IL MAESTRO ORAFO

IL MAESTRO ORAFO

L’istinto per il bello porta l’artista Dario Gargiulo a creazioni di gioielli unici realizzati con le antiche tecniche della oreficeria artigianale

stampa articolo Scarica pdf

Se c’è un gioiello che prescinde il suo essere ornamento per rappresentare lo stato d’animo di chi l’indossa è quello creato da Dario Gargiulo, il maestro orafo napoletano che in questi giorni insieme al pittore Ciro D’Alessio è protagonista della mostra Chaos e Cosmos in programma allo Spazio 57 di Napoli fino al 27 maggio. Diplomato con il massimo dei voti presso l’Istituto d’arte con indirizzo oreficeria e gioielleria, ha potuto acquisire una approfondita esperienza grazie a corsi di perfezionamento e formazione oltre all’esperienza sul campo presso gioiellerie e aziende orafe fra le più accreditate della Campania. Con il marchio Dario Jewel Design ha realizzato il suo primo studio di progettazione ed è riuscito a farsi strada con successo alle fiere di settore di Milano, Roma, Napoli. Oggi, con un’arte che miscela perfettamente antico e moderno Dario realizza creazioni uniche che provocano sempre un forte impatto emotivo ed emozionale. Proprio alla mostra nella sua Napoli abbiamo avuto l’occasione di conoscerlo meglio scoprendo un personaggio che nella sua arte ci mette tanta passione ed entusiasmo.

Pochi giorni di programmazione e la mostra Chaos e Cosmos è già un successo. Come è nata l’idea?

E’ nata dalla forte amicizia con il maestro D’Alessio che dura da tanti anni. Pur facendo due mestieri totalmente differenti ci siamo chiesti se la pittura poteva dialogare con i gioielli fondendo il nostro modo di fare arte. Così abbiamo pensato di considerare la materia pittorica e la materia preziosa prima in un dissolvimento e poi in una ricongiunzione attraverso la fusione. Ecco che è venuto fuori il tema del caos e poi del riordino, della materia che si dissolve per poi riunirsi trovando ispirazione anche in Esiodo e la mitologia greca. In maniera quasi spontanea le nostre produzioni artistiche hanno finito per rivelarsi in una perfetta commistione anche perché i gioielli dialogano con i quadri e viceversa.

Nei tuoi gioielli si può ammirare tutto il fascino delle miniature. E’ proprio voluta questa tecnica che si rifà all’artigianato del passato?

Certo, faccio scultura e miniatura da oltre 20 anni e insegno anche storia del gioiello ai ragazzi proprio facendo capire quanto è importante rifarsi anche ai modelli e alle tecniche delle vecchie generazioni. Per me è fondamentale il dettaglio per questo mi concentro molto sull’incisione e sulla micro incisione orafa grazie anche alle tecniche artigianali. Infondo per realizzare un bel gioiello cerco di usare il vecchio mestiere adattandolo con le nuove tecnologie per un perfetto connubio fra classico e moderno.

Hai dichiarato che per te ogni gioiello è un simbolo. Ci spieghi bene cosa significa?

Voglio che il gioiello ritorni un po' al suo antico significato di amuleto, portafortuna, o come pezzo da portare con se sempre anche dando ognuno il significato che vuole, infatti ogni opera può esprimere ogni aspetto dello scibile del pensiero umano come una data , un evento , un sogno, un amuleto che può porta serenità qualcosa ispirato all’amore come gli “Oscillum” che trovano ispirazione dai dischi di bronzo che in epoca greca venivano affissi vicino agli alberi durante le festività dedicate al dio Dioniso. Quando il vento le faceva oscillare si credeva in un messaggio della divinità che interveniva fra gli uomini per benedirli. Proprio alla forma di un oscillum ho applicato quattro divinità simbolo dei diversi aspetti dell’amore come Zeus l’amore divino e eterno, Ermes l’amore per la conoscenza, Aphrodite l’amore per eccellenza, Pan amore carnale e intenso.

Si può dire che i tuoi gioielli non sono mai uguali a se stessi?

In effetti sono gioielli che si trasformano come per le collezioni “Keplero” e “MoonPhases” ispirate agli astri. La prima consente di fermare le stelle e i pianeti in un determinato istante, mentre la seconda permette di ruotare a proprio piacimento le fasi Lunari per scegliere quella che più si addice allo stato d’animo del momento. La luna piena per esprimere una donna matura, la luna nera per la donna che sta cambiando, la luna calante come mistero, la luna crescente per un nuovo inizio e fase di vita. E poi c’è il forte simbolismo come il ciondolo Medusa che caccia la lingua perché non dobbiamo mai avere paura di dire ciò che pensiamo, Steno chiude gli occhi per pietrificare qualcuno che non ci è gradito, Euriale che serra le ali per potersi mostrare al momento opportuno.

Cosa ti regala più soddisfazione quando vedi un tuo gioiello indossato da qualcuno?

Il fatto che riesce a diventare qualcosa di molto personale. Molti, infatti, mi dicono che qualsiasi gioiello da me creato diventa quasi una calamita grazie a un forte potere attrattivo che si riesce ad esercitare sugli altri trasmettendo un po' della propria personalità.

Rosario Schibeci

© Riproduzione riservata