partire dal proprio talento naturale (letterario, artistico, musicale, sportivo, o quant’altro) si metta in gioco per cooperare allo sviluppo del territorio e insieme divenire artefici e protagonisti di un presente “a colori”.

Alessia de Antoniis

© Riproduzione riservata