Calcio&Scommesse Uniti Da Fabrizio Corona

Calcio&Scommesse Uniti Da Fabrizio Corona

Altro che "pausa Nazionale": torna l'incubo calcioscommesse? Per ora, è esploso il caso "Fabrizio Corona"

stampa articolo Scarica pdf

Non è stata la solita pausa per le Nazionali: si, è vero: l'Italia guidata dal ct Luciano Spalletti ha battuto Malta per 4 a 0 e perso per 3 a 1 contro l'Inghilterra, a Wembley, rimandando tutto il discorso qualificazione ad Euro 2024 al doppio impegno contro Macedonia del Nord e Ucraina. Sfide delicate e decisive, ma a tenere banco in queste ore è il tema calcioscommesse, che si incastra con il grave problema della ludopatia, e tutto è legato da un filo che si chiama Fabrizio Corona. In un crescendo che parte da lontano, da un'inchiesta iniziata ad agosto: Nicolò Fagioli, giovane giocatore della Juventus, si sarebbe autodenunciato ad agosto, ammettendo di aver scommesso, di essersi indebitato fino a 3 miloni di Euro. Cifre folli, minacce, incapacità di uscirne, di ascoltare i consigli anche della mamma, che lo hanno portato nel baratro della ludopatia. Il bubone è esploso però solo qualche giorno fa ed ecco che è tornato alla ribalta Fabrizio Corona, da poco tornato ad essere un uomo libero, e pronto con le sue ricerche, indagini parallele a quelle della procura, a sua detta, di portare alla luce i nomi di tutti i giocatori coinvolti. I primi sono quelli di Tonali e Zaniolo: gli ex Milan e Roma sono stati raggiunti dalla polizia a Coverciano, hanno lasciato il ritiro azzurro in un clima tutt'altro che disteso. Ed è solo l'inizio, perchè Corona tramite i suoi profili social ha annunciato che giocatori, società ed addetti ai lavori coinvolti sono tantissimi, tanti da rompere il gioco calcio.

Il quarto nominato il giallorosso Nicola Zalewski: a detta di Corona, il giallorosso scommetterebbe sempre e con lui anche Gatti e il laziale Casale. I vari condizionali, però, sono d'obbligo: è sempre Fabrizio Corona a fare nomi, sganciare scoop, presenziare in trasmissioni televisive per poi denunciare le stesse per "censura". Ospite nel programma di Rai3 di Nunzia De Girolamo "Avanti popolo", Corona non ha potuto, a sua detta, far sentire audio eclatanti e snocciolare altri scommettitori, veri e presunti. Così, in attesa di saperne di più su quello che potrebbe essere il nuovo incubo calcioscommesse, a tenere banco è sempre il solito Fabrizio Corona: prima i social, poi il suo giornale on line, quindi una serie di ospitate, infine il Tapiro consegnato da Striscia la Notizia, tra uno scoop e l'altro, tra una frecciatina lanciata e un'esclusiva censurata, l'ex re dei paparazzi concentra su di sè ogni attenzione. 

Intanto tra due giorni riparte il campionato, la Champions, l'Europa League: il pallone riprenderà a rotolare, i fari illumineranno (finalmente) il vero  rettangolo verde che fa emozionare gli appassionati: il campo, lo stadio.

Enrica Di Carlo

© Riproduzione riservata