Sassuolo Lazio 0 2 Anderson E Luis Alberto La Decidono In Un Tempo

Sassuolo Lazio 0 2 Anderson E Luis Alberto La Decidono In Un Tempo

La Lazio riparte dal Mapei Stadium con tre punti ottenuti grazie ad una bella vittoria firmata da Felipe Anderson e Luis Alberto che chiudono la questione in un tempo

stampa articolo Scarica pdf

Dopo una pausa Nazionale in cui di calcio si è parlato poco, torna la Serie A e torna la Lazio. La nona giornata di Serie A vede i Capitolini battere agevolmente il Sassuolo con un secco 2 a 0 deciso nel primo tempo grazie alle reti di Anderson e Luis Alberto. Tre punti che confermano la fase di ripresa della squadra di Sarri, danno continuità alla vittoria casalinga ottenuta contro l'Atalanta e permettono di preparare al meglio la trasferta di Rotterdam contro il Feyenoord valida per la terza giornata di Champions League.

Le scelte - Al Mapei Stadium Sarri è in tribuna per scontare la squalifica, ma è costantemente collegato con il vice Martusciello in panchina. In campo, invece, il tridente d'attacco è formato da Anderson, Pedro e Castellanos con Immobile e Zaccagni in panchina. Leader indiscusso non solo del centrocampo Luis Alberto, Guendouzi e Rovella completano il reparto mentre in difesa Patric al posto di Casale fa coppia con Romagnoli.


La partita -


Luis Alberto sin dai primi minuti, ispira e finalizza, non in modo perfetto. È quasi magia: inventa per Felipe Anderson, il brasiliano restituisce il favore con un assist centrale dove lo spagnolo arriva, ma non in modo perfetto.

Al 17^ occasione immensa per la Lazio: ancora un recupero di Luis Alberto che "sceglie" Felipe Anderson. Fa tutto bene il numero 7, ma Consigli si supera e con un super intervento si salva in angolo. Dalla bandierina Luis Alberto pesca Romagnoli, questa volta è la traversa ad aiutare il portiere dei neroverdi.

Lazio in vantaggio al 28^: errore di Tressoldi, pressione di Luis Alberto e Castellanos, con l'attaccante che ha la meglio e riesce a servire Anderson che questa volta non sbaglia e sblocca il risultato.

Tutto molto facile per la Lazio e per Luis Alberto che al 36^ raccoglie il cross, perfetto, di Felipe Anderson, approfitta dell'errore della difesa del Sassuolo e firma il raddoppio al Mapei Stadium.

Al 43^ giallo per Pedro che regala ai padroni di casa un calcio di punizione interessante. Sul pallone Berardi che ci va di potenza, ma colpisce e atterra Lazzari. Chiude in attacco la Lazio: cross di Lazzari, pericoloso l'intervento di Toljan che sfiora un clamoroso autogol. In chiusura di primo tempo, sfiora il terzo gol anche Castellanos. Secondo tempo -

Dionisi ne cambia tre dopo il disastro del primo tempo: dentro Erlic, Vina e Thorstvedt per Tressoldi, Pedersen e Racic e qualcosa si vede.

Ci prova Berardi, con una conclusione murata da Patric.

I primi minuti di questo "nuovo Sassuolo", hanno evidentemente impensierito Martusciello in panchina e Sarri in tribuna, che al 53^ effettuano i primi cambi: dentro Cataldi e Zaccagni per Rovella e Pedro.

Al 56^ Lazio vicinissima al terzo gol prima con Luis Alberto che si gira bene, ma cicca il allone. Bravo Cataldi ad avventarsi sul pallone e tentare una conclusione stilisticamente perfetta, ma sfortunata: si scaglia sul palo.

Al 60^ si affaccia in area il Sassuolo: fa tutto bene Berardi, serve Laurientè che libera il suo tiro, fuori.

Cambia ancora Dionisi: fuori Castillejo, dentro Defrel.

Rosso frettoloso di Di Bello al 62^ che mostra il rosso diretto a Provedel che avrebbe preso il pallone fuori dall'area. Scelta coraggiosa dell'arbitro che scatena le polemiche da una parte e dall'altra, ma tutta la situazione viene risolta al Var: Provedel ha preso il pallone all'interno dell'area, quindi non è rosso e la Lazio resta in undici.

Al 66^ Martusciello opta per la sostanza e l'esperienza: dentro Vecino per Guendouzi, con un occhio evidentemente alla Champions e alla formazione da schierare contro il Feyenoord. Al 74^ giallo per Luis Alberto che ferma in modo falloso Laurientè che si era involato verso l'area biancoceleste: il francese ci prova, ma il suo tiro è da dimenticare.

Ancora vicina la Lazio al gol del 3 a 0 con Zaccagni che non inquadra la porta.

Al 78^ gli ultimi cambi per i biancocelesti: dentro Kamada per Luis Alberto, infastidito per il cambio, e Ciro Immobile per Castellanos. La fascia da capitano torna sul braccio del bomber, acclamato dai tifosi biancocelesti che hanno riempito il settore ospiti del Mapei.

IL 2 a 0 va strettissimo alla Lazio: occasione clamorosa sui piedi di Vecino, che incredibilmente manda fuori.

Nel finale, per il Sassuolo c'è spazio per Mulattieri al posto di Pinamonti, ma è sempre la Lazio a rendersi pericolosa. Ci prova Cataldi direttamente dal corner, ma riescono a salvarsi i padroni di casa con l’ennesima super parata di Consigli.

Al 95^ termina con il risultato confezionato nei primi 45 minuti: la Lazio ottiene tre punti fondamentali per certificare il suo ritorno se non ai piani alti della classifica, sicuramente al livello di gioco e qualità della passata stagione. E ora la Champions.

Enrica Di Carlo

© Riproduzione riservata